Skip to content

Bambini in rete

Problematiche della pubblicità rivolta ai bambini

Recentemente molti studiosi e giornalisti si sono posti il problema degli effetti che l'advertising potrebbe avere sui bambini. In un inserto di Repubblica, sono state dedicati ben due articoli sulla questione che raccoglievano l'opinione di diversi esperti. Steve Biddulph, afferma che le femmine sono deboli di fronte agli assalti delle merci voluttuarie e dei diktat alimentari, esse infatti costituiscono per i pubblicitari un soft target cioè un bersaglio facile, sebbene lucide e ben informate sono anche zeppe di bisogni indotti, e proprio per questo nei loro confronti risultano efficaci anche le vecchie strategie di marketing. Per Hoff Sommers nella società vi è troppa enfasi sulle capacità non cognitive, un'esaltazione dell'estetica che causa ad esempio, appannamento nel rendimento nelle materie scientifiche. Capacità come curiosità, perseveranza, ansia di imparare, concentrazione, vengono etichettate come "poco virili" e il risultato, citando dati ISTAT relativi all'Italia, è che solo il 25% dei maschi contro il 40% delle femmine hanno un rendimento soddisfacente a scuola. Sempre in quest'articolo interessante, troviamo il parere di Paolo Ferrarini, del Future Concept Labs di Milano, un istituto di ricerca sui consumi, che identifica un nuovo target di consumatori, i "posh tweens", ossia preadolescenti dagli otto ai dodici anni di età, che cercano di costruire la loro identità; volendo apparire più grandi, cognitivi e esplorativi diventano le vittime perfette della rete del marketing. Per questa generazione le cose importanti devono essere gratis, usano What's up e non fanno telefonate, i loro valori sono la connessione, il gruppo, la condivisione, la novità, la gratuità e il consumo diventa sinonimo di autonomia. Non è una generazione perduta, solo fragile. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Bambini in rete

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Cenci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Marketing e comunicazione d'impresa
  Corso: scienze della comunicazione e dell'economia
  Relatore: Michele Mariani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi