Skip to content

Da Carmen a Lacarmén: una regia di Mario Martone

Sette spettacoli napoletani di Martone e la rappresentazione della città che vi traspare

Rasoi: Napoli città di fantasmi «Rasoi divenne, in un certo senso, il nostro manifesto»

Il testo di Rasoi è costituito da versi di Enzo Moscato, poeta e autore-cantante nello spettacolo; nasce inorganico e senza didascalie di sorta, secondo una poetica del frammento che accomuna Moscato al Martone della Seconda generazione. È recitato in dialetto e intervallato da canzoni classiche napoletane. La messa in scena è una coregia di Martone e Toni Servillo, per il quale Moscato aveva già composto Partitura ispirandosi al rapporto di Leopardi con Napoli.
I personaggi, oltre all’autore-cantante Moscato, sono un guappo (Toni Servillo), un vagabondo cieco (Tonino 16 Mario Martone, La mia esperienza con Teatri Uniti negli anni ’80, in Chiaroscuri: scritti tra cinema e teatro, op.cit.

Taiuti), la statua della Madonna (Licia Maglietta), re Ferdinando (Antonio Iuorio) e la regina Maria Carolina (Iaia Forte), un cuoco (Gino Curcione), uno scugnizzo (Mario Manchisi) e un insonne (Roberto De Francesco, poi sostituito da Vincenza Modica). A parte il re e la regina, i personaggi non dialogano mai né si presentano al pubblico, sono delle icone da identificare attraverso il costume.

La funzione dell’elemento corporeo-visivo è accresciuto in importanza poiché alla bravura degli attori spetta ovviare alla barriera linguistica e rendere apprezzabile lo spettacolo anche all’estero. Rasoi viene infatti molto apprezzato in Francia, il testo è tradotto e pubblicato in francese.

Lo spettacolo è aperto dall’affacciarsi di uno scugnizzo che si lamenta delle condizioni di Napoli. Compare poi l’autore-cantante, che dichiara di essere morto e canta. Lo scugnizzo in mutande riappare, lamentandosi ancora di Napoli che è simile a una cloaca. È la volta di un vagabondo cieco che racconta come gli invasori spagnoli ottenessero aiuto contro i nemici da parte del popolo napoletano, imbonito da false promesse. Parlavano infatti di un fantomatico Trianon, parola affascinante che poteva sembrare legata ad agi e ricchezze ma era in realtà un carcere oscuro. Un uomo (poi una donna nelle repliche) si desta improvvisamente sulla sua branda, si lamenta del caldo e si chiede come facciano gli altri a dormire.

L’autore-cantante riprende a cantare e lo scugnizzo scaglia nuove invettive alla città.
La regina Maria Carolina canta la sua storia e poi si mette in cerca del marito, re Ferdinando. Torna il vagabondo cieco e ripete la storia; stavolta ci sono i francesi al posto degli spagnoli, ma il popolo è ingannato allo stesso modo. Una statua della Madonna si anima e racconta la triste storia di Palummiello, andato a Procida e violentato per tre giorni dai pescatori. Riappare la regina in cerca di Ferdinando, che è sorpreso da un cuoco nelle cucine. Il cuoco depreca l’ingordigia degli Svevi e dei Borbone. Maria Carolina descrive le attrattive di Napoli, città dei monumenti e delle più belle puttane del mondo, mentre il re rovescia la sua narrazione nell’orrore e chiama le puttane “bestie”.

Le scene sono sempre chiuse dagli interventi canori dell’autore-cantante. L’insonne racconta l’incubo che ha avuto e poi si rimette a dormire. Compare un guappo che inveisce contro l’abbandono della città e del suo mare e poi muore per un colpo di pistola, atteggiandosi a vanitoso mentre cade. L’autore-cantante si pone un interrogativo cui prima non aveva ancora pensato: da quanto tempo è morto? Così lo spettacolo termina.

Rasoi esprime la città fantasma, quella che Pasolini vedeva in estinzione pur di non cedere al presente, e che è infatti trasformata in una città infernale visitata dall’autore-cantante-Orfeo. Questa interpretazione è avallata dallo stesso Martone che aveva progettato, tempo prima, un Orfeo di Artaud da far interpretare proprio a Moscato: il progetto naufraga, ma il regista afferma di averlo in qualche modo realizzato in Rasoi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Da Carmen a Lacarmén: una regia di Mario Martone

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Giovanna Matrisciano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura Musica e Spettacolo
  Relatore: Mara Fazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi