Skip to content

L'India del tè. Storia di una pianta e del suo impatto sulla cultura ed economia del Sud Asia

Espressione popolare: il masala chai

Quando gli inglesi introdussero in India l’industria del tè, il prodotto era destinato principalmente all’esportazione. Prima della seconda metà del diciannovesimo secolo la popolazione non si dimostrò interessata alla bevanda, mentre oggi il consumo interno si aggira intorno al 76%.
Attualmente, il tè è considerato la bevanda nazionale, la più accessibile e disponibile, distribuita dai chai wallahs, i venditori di tè che si trovano lungo le strade, le stazioni ferroviarie, le fermate degli autobus, di tutto il paese, servita solitamente in tazze d’argilla che vengono gettate dopo l’uso; la maggior parte della popolazione non è interessata all’alta qualità, predilige il carattere robusto del tè nero, economico e di grado commerciale inferiore, dal momento che ordinariamente ad esso vengono aggiunti latte, zucchero e spezie, per preparare il noto masala chai (letteralmente “tè speziato”).

Questa bevanda è il risultato di una campagna pubblicitaria attuata dall’Indian Tea Association per stimolare gli indiani al consumo di tè: l’Indian Tea Association, fondata nel 1881, è la più antica organizzazione di produttori di tè in India che, in collaborazione con la Tea Board of India ed il governo, ha giocato un ruolo essenziale nel concepire efficaci piani d’azione e iniziative mirate allo sviluppo e alla crescita dell’industria.

Inizialmente creata per promuovere la crescita e il pensiero collettivo sul tè, oggi è il principale supervisore dell’industria, in grado di interpretare le tendenze di mercato e incoraggiare prestazioni sempre più innovative.

La campagna di marketing attuata dall’ITA fu estremamente efficace. La pianta infatti, nonostante crescesse spontaneamente nel territorio e fosse conosciuta già dalle tribù
originarie, era sempre stata riservata al consumo fitoterapico. La bevanda arrivò nelle case degli indiani entrando a far parte di molti aspetti della vita quotidiana del paese e divenendo un prodotto appetibile ai commercianti, in competizione con il caffè, proveniente dal mondo arabo. Ovviamente tale consumo venne adeguato ai gusti locali, aggiungendo latte, varie spezie e zucchero, di canna, di palma o di cocco. Esistono molte varianti di masala chai, che riguardano il metodo, il tipo di spezie e la quantità. Le spezie comunemente usate sono: cardamomo, zenzero, cannella, chiodi di garofano e pepe nero, combinate in quantità differenti, ma anche noce moscata, l’anice stellato, semi di finocchio, coriandolo, zafferano, cumino e pimento. Anche l’origine e la quantità di latte cambia di paese in paese.

Addirittura, in Ladakh, il masala chai viene servito salato e di un insolito color rosa, dovuto al bicarbonato di soda.
Il procedimento più diffuso consiste nel far bollire nell’acqua le spezie prescelte, leggermente pestate; aggiungere il latte e lo zucchero e lasciar sobbollire; aggiungere il tè, sfuso o in bustine; lasciare in infusione e infine filtrare.
Il masala chai è entrato a far parte della cultura indiana in maniera radicale, diffondendosi in Inghilterra e negli Stati Uniti, anche mediante catene internazionali come Starbucks, che ha denominato la bevanda “chai tea latte”, divenuta uno dei prodotti più venduti; ispirata al chai indiano ma rivisitata nella dolcezza e nel sapore per incontrare il gusto dei clienti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'India del tè. Storia di una pianta e del suo impatto sulla cultura ed economia del Sud Asia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Toso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente
  Relatore: Stefano Beggiora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia indiana
india
te
cultura indiana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi