Skip to content

Il legittimo affidamento: i limiti all'annullamento e alla revoca.

La tutela dei diritti quesiti

Un secondo limite all’esercizio legittimo della revoca è rappresentato dai diritti quesiti (vested rights nella tradizione comunitaria). Si tratta di una categoria di diritti non del tutto definita, neppure a livello legale, ma che configura la presenza di una posizione acquisita dal singolo per il decorso di un determinato arco temporale che non potrà essere arbitrariamente rimossa dalle autorità.

Il 21 quinquies tace riguardo al destino di coloro i quali vantano un diritto soggettivo costituito dal provvedimento di primo grado dal carattere ampliativo; tale mancanza è stata fortemente criticata.

La Corte di Giustizia ritiene di ascrivere la loro tutela alla più ampia dimensione della certezza del diritto nella quale rientra anche l’affidamento legittimo del cittadino. La giurisprudenza comunitaria stabilisce la non possibilità di sacrificare tali diritti in quanto sono oramai “acquisiti” al patrimonio del destinatario.

Nel nostro ordinamento, la problematica vede un contrasto in seno a due principi costituzionali situati nell’articolo 97. Laddove si consentisse la revocabilità senza il limite in esame si garantirebbe il principio di buon andamento, all’inverso una protezione dei diritti acquisiti gioverebbe all’assioma dell’imparzialità. Nel passato si era sostenuta la impossibilità di revocare provvedimenti costitutivi di diritti soggettivi perfetti, neppure in presenza di un interesse pubblico concreto a attuale che si ponesse in conflitto con tali posizioni individuali.

Da registrare anche opinioni volte a dare valore ai diritti quesiti quale limiti di esistenza; in tal guisa si è trovato applicazione solo nell’ipotesi dello ius poenitendi. Dall’altro lato al cospetto di un fatto sopravvenuto si ê distinta la legittimità della revoca supportata da una adeguata motivazione dal quale risaltino i criteri utilizzati per addivenire a tale risultato.

Badiamo bene, si potrà revocare un atto idoneo a costituire diritti solo nella misura in cui lo stesso sia di natura provvedimentale e autoritativa; in virtù di atto paritetico frutto della consensualità la revoca non sarà configurabile.
Come limite alla legittimità il diritto quesito ha ottenuto maggior successo ancora una volta nelle fila di quel principio di correttezza, corollario dell’imparzialità, che onera le amministrazioni di effettuare un bilanciamento tra i vari interessi in contrasto. Certo è che l’interessato ê portatore di un diritto, dunque il “peso” nella bilancia sarà ben più importante riducendo lo spazio per la revoca.

Ad ogni modo, ad essere bilanciati saranno anche il principio di buon andamento e di imparzialità cosicché si tenderà ad appoggiare la scelta più consona al criterio della ragionevolezza.
A seguito della riforma i diritti soggettivi non potranno assumere le vesti di vero e proprio limite alla revoca, semmai saranno un ulteriore e pregnante elemento da includere nel gioco della ponderazione. Se fossero limiti insormontabili vi sarebbe una eccessiva restrizione dell’attività amministrativa alla quale deve essere concessa, entro confini ragionevoli, la possibilità di incidere anche sui diritti dei privati.

Persistere sulla conservazione dei diritti soggettivi quale limite generale cozzerebbe anche con l’intento del legislatore valutando il prodotto normativo confezionato.
Ricordiamo come la previsione dell’indennizzo non potrà che giocare anche qui in guisa da fattore ostativo al mantenimento del provvedimento a meno che le conseguenze economiche per la sua eliminazione saranno accettabili a fronte dei vantaggi conseguibili.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il legittimo affidamento: i limiti all'annullamento e alla revoca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Barabini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alfredo Fioritto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

annullamento
revoca
buona fede
affidamento
autotutela decisoria
tutele
21 nonies
21 quinquies

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi