Skip to content

L'incapacità naturale

Il pregiudizio e la malafede

Come abbiamo avuto modo di vedere, il primo comma dell'art. 428 c.c. invalida gli atti compiuti dall'incapace e che gli abbiano arrecato un "grave pregiudizio", mentre il secondo comma dispone che per l'annullamento dei contratti è necessario che, per il pregiudizio che sia derivato o che possa derivare all'incapace, oppure per la qualità del contratto o altrimenti, risulti la "malafede" dell'altro contraente.
Con il termine "malafede" si intende, ai nostri fini, unicamente la consapevolezza che il contraente abbia della menomazione dell'altro nella sfera intellettiva o volitiva.
Discusso, invece, risulta essere in dottrina ed in giurisprudenza il significato concreto e la portata del "pregiudizio", principalmente con riferimento alla sua natura: se solo patrimoniale, oppure anche morale e personale. Dalla più o meno ampia interpretazione che si farà del concetto di pregiudizio, deriverà infatti una maggiore o minore estensione della tutela applicabile all'incapace naturale.
Vi è da dire che la dottrina maggioritaria identifica comunque il pregiudizio nell'area del contenuto patrimoniale o, al più, economico, tanto che "la salvaguardia offerta all'incapace sembra trovare il suo fondamento ed il suo limite nel presupposto che questo risulti in qualche modo danneggiato a causa dei suo stessi atti".
Seppure anche conseguenze negative impattanti la sfera sociale, personale e familiare dell'incapace vengono in rilevo e sono tenute in conto, specialmente con riferimento ad alcune peculiari fattispecie di atti compiuti dall'incapace, quali le dimissioni del lavoratore dipendente.
Tra i giuristi non manca neppure chi suggerisce di verificare la natura del pregiudizio con specifico riferimento al contenuto dell'atto impugnabile, in modo da poterlo riferire ad un danno economico o patrimoniale, piuttosto che morale, sociale, familiare, sulla base della circostanza che l'atto abbia contenuto patrimoniale oppure di altro tipo.
Una interessante chiosa è stata poi riservata all'aggettivazione utilizzata nel primo comma dell'art. 428 c.c., che specifica in maniera singolare come il pregiudizio debba essere "grave", al fine di poter attivare il rimedio della impugnazione dell'atto annullabile. In effetti, "anche se la tendenza a conservare l'efficacia del negozio giuridico, e quindi a convertire la nullità in annullabilità, merita approvazione pur dove in deroga al sistema […], tuttavia può parere eccessivo aver stabilito come ulteriore requisito per l'annullabilità il "grave" pregiudizio derivante dal negozio al suo autore. Perché è chiaro che, se un negozio gli reca un danno "non grave", è soluzione discutibile che questo danno debba rimanere senza riparazione sol perché non è "grave"".
La particolare formulazione dell'art. 428 c.c., ne ha consentito una doppia esegesi, dividendo di fatto la dottrina e la giurisprudenza tra coloro che sostengono che il requisito del grave pregiudizio, previsto al primo comma, sia necessariamente applicabile anche alla materia contrattuale (secondo comma), e coloro che invece sostengono l'autonomia del primo e del secondo comma, per cui la malafede sarebbe il solo requisito necessario per la materia contrattuale, assumendo ovviamente come sottintesa la incapacità del soggetto.
In altre parole, si tratta di stabilire se il requisito del "grave pregiudizio" indicato nel primo comma sia applicabile all'intera massa negoziale, e quindi anche ai negozi contrattuali, oppure sia riferibile solo ed esclusivamente agli atti unilaterali compiuti dal soggetto incapace. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'incapacità naturale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Perrone
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Libera Università Mediterranea "Jean Monnet"
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giampiero Dinacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contratti
annullamento
vizi del consenso
incapacita naturale
l'incapacità naturale
vizi della volontà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi