Skip to content

Individuo e società nella narrativa di Alice Walker

Il rifiuto della religione ufficiale

Nella narrativa di Alice Walker la resistenza all'oppressione si attua anche attraverso la religione, o meglio una serie di credenze religiose in netto contrasto con la chiesa anglicana, che, secondo questa, non invita alla libertà e alla ricerca di se stessi, ma piuttosto al mantenimento di un ordine prestabilito che vede i più deboli sottomessi ai più forti.

Meridian rifiuta la chiesa, che identifica con la generazione della madre, Mrs. Bill. Quella di Mrs. Bill, secondo lei, è una religione che dà un conforto falso perché porta ad autocompiacimento, ad apatia e passività, e all'accettazione dei problemi della società senza cercare di risolverli. La madre di Meridian, che frequenta assiduamente la parrocchia, non accetta infatti che la figlia abbia aderito al movimento, perché per lei non fa nessuna differenza se i cittadini di colore non possono usare i bagni pubblici in città o se è obbligatorio sedere negli ultimi posti in autobus.

Meridian, che non vuole diventare come sua madre, smette di partecipare al servizio religioso molto presto e cerca una nuova spiritualità, trovando la nell'attivismo. Per lei l'impegno politico rappresenta una vera e propria attività religiosa. Eppure sente che ancora qualcosa le manca. Così, verso la fine del romanzo, la donna ritorna in chiesa e avviene in lei una rinascita spirituale. Ella scopre infatti la dimensione comunitaria della chiesa e la sua funzione di sostegno nei confronti di chi soffre. È in questa occasione che per la prima volta riesce a capire fino a che punto è in grado di arrivare per la causa della rivoluzione e promette al vecchio uomo il cui figlio è stato ucciso, che sceglierebbe lei stessa di uccidere, piuttosto di vedere un altro giovane fare la stessa fine. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Individuo e società nella narrativa di Alice Walker

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Trespidini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Roberto Birindelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza
razzismo
zora neale hurston
movimento per i diritti civili
alice walker
il colore viola
femminismo nero
womanism
letteratura afro-americana
scrittrici afro-americane

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi