Skip to content

Il pensiero modernista egiziano negli scritti di Ahmad Amin

La relazione tra il mondo islamico e l'ovest del mondo

Il primo confronto diretto tra il mondo islamico e quello europeo possiamo farlo risalire al 1798, anno in cui ebbe luogo la campagna d'Egitto di Napoleone Bonaparte, sebbene già grazie ai contatti con l'Impero Ottomano, nella prima metà del XVIII secolo, erano state introdotte alcune innovazioni, in particolare nel settore militare. Con l'inizio di tali rapporti, il mondo islamico realizzò di trovarsi in netto ritardo, rispetto al mondo occidentale, in fatto di innovazioni e tecniche moderne. Questa fase, che Branca definisce ğumūd, ovvero fase della stagnazione della vita culturale, cambiò repentinamente a seguito di tali vicende storiche, ottenendo la giusta spinta per l'accelerazione del processo di rinnovamento intellettuale.
Con questa premessa ho voluto introdurre un altro tema a lungo discusso da Aḥmad Amīn, quello degli incontri e degli scontri tra oriente e occidente. Come ho già affermato, egli era molto legato alla sua terra tanto da considerare l'Egitto come il centro del suo mondo attorno al quale, poi, si organizzava la vastità del mondo islamico. La consapevolezza dell'esistenza di un'altra parte del mondo, quella occidentale, venne solo in un secondo momento. Nell'opera al-Šarq wa‘l-ġarb pubblicata postuma nel 1955, appariva chiaro che con il termine "est" continuava a voler indicare l'est del mondo arabo. Al di là di questa incertezza, lo studioso portò sempre avanti un'attenta analisi sia dell'uno che dell'altro mondo, al punto che di entrambi individuò i punti di forza e i punti deboli sulla strada del progresso. Amīn, ad esempio, ambiva alla realizzazione di un'unione di interessi tra i singoli individui e la nazione stessa, come accadeva in occidente, affinché, con tale unione, si potesse raggiungere il pieno benessere della comunità. L'autore, infatti, spiega che, nonostante sia est che ovest avessero tanti pregi quanti difetti, la debolezza più grossa del mondo islamico stava proprio nella tendenza a rafforzare l'individualità a discapito di quel sentimento di collettività che invece sta alla base dell'unione salda tra i popoli.
La preoccupazione più grande dello studioso era che il mondo islamico non riuscisse a stare al passo con il progresso del mondo occidentale. Tale cruccio non poteva essere risolto per mezzo di una cieca accettazione dei principi divulgati dagli europei, già in passato questo era avvenuto, e la diretta conseguenza era stata la confusione e la restrizione delle menti degli orientalisti, in quanto le nuove scienze non avevano un'origine innata nell'uomo. A rendere ancora più difficile la situazione c'era il fatto che queste scienze moderne non erano state integrate nel mondo islamico da parte degli orientalisti o dei musulmani stessi, bensì esse erano state introdotte con la forza durante la fase di colonizzazione britannica, rendendo il tutto ancora più difficile da accettare. Ciò nonostante, i progressi degli ultimi 50 anni dimostrarono che l'allora concezione che l'Europa aveva del mondo islamico era del tutto errata, non si trattava per nulla di un popolo incapace all'innovazione e restio al cambiamento. Il crollo della dinastia abbaside (1258) aveva, di fatto, causato solo un apparente irrigidimento culturale, le corti dei Califfi restavano il simbolo del lusso e le biblioteche egiziane erano di gran lunga più ricche e fornite di quelle europee, tanto da garantire loro elementi basilari per alcune discipline ancora poco conosciute all'occidente. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il pensiero modernista egiziano negli scritti di Ahmad Amin

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppina Preziusi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Studi Orientali
  Corso: Lingue e Civiltà Orientali
  Relatore: Agostino Cilardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi