Skip to content

Rilevazione di Ocratossina A mediante QCM e SPR

Sensori Meccanici

Questa grande categoria di sensori può essere ulteriormente suddivisa in base al loro principio di funzionamento. Ad esempio nei sensori di contatto si parla di leveraggi e ingranaggi, dove le grandezze di ingresso e di uscita sono date da spostamenti lineari o angolari. Nei sensori elastici invece la grandezza di ingresso (forza, coppia, pressione), provoca una deformazione di un elemento elastico dando in uscita uno spostamento lineare o angolare. Alcuni esempi di questi sensori sono gli elementi sensibili a sollecitazioni di trazione, di compressione, di flessione e le molle elicoidali. Oppure nel caso di elementi sensibili a sollecitazioni di torsione la grandezza di ingresso è data da una coppia e quella in uscita è una rotazione, lo spostamento angolare.
Nei sensori idropneumatici il sensore è una corrente fluida di cui può essere variata la sezione, oppure può incontrare un ostacolo o essere deviata. Esempi sono i tubi di Pitot, dove entra una velocità ed esce una variazione di pressione, i venturimetri e i diaframmi, dove entra una portata e esce una variazione di pressione, o i dispositivi a turbina dove entra una velocità o una portata ed esce una velocità angolare. Nel caso di sensori a massa l'elemento sensibile è una massa su cui agisce una forza di volume (di inerzia, di gravità, ecc.). Tra questi ricordiamo i sensori sismici, dove entra un'accelerazione ed esce una forza e la colonna liquida, dove entra una pressione ed esce uno spostamento lineare.
Tra i trasduttori gravimetrici (in grado di misurare variazioni di peso) vi sono quelli piezoelettrici, che si basano sulle proprietà di cristalli come il quarzo, che manifestano una relazione tra uno stress meccanico (tensione o compressione) e la formazione di cariche elettriche sulla loro superficie. Più precisamente quando un cristallo piezoelettrico viene compresso o allungato si sviluppa una differenza di potenziale tra le facce opposte causata da una dislocazione delle cariche positive e negative. Questo effetto è molto utile nei sensori in quanto un input meccanico, la deformazione, produce un output di tensione elettrica facilmente processabile. Viceversa quando il cristallo piezoelettrico viene sottoposto ad un voltaggio esterno questo si espande o si contrae.
I cristalli piezoelettrici sono anche noti con il termine di "microbilance a cristalli di quarzo" (QCM), dovuto alla relazione di proporzionalità tra la massa complessiva del metallo e la variazione nella frequenza di risonanza osservata quando la massa è depositata sul cristallo stesso e descritta dall'equazione di Sauerbrey. Questa legge è un'equazione che descrive la relazione lineare tra la variazione di massa alla superficie del cristallo e la variazione della frequenza di risonanza del cristallo piezoelettrico. I sensori QCM sono ampiamente utilizzati per la caratterizzazione di film sottili, fluidi e gas e ciò è dovuto alla loro alta sensibilità e resistenza. La QCM è costituita da un apparato sensore che ha il cristallo come substrato e sulle sue due facce un paio di elettrodi capaci di determinare la variazione di frequenza di un'onda incidente, o la variazione d'impedenza data da una delle due superfici degli elettrodi se posta a contatto con un campione liquido (Kanazawa et al., 1985) o gassoso (King, 1964). L'estrema loro sensibilità può determinare con accuratezza deposizioni di massa nell'ordine dei nanogrammi, corrispondenti a variazioni di qualche Hertz nella vibrazione. La tecnologia QCM viene molto utilizzata nell'ambito del monitoraggio ambientale, sensori di gas, sensori di pressione e sensori chimici. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Rilevazione di Ocratossina A mediante QCM e SPR

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Marco D'Eredità
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze Biotecnologiche
  Corso: Biotecnologie industriali
  Relatore: Rosaria Rinaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alimenti
ota
aptameri
aunps
loc
qcm
microbilancia al quarzo
spr
risonanza plasmonica di superficie
lspr

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi