Skip to content

Marco Chiurato; arte e provocazione

Video sulle “donne giraffa”, le donne acidificate, le donne lapidate: situazioni tragiche della condizione femminile

Continuando il suo percorso di attenzione al sociale e denuncia, Chiurato ha toccato molti temi ma ha soprattutto mostrato una grande sensibilità nel cogliere problematiche legate al mondo femminile. Durante un viaggio nella Thailandia del nord l’artista ha visitato un villaggio Kayan dove vivono le Donne Giraffa. Qui la tradizione impone alle ragazze fin dall’infanzia l’uso permanente di più e più anelli metallici sul collo, fino a venticinque, per allungarlo il più possibile. Ma se questo una volta era simbolo di bellezza e seduzione femminile, ora é solo attrattiva per turisti. L’artista si é interrogato su questa barbara consuetudine e la risposta é stata la creazione di un video performance con “zucchero e carne umana”: una ragazza con tanti anelli multicolori su collo, braccia e torso, un bimbo mai nato in braccio e un naso rosso da pagliaccio. Il tutto ricorda tanto quel gioco da bambini che tutti conosciamo, il lancio dei cerchietti sui birilli. “Donna Giraffa modello circense” l’ha titolata, ma ha anche precisato che il naso non é da pagliaccio, é un pulsante d’allarme, e che questo é tutt’altro che un gioco: ogni foto che noi turisti scattiamo a queste donne é un anello che poniamo al loro collo e non fa che perpetuare la loro condizione di donne oggetto, condannando anche le future generazioni di questa etnia ad una condizione terribile che le priva di una vita normale ma soprattutto della loro libertà e dignità.

“Tempo di scattare una foto e l’hai già uccisa, - questo il pensiero dell’artista – torniamo a vedere le donne giraffa?”

E’ un chiaro invito a non favorire questo tipo di turismo che, se nell’intento é antropologico, in realtà alimenta la mercificazione del fenomeno. La metamorfosi di queste donne é irreversibile e impedisce loro anche i movimenti più semplici, le rende animali da zoo, oggetti da osservare, toccare, compatire. Eppure la consapevolezza che grazie a questa curiosità altre bambine saranno condannate a divenire donne giraffa, non impedisce lo scatto di una foto, trofeo di viaggio, atto di violenza. Il “così fan tutti”, quindi tutti colpevoli uguale nessun colpevole, é l’alibi dietro cui si nascondono egoismo, ignoranza, superficialità. Ma Marco Chiurato ha voluto approfondire anche altre problematiche legate alla condizione femminile nel sud asiatico e ne sono nate varie iniziative. Una di queste, forse la più importante, é l’evento dal titolo Sit! Concept Marco Chiurato, svoltosi a Marostica dal 22 al 25 settembre 2011, che ha goduto del patrocinio dell’Unesco e ha visto collaborare le associazioni Earth Soul di Vicenza, che si occupa di promuovere problemi sociali attraverso l’arte, Smileagain di Udine e la Fondazione Zoé di Vicenza.

Il tema era la drammatica situazione delle donne vittime dell’acidificazione, questa barbara usanza del sud est asiatico dove, per rivalsa o vendetta, viene gettato acido corrosivo su donne, a volte ancora bambine, che rifiutano un matrimonio o un approccio maschile non voluto o che non ubbidiscono ciecamente al marito o al padre. Questa pratica le condanna, quando sopravvivono, a convivere con dolori insopportabili, difficoltà o impossibilità a mangiare o solamente a deglutire, spesso rimangono cieche e comunque sempre assolutamente devastate nel volto, nel corpo ma soprattutto nell’anima, perdono ogni precedente fisionomia e ciò ne cancella l’identità e il futuro. La mostra si é aperta con un convegno presieduto dal presidente dell’associazione Smileagain F.V.G., Giuseppe Losasso durante il quale é stata raccontata e illustrata da esperti questa terribile usanza e quanto l’Associazione con i suoi medici può fare per queste povere donne. Al convegno é seguita la performance/installazione dell’artista marosticense. L’Unesco ha concesso il patrocinio alla mostra con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema e «la sfida é stata raccolta da Marco Chiurato che é riuscito a trasporre nella sua opera le primordiali emozioni e gli stati d’animo di chi non vuole abbassare lo sguardo di fronte all’ingiustizia.
Egli ha preparato l’allestimento in una delle sale del castello inferiore: il visitatore veniva fatto entrare in una stanza prevalentemente buia e si sedeva ad un tavolo, quei tavoli dozzinali da bar in metallo e formica; la sedia di fronte a lui era vuota e nel silenzio si percepivano in sottofondo le parole e le urla di dolore di una ragazza realmente acidificata e che suscitavano commozione, pietà, rabbia; sul tavolo c’era una pistola fissata ad una catenella, corta, tanto da limitarne alquanto il raggio d’azione.

Il visitatore si rendeva conto che la sedia di fronte a lui, destinata al carnefice, sarebbe rimasta vuota. Capiva che il colpevole sarebbe rimasto impunito e che la giustizia non avrebbe fatto il suo corso, tanto é radicata e in parte anche tollerata dalle autorità locali questa barbara usanza. Colpevoli sono soprattutto l’ignoranza, le superstizioni, credenze di tempi immemori, le pretese di superiorità che fanno ergere a giudici insindacabili e implacabili. «Non c’é vendetta, non c’é pietà, c’é solo un profondo senso di solitudine e di incompletezza. Io desidero riempire questo vuoto con la partecipazione di tutti, ha detto l’artista. Il prendere in mano la pistola legata alla catenella ricorda tanto quel gesto così comune che si compie negli uffici pubblici, alle Poste per esempio, quando per firmare si prende la penna messa lì a disposizione di tutti, alla portata di tutti. Tutti possibili firmatari, dunque. Tutti potenziali carnefici, vien da riflettere.
Abusare del potere, ergersi a giudici e fare violenza é consuetudine che va sradicata. «L’opera é semplice ma proprio per questo geniale: l’artista vuole rappresentare le situazioni di tutte le donne acidificate, dando allo spettatore la possibilità di rappresentarsi mentalmente le diverse situazioni proprio grazie alla versatilità del senso che racchiude l’installazione.

Campeggia una scritta lapidaria di F. Turati: “La violenza é un metodo di lotta inferiore, brutale, illusorio soprattutto, figlio di debolezza, fonte di debolezza, malgrado, anzi in ragione dei suoi effimeri trionfi”.
[..]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Marco Chiurato; arte e provocazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Landi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Nico Stringa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte contemporanea
performances
installazioni
marco chiurato
provocazione nell'arte
arte e zucchero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi