Skip to content

PROTEZIONE CIVILE: un ponte fra culture in un'ottica comparatistica

Il volontariato italiano

Atteso che le capacità di risposta nelle emergenze deriva (non solo, ma) anche dalla capacità di mobilitare forze ausiliarie – ordinariamente quiescenti – la cui straordinarietà risiede, in particolare, nel numero (oltreché, certamente, nella loro preparazione e nella capacità di coordinarsi ad unum che, qui, dobbiamo dare per acquisita), pare opportuno chiedersi di quali strumenti, giuridicamente parlando, disponga la protezione civile per convogliare efficacemente, sugli scenari d'intervento, i propri operatori, distraendoli in tal modo dai propri quotidiani affari.

In particolare risulterà interessante prestare attenzione non tanto a coloro che, essendo in forza effettiva ai diversi Corpi dello Stato (vigili del fuoco, agenti di polizia, militari etc.), possono essere dirottati sui luoghi della catastrofe attraverso la semplice emanazione di un ordine di servizio specifico, emanato, a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza, dai rispettivi vertici gerarchici.
Quanto, invece, a coloro che, normalmente impiegati in altre attività lavorative (siano esse autonome o dipendenti) devono essere, non di meno, prontamente reperibili ed effettivamente impiegabili a supporto del complesso sistema di protezione civile, inteso nella sua accezione più ampia, che in larga parte, sia in Svizzera che in Italia, cammina più sulle gambe del volontariato e della milizia, anziché su quelle dei pur indispensabili professionisti.

Allo scopo tornerà utile ricordare che nel panorama europeo – a seconda che gli operatori prestino servizio in protezione civile a titolo volontario o oneroso, ovvero siano a ciò astretti attraverso un obbligo derivante da un reclutamento di milizia – non tutti i sistemi nazionali sono così agevolmente comparabili poiché, in taluni di essi, non esistono aliquote di personale specificamente (e prioritariamente) all'intervento in caso di catastrofi.

Infatti, mentre in Italia e in Francia, ad esempio, la Protezione Civile può contare su un volontariato ad hoc organizzato (esclusi, ai fini della presente analisi, tutti i partners della filiera statale i cui operatori vengono impiegati con percentuali decisamente inferiori e residuali rispetto ai volontari stessi), in altri Paesi, il termine “protezione civile” – più che un mondo anche spazialmente ben definito (identificabile quindi da proprie uniformi, strutture, automezzi etc) e capace poi di interagire con il più vasto universo del quale è parte fondamentale ed autonoma – viene semplicemente inteso come un servizio al cui assolvimento provvedono esclusivamente i vigili del fuoco, il soccorso sanitario ed i militari. A questi ultimi, pertanto, non si aggiungerà nessuno che non rivesta pari ruolo all'interno della medesima amministrazione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

PROTEZIONE CIVILE: un ponte fra culture in un'ottica comparatistica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Cazzola
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maria Paola Viviani Schlein
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guerra
costituzionale
svizzera
protezione civile
confederazione elvetica
diritto pubblico comparato
catastrofi
calamità
soccorso
legislazione d'emergenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi