Skip to content

La rivoluzione digitale e la crisi del giornalismo in Italia. Analisi di un fenomeno mediale ed esistenziale

Scelte editoriali e politiche pubblicitarie: il caso ''Vice'' Italia

Nell'attuale panorama del giornalismo risulta fondamentale la conoscenza del proprio pubblico. In questa logica una strategia vincente sembra essere quella di intercettare le communities, le tribù, i gruppi ristretti e a loro dedicare prodotti editoriali targettizzati. Un particolare caso di iniziativa editoriale che applica in maniera evidente i principi del marketing alla sua strategia è "Vice", una testata free press nata negli anni '90 in Canada e subito divenuta una realtà statunitense, per poi espandersi alla fine degli anni '90 su scala internazionale. Affiancato da una versione cartacea gratuita, il core business della testata è assolutamente il web.

A parlarci di questa esperienza è Valentina Sansoni, business developer di "Vice" Italia. La testata, che si appresta a spegnere le dieci candeline nel nostro paese si rivolge ad un target di mercato di millennials, con un'età compresa tra i 16 ed i 40 anni, un buon livello culturale e una pretesa: quella di un'informazione e intrattenimento che sia come loro, senza filtri e senza tabù. Una vera e propria cultura giovanile, ossessionata dalle novità e dalle tendenze più alternative.

L'identità di "Vice" si rispecchia dunque in un linguaggio assolutamente senza filtri, irriverente, un giornalismo "gonzo", che va sul campo a vivere le esperienze di cui parla. Il pubblico è conosciuto tramite un'interazione molto forte, che ha luogo soprattutto sui social network, dove l'utenza esprime chiaramente i suoi pareri positivi o negativi sul lavoro della redazione. Nel caso italiano "Vice" trae il 50% dei propri contenuti dalla traduzione di articoli stranieri sempre targati "Vice" e produce sul territorio l'altro 50%.

Come spiega Valentina, dieci anni fa non è stato facile trovare la giusta strada da imboccare per far convivere un format di derivazione statunitense con il mercato dell'informazione italiana, per niente abituato ad un prodotto simile e profondamente intriso di politica. Il risultato è stato un prodotto studiato per l'Italia, che ha aggiunto alla formula statunitense, esuberante e giovanile, la trattazione di temi e vicende legati all'attualità e alla politica, mantenendo sempre quell'attitudine pungente, cinica ed irriverente che contraddistingue il dna "Vice".

La particolarità di questa esperienza è inoltre la sinergia che si sviluppa tra il prodotto editoriale ed il target di mercato a cui lo stesso è rivolto. Dire che il pubblico è conosciuto e interagisce con la testata aiutando a definirne la linea editoriale non è sufficiente per descrivere il fenomeno. I gusti e le tendenze del pubblico coincidono e sono aderenti a quelle dei curatori e dei giornalisti, per questo il limite tra la redazione ed il pubblico in termini di gusti e interessi è sottile, i giornalisti sono l'informazione che producono, come il pubblico è l'informazione che consuma.

"Vice" ha una forte identità, un prodotto profilato e unico che si posiziona sul mercato, almeno nel caso italiano senza essere minacciato da competitor. Portare avanti la credibilità di questo brand giornalistico significa anche selezionare le aziende da pubblicizzare, le quali a loro volta si rivolgono a "Vice" perché rappresenta per loro un canale unico per intercettare un determinato target. Ecco che la testata ed il marchio si scambiano valore vicendevolmente. Questo valore passa non solo dalla tipologia di marchio pubblicizzato, che riscontra i gusti del pubblico e la linea editoriale scelta, ma anche nelle forme in cui questa pubblicità viene portata avanti.

Valentina Sansoni spiega che il pubblico di "Vice" ha una soglia di consapevolezza molto alta nei confronti della pubblicità che gli è diretta, ed è molto critico. In questa logica la pubblicità deve essere trasparente, cioè palesemente dichiarata oppure diluita in una forma per la quale il marchio passa in secondo piano. Una formula utilizzata da "Vice" è per esempio il coinvolgimento del pubblico in un evento pubblico in cui figura anche la presenza di un marchio come sponsor. Il business pubblicitario di "Vice" Italia è un successo che basa gran parte della sua forza su di un brand che ha costruito la sua credibilità in buona parte oltre oceano, godendo in questo modo della sinergia con importanti marchi multinazionali come Nike e Adidas, che oggi investono le loro risorse di comunicazione anche nelle altre testate nazionali, come quella italiana.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rivoluzione digitale e la crisi del giornalismo in Italia. Analisi di un fenomeno mediale ed esistenziale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Marini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giuseppe Dino Baldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi