Skip to content

L'Ambiente Sonoro, l'olofonia nel percorso musicoterapico di pazienti con grave lesione cerebrale acquisita.

L'Olofonia

Il termine olofonia è di derivazione greca ed è formato dalle parole "holos" che significa tutto, e "fonia" che si può tradurre in suono, voce. L'olofonia quindi è una speciale tecnica che permette prima di registrare, attraverso uno speciale microfono chiamato "olofono", e dopo di riprodurre in maniera simile a come viene percepito dall'apparato uditivo umano il materiale sonoro. Il suono non viene percepito sui padiglioni stereo delle cuffie o degli auricolari utilizzati per l'ascolto, ma sembra provenire addirittura dallʼambiente circostante.
Il punto di forza dell'olofonia è la capacità di creare l'illusione della terza dimensione audiofonica: grazie alla particolare tecnica di registrazione utilizzata, gli effetti sonori riprodotti simulano quelli percepiti dall'orecchio umano nella realtà, risulteranno meno piatti e più simili a ciò che viene ascoltato ogni giorno nella vita reale.
L'unica pecca, almeno per il momento, è la modalità di riproduzione: per poter apprezzare a pieno la profondità e la corposità dei suoni olofonici è necessario indossare delle cuffie o degli auricolari: le normali casse audio stereo, infatti, non sono in grado di riprodurre gli effetti sonori dell'olofonia.
Gli inventori di questa tecnica di registrazione di effetti sonori sono l'ingegnere elettronico argentino Hugo Zuccarelli e il musicistaproduttore italiano (ex bassista dei Nomadi) Umberto Maggi. Le loro strade si sono incrociate nella prima metà deli anni '80, quando Zuccarelli era un promettente studente del Politecnico di Milano alle prese con le ricerche per la registrazione audio "perfetta"; Zuccarelli e Maggi ideano, nel giro di qualche mese, l'olofono.
Nel 1983 Zuccarelli pubblica, nel Regno Unito, un disco prodotto dalla CBS con incisi effetti sonori olofonici di scatole di fiammiferi che si chiudono, tagli di capelli e soffi, aerei in volo, sacchetti di plastica, fuochi d'artificio, tuoni e veicoli di varia natura. Da allora la tecnica non è stata ampiamente sfruttata a causa delle problematiche tecniche legate alla realizzazione delle registrazioni e, soprattutto, alla riproduzione delle tracce olofoniche; i primi ad aver utilizzato l'olofonia nella registrazione di un disco furono i Pink Floyd e Roger Waters.
Il segreto dell'olofonia è quindi rappresentato dal particolare microfono utilizzato nel corso delle registrazioni, realizzato con due sensori, due capsule microfoniche particolarmente sensibili, che registrano l'audio in maniera sferica, riuscendo a captare e catturare ogni minima sfumatura sonora. La "colonna sonora" che ne risulta offre un'esperienza audio mai provata prima: i suoni registrati sembrano provenire da tutto lo spazio circostante (da sinistra e da destra, da davanti e da dietro, dallʼalto e dal basso).
L'effetto che si ottiene è estremamente realistico e consente di percepire la posizione delle sorgenti sonore, la loro distanza e intensità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Ambiente Sonoro, l'olofonia nel percorso musicoterapico di pazienti con grave lesione cerebrale acquisita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Ciriegi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Conservatorio di Ferrara
  Facoltà: Musicoterapia
  Corso: Musicoterapia
  Relatore: Rita Meschini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
riabilitazione
suono
terapia
musicoterapia
coma
stato vegetativo
olofonia
grave cerebrolesione acquisita
minima coscienza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi