Skip to content

1992-1997 Labour Party & Trade Unions: i cambiamenti di un rapporto che dura da più di un secolo.

Dal socialismo al capitalismo: la sfida di Blair

«…the socialism of Marx, of centralised state control of industry and production, is dead. ….Once socialismi s defined in this way as a set of principles and beliefs, based around the notion of strong and active society as necessary to advance the individual, rather than a set of narrow timebound class or sectional interests or particolar economic prescripstions, the nit can liberate itself from its history rather than being chained to it. ...For too long, the Left has had a choise: to be radical but unacceptable or to be cautious and electable. Whilst being "radical" is defined as the old-style collectivism of several decades ago this may be true. But that is not really being radical al all; it is just neo-conservatism to the Left… We can then go out as a Party to build a new coalition of support, based on a broad National appeal that trascends traditional electoral divisions…
The Thatcherite project of the 1980s is over. The present government has no project, except political serviva. As a result the country drifts without serious purpose or coherence of direction… this is a time in which we will make our own history; not power at the expense of principle, but power through principle and for the purpose of the common good».

Con queste parole Tony Blair aprì la campagna per la successione di John Smith nel 1994, parole che segnarono l'inizio del cambiamento nel modo di pensare del Labour Party.
Già nelle pagine precedenti si è fatto riferimento al fatto che il New Labour si giocava tutta la sua portata innovativa su un'unica, semplice parola: "modernizzazione". Su di essa venne costruito un nuovo tipo di partito, molto lontano da ciò che restava del vecchio Labour e della sua membership. La misura di questo cambiamento era rappresentata soprattutto da una, senza precedenti, concentrazione del potere nelle mani del leader del partito il cui scopo era quello di permettere allo stesso di determinare la party policy in modo più autonomo con al massimo l'approvazione solo formale delle diverse sezioni del partito, trade unions e attivisti compresi. Ma tale processo innovativo significava anche che per la prima volta nella storia del Labour, il leader fosse completamente libero da ogni tipo di influenza proveniente dall' ethos tradizionale del partito, quel misto di valori e pratiche, sviluppatesi ed affermatesi in quasi 100 anni di sforzi politici collettivi, che finirono per determinare le priorità e i principi della politica laburista. In questo Blair fu eccezionale, riuscendo a capovolgere anni di iniziative politiche prese sotto l'insegna del socialismo per trasformarle in azioni più moderate e centriste.
Ad onor del vero, occorre specificare che in effetti il Labour non nacque come una formazione politica dedita a sostituire il nascente sistema economico capitalistico con il socialismo, ma semplicemente,come si è sottolineato nelle pagine iniziali di questo lavoro, per dare una voce parlamentare e politica alle classi operaie.
Furono i primi successi elettorali che determinarono l'evoluzione del LRC in un partito politico di massa, che fece propri i valori e i principi socialisti come risposta alla depressione economica degli anni '30. Tale ideologia guidò il partito fino ai primi anni '90, quando ci si rese conto che non era più in grado, da sola, di mobilitare l'elettorato a sostegno del partito. Dal 1995 la parola «socialismo» venne abbandonata come politica partitica ed utilizzata sempre meno nella letteratura laburista e nei discorsi dei leaders. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

1992-1997 Labour Party & Trade Unions: i cambiamenti di un rapporto che dura da più di un secolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Stefania Parisi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Marc Lazar
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

finanziamento
partiti politici
gran bretagna
sindacati
tony blair
labour party
new labour
partito laburista
uk
trade unions

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi