Skip to content

Il rating di legalità. È un fattore di accrescimento del valore d'impresa e del suo merito creditizio?

Il rating pubblico

Uno speciale rating esterno è il rating pubblico che si sostanzia in una valutazione resa pubblica del merito creditizio delle medie e piccole imprese e delle società non quotate in borsa.

In Italia le agenzie ECAI riconosciute e iscritte all’albo, che possono emettere valutazioni pubbliche sotto la vigilanza ESMA sono 5: Cerved Group che ha stipulato un apposito accordo con Confindustria all’inizio del 2015, DBRS, Fitchratings, Moody’s e Standard & Poor’s.

Per le imprese fornirsi di rating pubblico è un vantaggio per l’accesso a strumenti di debito e equità, non solo in Italia ma sull’intero territorio comunitario, stante la validità del rating pubblico riconosciuta a livello europeo. La novità è che il rating fino a qualche anno fa era una prerogativa solo delle corporate quotate in borsa, oggi invece è alla portata di ogni impresa che vuole vedersi certificato il proprio grado di solidità economica – finanziaria.

E’ uno strumento di comunicazione strategica per chi, grazie alla propria reputazione creditizia vuole dialogare con i propri finanziatori tradizionali, banche o altri partner commerciali. Il rating pubblico è un fattore importante per rendere il sistema economico delle PMI italiane più trasparente agli occhi degli investitori e spingerli a mobilitare risorse che sinora hanno finanziato solo in modo marginale le PMI, incrementando il mercato dei mini bond. Allargando i propri orizzonti di accesso al credito le PMI possono accrescere le loro dimensioni anche oltre frontiera.

L’emissione del rating pubblico segue le stesse fasi dell’emissione del rating esterno tradizionale e il processo ha la durata di circa 5 settimane. Esso inizia con il conferimento del mandato, a seguito del quale la società raccoglie delle informazioni tramite incontri tra analisti e impresa che fornisce sia informazioni pubbliche che riservate. Alcune informazioni raccolte finiscono negli archivi della società e sono:

1. I bilanci regolarmente depositati (almeno 3);
2. le abitudini di pagamento;
3. il ceck relativo al gruppo cui appartiene l’impresa;
4. eventuali eventi negativi che hanno interessato management, amministratori e soci.

I dati memorizzati sono integrati da quelli forniti direttamente dall’azienda e riguardano:
1. Il bilancio non ancora depositato;
2. il business plan o budget;
3. i piani finanziamenti in essere;
4. il prospetto centrale rischi
5. l’elenco fornitori e principali clienti;
6. i concorrenti principali;
7. le certificazioni e licenze;
8. l’organigramma;
9. i cv delle figure chiavi aziendali.

Dopo l’analisi della totalità di questi elementi, segue una visita presso la sede aziendale, in modo da approfondire gli aspetti più rilevanti per il rischio d’impresa.

Successivamente si procede alla valutazione e all’elaborazione di un primo giudizio sottoposto al comitato rating. Gli analisti infine presentano al richiedente il rating informale proposto dalla commissione illustrandone la motivazione e ove non vi siano contestazioni e non siano richieste ulteriori informazioni e chiarimenti il rating è emesso pubblicamente il giorno lavorativo successivo.

Il giudizio di rating è espresso su scala alfa numerico che la Cerved Group a titolo esemplificativo riassume in 13 classi, raggruppati in quattro macro aree (sicurezza, solvibilità, vulnerabilità, rischio). Il rating pubblico è emesso su società italiane non finanziarie e può essere richiesto sia dal soggetto valutato (rating pubblico solecited) sia da altri soggetti quali fornitori, clienti, partner commerciali e finanziari del soggetto stesso (rating pubblico insolecited).

Il rating ha validità 12 mesi ed è costantemente monitorato ed aggiornato, ha un costo per le aziende con un minimo di 15.000 euro costo che aumenta all’aumentare del fatturato dell’azienda (De Stefanis, 2015; Cerved Group, 2015).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il rating di legalità. È un fattore di accrescimento del valore d'impresa e del suo merito creditizio?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carla Nicolay
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Maria Grazia Starita
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi