Skip to content

Infotainment e carta stampata: il caso dei quotidiani sportivi brasiliani

La partita: il momento clou del discorso sportivo

L’atto della gara, nel calcio così come in tutti gli sport, è il momento clou, quello in cui drammaticità e intensità si esprimono al massimo della loro potenza. È in base alla partita che si scandiscono i tempi della settimana calcistica. Ogni quotidiano sportivo che si rispetti modella i suoi contenuti, la sua programmazione, calibrandoli sul momento della partita. Succede durante il campionato nazionale, quando in media si gioca un turno a settimana. E a maggior ragione accade durante un Campionato del mondo di calcio, quando una partita insegue l’altra – e quindi le immagini delle partite disputate si susseguono freneticamente sugli schermi televisivi e dei personal computer –, quando, di fatto, le emozioni sono condensate in pochi giorni. Al giornale sportivo spetterà allora il compito di mettere ordine in questo turbinio di sensazioni, catalogando e valutando ogni singolo evento calcistico.

La narrazione della partita da parte di un quotidiano sportivo è mutata enormemente in questi ultimi 25 anni. Colpa – o merito, dipende dai punti di vista – della TV, che oggi trasmette dal vivo i principali eventi calcistici del pianeta. Non solo, perché la grande differenza rispetto al 1990 sta nel fatto che si dedica molto più tempo all’analisi televisiva dell’evento sportivo. Sono nati, in questo frangente di tempo, canali televisivi completamente dedicati alle notizie sportive. I quali, se abbinati alla storicità e all’importanza di un evento come il Mondiale di calcio, fanno sì che sia praticamente impossibile che un tifoso non abbia assistito perlomeno ad una sintesi della gara che il giorno dopo verrà narrata sul giornale.

Se ieri, dunque, l’obiettivo del quotidiano sportivo era quello di fornire un resoconto imparziale e neutrale sull’evento sportivo – che corrispondeva ad una cronaca fedele e oggettiva delle azioni del match –, oggi risulta fondamentale re-inquadrare l’evento sotto una prospettiva diversa, particolare, che permetta al tifoso di rileggere la gara sotto una nuova luce. Prendendo il caso del racconto della finale del Campionato del mondo di calcio 2014 attraverso le pagine di Lance!, si notano otto differenti articoli, tutti riconducibili al medesimo evento.

È una sorta di sguardo, che parte dalla partita per focalizzarsi successivamente su taluni aspetti specifici: in apertura ecco il Visão de Jogo, che analizza l’evento dal punto di vista della partita stessa; poi, il punto di vista si sposta a turno sulle due squadre protagoniste del match, con Visão da Alemanha e Visão da Argentina. È a questo punto la volta di una focalizzazione ulteriore, che si concentra sui singoli protagonisti: Visão do Vilão, con riferimento all’attaccante argentino colpevole di aver fallito una quantità eccessiva di occasioni da gol; Visão do Klose e Visão do Muller, con il punto di vista che si rivolge questa volta ai due giocatori tedeschi considerati più rappresentativi. Infine, vi sono anche Visão da madrugada e Visão de Buenos Aires, ovvero il punto di vista che viene spostato sui tifosi vincenti e perdenti (Figg. 19-24). Tale schema veniva replicato per ogni singola partita, ovviamente con più o meno approfondimenti a seconda dell’importanza effettiva attribuita al match.
Meno approfondito, invece, era il lavoro della Gazeta Esportiva nel 1990.

In occasione della partita Brasile-Costa Rica, ad esempio, accanto al tabellino della gara – molto più completo rispetto a quello redatto nel 2014 da Lance!, comprendente i soli voti ai giocatori – troveranno spazio le cronache di primo e secondo tempo, un commento sull’arbitro e sul protagonista (in positivo o in negativo) della gara, oltre ad alcune statistiche di gioco. Anche in questo caso, vi è un focus sui tifosi, a conferma del valore popolare molto alto attribuito al calcio dai brasiliani (Figg. 25-26-27). Una struttura simile, con un nucleo centrale (la partita) e svariate ramificazioni (le due squadre, il giocatore più forte, l’arbitro, l’allenatore, i tifosi). Non c’è dubbio, tuttavia, che il livello di approfondimento delle varie ramificazioni sia notevolmente aumentato. Il semplice resoconto sulla partita non basta più, adesso occorre sbilanciarsi apertamente e valutare – elogiando o condannando – i protagonisti del campo. In altre parole, il lettore non compra più il giornale per sapere che cosa è successo il giorno prima, bensì per sapere come il giornale valuta gli avvenimenti accaduti il giorno prima.

Capitolo a parte meritano le pagelle e i voti attribuiti ai calciatori dai quotidiani sportivi. Nel 1990, non era pratica comune assegnare un valore numerico alla prestazione del calciatore. La Gazeta Esportiva – come confermato da Miranda nell’intervista realizzata ai fini di questa ricerca – per scelta editoriale non giudicava le prestazioni dei calciatori, “anche per via della relazione molto forte che il giornale intratteneva con tecnici, dirigenti e giocatori stessi: per questo si faceva attenzione a non offendere” (Miranda, 2014). Un problema che non si pone più al giorno d’oggi: durante i Mondiali, Lance! stilava regolarmente le pagelle dei calciatori (Figura 28). E, per le gare del Brasile, più pagellisti erano chiamati a fornire il proprio giudizio. D’altronde, le pagelle – solitamente composte dal voto e da un breve giudizio sulla prestazione del giocatore – facilitano in qualche modo la lettura della partita al lettore. E, inoltre, creano una sorta di aura di attesa attorno all’uscita del giornale, guadagnando sempre più spazio all’interno dello stesso.
In Italia le pagelle ai calciatori esistono da più di quaranta anni e sono andate acquisendo importanza a partire dagli anni Novanta, tanto da svolgere un ruolo fondamentale all’interno del più popolare fantasy-game basato sul calcio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Infotainment e carta stampata: il caso dei quotidiani sportivi brasiliani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Marrucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Comunicazione, Lingue e Culture
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giovanni Gozzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mondiali di calcio
carta stampata
infotainment
giornalismo sportivo
giornali sportivi brasiliani
mercificazione dello sport

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi