Skip to content

L'infermieristica nella transculturalità dell'assistenza. Riconoscere i bisogni di salute della persona straniera attraverso l'analisi della matrice culturale.

La cultura dell'antropologia nell'assistenza

L'antropologia culturale indaga il significato e le strutture della vita dell'uomo come espressione della sua attività, il contributo che essa fornisce all'infermieristica è quello di cogliere il pensiero verso l'altro e verso le diversità umane, costituendo le basi per un'educazione all'accettazione della compresenza di differenti culture e alla convivenza armonica di popoli diversi.
L'assistenza infermieristica, fondata sulla comprensione dei bisogni assistenziali e dei problemi sanitari della persona, ha più di altre professioni sanitarie, la prerogativa di poter meglio raggiungere l'individualità dell'uomo, considerando esso stesso una risorsa e, come tale, ascoltato e consultato nell'individuazione dei suoi problemi e dei possibili rimedi.
Collegare l'infermieristica con l'antropologia permette di adottare strumenti concettuali di grande importanza nell'analisi dei punti di vista altrui, affinché le differenze non siano più fattori di discriminazione sociale, ma rappresentino una possibilità di scambio reciproco e di crescita sia professionale sia personale.
La conoscenza della persona assistita passa attraverso l'esplorazione delle tracce del suo contesto culturale.
L'infermiere nella presa in carico del paziente, come l'antropologo quando si propone di studiare una cultura, è uomo tra gli uomini, mettendosi in contatto e inserendosi nelle altrui manifestazioni culturali.
L'infermiere come l'antropologo, rende possibile la costruzione di ponti di significato, assume un ruolo d'interprete, di mediazione rispetto alla peculiare visione del mondo cognitiva, percettiva e affettiva della persona.
L'esasperata percezione della diversità culturale porta spesso a dimenticare di aver di fronte una persona, e non una cultura.
Gli insegnamenti antropologici aiutano l'infermieristica e l'assistenza ad affermare una cultura delle differenze basata su una conoscenza dell'altro quanto più possibile libera da preconcetti.
Per meglio capire la dimensione culturale dei bisogni di assistenza infermieristica bisogna concentrarsi sulla situazione assistenziale; in essa sono presenti soggetti portatori di cultura cioè interpreti delle loro origini culturali.
In questa prospettiva, secondo lo psicologo degli atteggiamenti Giuseppe Mantovani, le funzioni della cultura sono di tre tipi:
• di mediazione
• produzione di significati
• di una creazione di una cornice morale.
Mediazione come prima funzione della cultura, come sistema d'interfacce che collegano i nostri progetti-bisogni con le opportunità e risorse presenti nell'ambiente.
Così la cultura fornisce un insieme di artefatti che permette di relazionarci tra noi, tra noi e gli altri, tra noi e il nostro ambiente.
La lingua è senz'altro l'esempio lampante e più appariscente della funzione di mediazione, oltre che fonte di parecchi problemi di comprensione tra sanitario e paziente.
Ma non solo la lingua parlata è influenzata dalla cultura ma anche, tutto l'apparato comunicativo non verbale, come il silenzio, il tocco la mimica lo sguardo la postura, ed è da tempo che sono noti i segni gestuali.
Allo stesso modo sono da intendersi come artefatti culturali di mediazione anche il cibo, i vestiti, le abitazioni, i sistemi di trasporto, di cura o d'istruzione perché essi definiscono salute/norma, malattia e disordine E determinano il sistema culturale di riferimento.
Analizzare una situazione assistenziale in quest'ottica significa accettare che ogni portatore di cultura è dotato non solo di un linguaggio proprio ma anche di concezioni, metodi, strumenti e tecniche, potenzialmente infiniti, per relazionarsi con il proprio ambiente e soddisfare i suoi bisogni assistenziali.
Ecco perché la cultura non è ne' dentro ne' fuori ma in entrambi i luoghi, ed è una frontiera che si attraversa ogni volta che ci si trova di fronte un altro di cui si percepisca e si rispetti l'alterità.
La produzione di significato permette l'attribuzione d'importanza o di valore alle cose che accadono nell'esperienza propria di ciascuno.
Nella situazione, qualcosa acquisisce valore in relazione a chi gli attribuisce importanza ed ovviamente più soggetti saranno presenti nella medesima situazione, più quel qualcosa potrà essere colto in maniera diversa.
Senza questa comprensione e produzione di significato non sarebbe possibile la comunicazione tra le persone e l'idea semplicistica che vuole la comunicazione un semplice scambio di informazioni tra emittente e ricevente deve essere messa seriamente in discussione.
La creazione di una cornice morale prevede la conoscenza della cultura dell'altro e l'emergere in noi una nuova consapevolezza, così da capire e comprendere che i valori riflettono le credenze di una società e che considera il nostro modo di pensare il migliore è drasticamente ridimensionato.
Più avremo elaborato coscientemente e mantenuto vive le nostre tradizioni, coscienti dei loro limiti come dei loro pregi, più sapremo apprezzare e dialogare con quelle degli altri.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'infermieristica nella transculturalità dell'assistenza. Riconoscere i bisogni di salute della persona straniera attraverso l'analisi della matrice culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Marini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Psicologia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Gigliola Martinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi