Skip to content

Costituzionalismo Risorgimentale e Statuto Albertino

Costituzionalismo Moderato

Il costituzionalismo moderato affonda le proprie radici dottrinali ed istituzionali nella cultura del costituzionalismo rivoluzionario del 17° e 18° secolo. Nell’ambito di un contesto puramente italiano possiamo definire il costituzionalismo moderato quel movimento intellettuale e tutti quei processi storici che, per mera convenzione, occupano il secolo intercorrente tra gli anni delle Restaurazioni sino alla crisi del primo dopoguerra. Questo tipo di movimento ricerca principalmente un punto di equilibrio, quasi a voler frenare quella potenza profetica delle inedite energie che gli eventi rivoluzionari tra il Seicento ed il Settecento, avevano prodotto nel contesto del più ampio processo di evoluzione e di articolazione di uno Stato moderno.

La dimensione propria del costituzionalismo moderato italiano non può prescindere da alcuni aspetti quali l’immediata dominazione francese sino all’età napoleonica, il perdurare di presenze straniere e la frammentazione politico-istituzionale nell’età della Restaurazione, l’avvio e lo sviluppo del Risorgimento nazionale, il carattere proprio degli strati borghesi ed il dibattito dottrinale sulle scelte istituzionali compiute e sulla costruzione di uno Stato liberale e di diritto. Sino all’unificazione emergono con maggiore evidenza le politiche costituzionali e la costituzione come ideologia che non un’organica costellazione concettuale di tipo giuspubblicistico. Possiamo affermare che il costituzionalismo moderato in Italia si avvicina all’esperienza francese postrivoluzionaria.

Le costituzioni in Italia prendono avvio principalmente negli anni del cosiddetto triennio giacobino. È proprio in questi anni che si scorge l’influenza della costituzione francese dell’anno III sui complicati progetti di assetto costituzionale delle repubbliche italiane, alla ricerca di un ordine che sarà trovato più sul piano delle forze reali che su quello del rendimento e delle culture istituzionali.

Massimo D’Azeglio, di cui si tratterà in seguito, quale esponente del costituzionalismo moderato, nella sua celebre opera “Proposta d’un programma per l’opinione nazionale italiana” (1847), costruisce la figura dell’opinione pubblica – di cui invoca il ruolo decisivo – come forza morale trasparente. È proprio la necessità di uscire definitivamente dalla stagione della forza materiale segnata dalle società segrete a spingere verso mezzi capaci di influire sull’opinione pubblica che ê la prima dispensatrice della forza morale. D’Azeglio intravede, specie dopo il programma di Pio IX, la possibilità per il partito moderato di non essere più considerato come fazione ma come opinione nazionale italiana.

Il costituzionalismo moderato si sviluppa nell’ambito dottrinario del costituzionalismo moderno inteso come teoria e pratica istituzionale di limitazione e regolazione politico-giuridica dei poteri pubblici di governo allo scopo di garantire ambiti di autonomia definiti da diritti e libertà. Il costituzionalismo moderato italiano nasce nella c.d. stagione dell’”octroi”, ossia delle costituzioni concesse dai monarchi. Il conte Giacinto Borelli, dirà a Carlo Alberto, relativamente allo Statuto Albertino da lui emanato il 4 marzo 1848: «La costituzione bisogna darla e non lasciarsela imporre; dettare le condizioni, non riceverle; bisogna avere il tempo di scegliere con calma i modi e l’opportunità, dopo aver promesso di impiegarli».

L’obiettivo del costituzionalismo moderato ê il perseguimento di un bilanciamento e di un equilibrio, la collaborazione e l’unione dei poteri tra monarca e parlamento.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Costituzionalismo Risorgimentale e Statuto Albertino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Franzoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Dante Cosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

statuto
costituzionalismo
albertino
risorgimentale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi