Skip to content

Fecondazione eterologa tra scienza e diritto. Questioni e prospettive di analisi

Il turismo procreativo e problematiche generali

“La legge 40/2004 si proponeva di mettere fine al cosiddetto “Far West Procreativo” e ha invece dato una spinta al “turismo procreativo””, è quanto si evince da un articolo del Sole 24 Ore.

Nonostante l’intervento legislativo che da più parti era tanto atteso, la legge del 2004 non soddisfò appieno le aspettativi dei suoi richiedenti, come visto sopra infatti la norma, fu più volte messa al vaglio della Corte delle leggi ed interpretata secondo parametri più o meno legittimi dal giudice di merito; questo sta a significare dunque che in realtà la situazione è molto più complessa di quella prospettata dal legislatore. La disciplina presenta non pochi punti interrogativi, soprattutto alla luce del diritto europeo, ed in considerazione che il nostro legislatore è intervenuto su una materia che nella sua assenza normativa aveva comunque negli anni raggiunto una sua stabilità pratica.

Nonostante la sua portata di non poco conto, il fenomeno del “turismo procreativo” non è ad oggi oggetto di frequenti indagini istituzionali né a livello nazionale, ne a livello europeo; eppure da quanto si evince dai dati che vedremo, esistono evidentemente delle problematiche a livello nazionale di cui il legislatore non ha tenuto conto. Tra i più importanti possiamo citare uno studio del 2010, apparso sul giornale britannico Human Reproduction, ove vennero presi in considerazione 6 Paesi per effettuare lo studio sul “turismo procreativo”; e, per quanto riguarda il nostro Paese, i cittadini italiani che decidevano di recarsi all’estero alla ricerca di un figlio, vennero stimati intorno a 3.500/4.500 persone.
Comunque nel nostro Paese si è cercato in qualche modo di monitorare il problema attraverso l’istituzione nella primavera del 2005, dunque poco dopo l’entrata in vigore della legge 40/2004, dell’Osservatorio sul Turismo Procreativo.

Dallo studio venne ricavato che sono almeno4.000le coppie italiane che decidono di andare all’estero per un trattamento di procreazione medicalmente assistita: di queste coppie, circa il 50% ricorre alla fecondazione eterologa, mentre il restante 50% invece, sceglie di migrare anche qualora debba sottoporsi a trattamenti medicalmente assistiti comunque disponibili nel nostro Paese . Le mete “turistiche” più gettonate sono: Spagna, Svizzera, Austria, Belgio, Danimarca, Grecia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca e Ungheria.
Oggi la fecondazione medicalmente assistita di tipo eterologo, come vedremo, è permessa anche in Italia a seguito di una recente pronuncia della Corte Costituzionale che esamineremo nel prosieguo; ma vale la pena in particolare soffermarci nell’esaminare i casi in cui, si possa intraprendere la “strada” dell’eterologa in riferimento a problematiche per lo più femminili e dunque la fecondazione eterologa con ovodonazione.

Questo tipo di tecnica è consigliata nei casi in cui la paziente si è sottoposta a degli esami clinici che hanno comprovato una scarsa riserva ovarica o produzione di ovociti di bassa qualità non idonei a dare inizio e concludere una gravidanza; vi sono dei casi per lo più tipici, nei quali la fecondazione di tipo eterologa può ritenersi necessaria.

Possiamo individuare una prima categoria nell’insufficienza ovarica primaria o precoce (POF), la quale si sostanzia in un difetto primitivo dell'ovaio, caratterizzato dall'assenza della mestruazione (amenorrea primaria) o dalla riduzione prematura dei follicoli ovarici, prima dei 40 anni (amenorrea secondaria). Le forme più gravi si manifestano con mancato sviluppo puberale e amenorrea primaria, mentre le forme che si manifestano nel post-puberale sono caratterizzate dalla scomparsa del ciclo mestruale (amenorrea secondaria), associata ad una riduzione follicolare prematura. L'eterogeneità dell’insufficienza ovarica è dimostrata anche dalla variabilità delle sue cause, compresa l'autoimmunità, gli agenti tossici, i farmaci e i difetti genetici. Le cause di questo tipo di patologia oggi, non sono sempre note e di facile intuizione; l'unica soluzione disponibile al momento, per l'infertilità nelle donne senza riserve follicolari, è appunto l'ovodonazione.

Una seconda categoria risiede nelle donne affette da menopausa fisiologica o precoce. Per menopausa si intende la scomparsa definitiva delle mestruazioni, e quindi dell'attività riproduttiva femminile, dovuta all'esaurimento della funzione ovarica. Il numero degli ovociti contenuti nell'ovaio diminuisce progressivamente con l'età della donna raggiungendo, intorno alla menopausa, un livello molto basso, da cui consegue un'alterazione del normale ritmo del ciclo mestruale e il declino delle ovulazioni.
Possono esserci inoltre, casi in cui la donna sia portatrice di malattie geneticamente trasmissibili e dunque necessita anch’essa del ricorso all’ovodonazione, al fine di evitare la trasmissione ereditaria della malattia che si potrebbe trasferire altrimenti da una generazione all’altra. Vi sono diverse modalità di trasmissione delle malattie ereditarie; alcune patologie possono essere ereditate indifferentemente dal padre o dalla madre ed i figli hanno generalmente il 50% di possibilità di ammalarsi; altre patologie invece, vengono trasmesse dalla madre sana portatrice del gene alterato, soltanto ai figli maschi, sempre nel 50% dei casi.

È inoltre possibile che la donna si sia sottoposta a stimolazione ovarica ma senza successo: si tratta di un’induzione forzata dell’ovulazione mirata a far produrre all’ovaio uno o più follicoli maturi, i quali a loro volta contengono l’ovocita che potrà essere fecondato.

L’ultima ipotesi è quella in cui vi siano stati ripetuti insuccessi a seguito dell’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi o ICSI (Intra-Cytoplasmic Sperm Injection) ovvero, la tecnica mediante la quale uno spermatozoo iniettato nei modi della fecondazione in vitro con successivo impianto dell’embrione nell’utero della donna.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fecondazione eterologa tra scienza e diritto. Questioni e prospettive di analisi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Noemi Trovarelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Cristina Costantini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi