Skip to content

Gli studi di settore e la difesa del contribuente

Il tipo di difesa

Il contribuente può difendersi dagli studi di settore portando prove (dirette o indirette) contrarie o anche solo argomentazioni anche di natura presuntiva.
Il punto è comprendere come il contribuente possa produrre queste prove e su quali oggetti esse possano vertere.
Il contribuente potrà, come buone argomentazioni, per difendersi sostenere a) che il ragionamento dello studio è poco plausibile in sé b) che è poco plausibile nella sua situazione concreta c) il contribuente potrà contestare, in particolare, la validità della struttura degli studi e della funzione ricavo ad esso applicabile o viceversa potrà contestare la sola specifica attribuzione del ricavo ma non la struttura dello studio.

La prima difesa – lettera a) - è la più complessa visto che gli studi costituiscono il frutto di un’elaborazione complicata di dati condotta con l’uso di un campione ampio nel tempo e nello spazio. La generalità e astrattezza dello studio rappresenta un fattore di debolezza rispetto al singolo soggetto ma lo rende un meccanismo dotato, per complessità e ampiezza, di una certa forza in quanto tale.

Il contribuente non ha facilmente accesso a tutti i dati usati per lo studio e su questo punto di fragilità (mancanza di trasparenza) potrà far valere la sua difesa sotto il profilo sia della difficoltà in cui si pone il suo diritto di difesa sia della difficoltà per il giudice di controllare l’operato della Pubblica Amministrazione. In particolare il controllo della legittimità del provvedimento fondato sugli studi di settore potrà basarsi, da un lato, sulla giustificazione esterna, cioè sulla individuazione delle norme che determinano le condizioni di applicabilità degli studi di settore e, dall’altro, sulla giustificazione interna, cioè sul ragionamento presuntivo usato nel caso concreto. Da ciò ne consegue che il contribuente potrà portare come prove contrarie le condizioni di inapplicabilità tout court degli studi per carenza di giustificazione esterna oppure potrà contestare la sequenza delle inferenze probatorie usate nel suo caso (giustificazione interna).

In questo caso è ammissibile un’ampia gamma di prove anche dirette o documentali: sono validamente utilizzabili le risultanze extracontabili cioè le prove di fatti non dimostrati dalle scritture contabili con cui il contribuente dimostri di non essere in condizione “normale” di svolgimento dell’attività e a tal fine sono utilizzabili sia prove presuntive che documentali che testimoniali (ma permane la preclusione riguardo al loro utilizzo nel processo art. 2729 comma 2 c.c.).

Per quanto riguarda la seconda difesa – lettera b) - il contribuente potrà contestare il ragionamento presuntivo adottato dall’Amministrazione Finanziaria utilizzando prove dirette o indirette e quindi anche le scritture contabili. I punti sui quali il contribuente può fornire prova contraria possono essere raggruppati in tre oggetti di prova:
1) un primo oggetto di prova è costituito dalle condizioni strutturali di applicazione degli studi che attiene – alla selezione dei dati dei questionari non corretti – alla identificazione di distinti sottogruppi omogenei (clusters) – alla cluster analysis – alla eliminazione dei contribuenti anormali – infine al processo di rettifica della funzione ricavo in base alla localizzazione del soggetto. Il contribuente potrà addurre elementi in relazione alla illogicità/illegittimità dei criteri appena menzionati e dovrà dimostrare la illegittimità generale dell’apparato dello studio di settore.
2) Il secondo oggetto di prova riguarda la struttura della funzione di ricavo e il contribuente potrà portare la prova dell’inapplicabilità della funzione che costituisce il nucleo del ragionamento induttivo adottato.
3) Il terzo oggetto di prova riguarda la determinazione dei ricavi del contribuente che potrà contestare il ragionamento con cui si perviene all’attribuzione dei ricavi specificatamente a se stesso. Sempre per la seconda linea difensiva il contribuente potrà sfruttare
qualsiasi elemento ulteriore non valorizzato nella creazione dello studio applicabile alla sua attività: non sarà necessario che si tratti di elementi afferenti il singolo contribuente né di circostanze eccezionali. Ad esempio potrà sostenere: una situazione di crisi economica generale, una crisi del comparto economico o del territorio (per calamità naturali o altri fattori) o infine, una crisi individuale della propria attività (per assoggettamento a procedure concorsuali, malattia ecc...).

Tra le situazioni che il contribuente può portare a suo favore per difendersi dagli studi di settore abbiamo:
1) il fatto che il contribuente abbia dovuto procedere a disinvestimenti
2) abbia dovuto concedere pegno o ipoteca su propri beni o chiesto garanzie personali
3) abbia dovuto procedere a nuovi conferimenti per la copertura di perdite
4) sia ricorso a mutui
5) gli siano stati revocati i prestiti bancari
6) abbia ricevuto la segnalazione di uno scoperto in banca
7) abbia subìto atti di messa in mora o decreti ingiuntivi per ritardati pagamenti (come segno di difficoltà ad adempiere ai pagamenti)
8) dichiarato ricavi con una diminuzione proporzionale alla diminuzione dei ricavi dichiarati dai concorrenti
9) abbia proceduto a licenziamenti o non aumentato, come previsto dalla legge, le retribuzioni dei dipendenti
10) abbia effettuato minori acquisti
11) abbia dimostrato una diminuzione del tenore di vita (attraverso il cd. redditometro)
12) abbia perso uno o più clienti importanti
13) abbia subìto la concorrenza di nuovi operatori
14) abbia perso elementi della propria struttura produttiva (ad es. per dimissioni, scadenza contratto ecc..)
15) abbia avuto problemi familiari (separazioni, divorzi) ecc... ecc...

Tuttavia nessuna di queste situazioni è sempre decisiva in una direzione o nell’altra per l’applicazione degli studi: molte di esse possono essere prove di un fallimento o lacuna dello studio o circostanze predisposte ad hoc dal soggetto accertato. Ciò che conta è il prudente apprezzamento di tutte le circostanze del caso. Gli spazi difensivi appaiono però ampi e non ancora adeguatamente sfruttati in una materia dove conta la valutazione del merito delle situazioni.

In ultimo deve rilevarsi che la determinazione di maggiori ricavi, compensi e corrispettivi conseguente all’applicazione degli accertamenti fondati sugli studi non valgono come notizia di reato nel senso di non determinare l’obbligo per gli uffici di comunicazione all’Autorità Giudiziaria. Tale disposizione non esclude però che queste risultanze possano essere trasmesse o che, acquisite dal Pubblico Ministero, possano valere come partenza per ulteriori indagini.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli studi di settore e la difesa del contribuente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Papandrea
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Alberto Marcheselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tributario
studi di settore
accertamento presuntivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi