Skip to content

La Via Francigena tra le Province di Pisa e Lucca. Valorizzazione per il turismo religioso.

Percorrere la Via Francigena oggi

I mesi migliori per intraprendere il cammino lungo la Via Francigena sono da Maggio a Giugno e Settembre-Ottobre, evitando perciò i mesi troppo caldi e troppo freddi, in particolar modo se si percorre l'intero tracciato, valicando montagne dove le temperature sono più fredde e spesso è presente la neve, e attraversando zone con poca ombra nelle zone pianeggianti.

Le colline toscane offrono un clima mite per il percorso. Seguendo il tracciato ufficiale le tappe toscane hanno una lunghezza media di 25km, ma è sempre possibile modificare il percorso secondo le proprie capacità, forze, interessi, come faceva l'antico viandante medievale “costruttore di cammini”, che sceglieva il proprio percorso in base alle proprie necessità, condizioni fisiche, le motivazioni ed ovviamente secondo le condizioni meteorologiche, oltre a quelle politico-sanitarie del territorio.

In generale percorrere il sentiero non implica particolari difficoltà, se non quelle dovute al peso dello zaino e alla lunghezza del percorso. Per ovviare al problema del peso dei bagagli, alcuni tour operator e associazioni che organizzano viaggi lungo la Via Francigena, anche in mountainbike, prevedono un servizio di trasporto bagagli da tappa a tappa, in modo tale da permettere ai viaggiatori di percorrere comodamente la strada. Purtroppo questo servizio è presente solamente in viaggi organizzati, a differenza del Cammino di Santiago, lungo il quale si trovano i cosiddetti “mocilla bus”, servizio offerto a tutti i pellegrini in cammino.

Ciò dimostra che i pellegrini sono decisamente cambiati, così come le loro esigenze. Alloggiare in un ostello, in una foresteria o in altri tipi di strutture ricettive a basso costo, non prescinde dal fatto che il servizio offerto deve disporre di alcune comodità, di professionalità degli operatori, di pulizia, ma soprattutto ciò che i viaggiatori lungo la Via ricercano è il contatto con gli altri viaggiatori e pellegrini e l'accoglienza di chi li ospita.

L'ospitalità “francigena” ricercata si differenzia per la presenza di calore famigliare, semplicità, accoglienza e capacità di capire le esigenze dei pellegrini provenienti da diverse culture; diversamente da un hotel che per quanto le politiche d'azienda vadano verso questi desideri non riesce a trasmettere appieno il calore del “sentirsi a casa”, insieme ad altri viaggiatori simili. Il pellegrino spesso viaggia da solo o in piccoli gruppi, perciò uno dei suoi interessi maggiori è quello di instaurare rapporti con gli altri viaggiatori, ma anche con chi lo ospita. A tal proposito è bene citare la Casa del Pellegrino di Valpromaro, allestita dal maggio 2013 all'interno della canonica della frazione di Camaiore in provincia di Lucca, e gestita da ospitalieri volontari che ruotano su turni di due settimane.

Fin dal Medioevo, la canonica in cui risiedeva il parroco ha sempre avuto una stanza dedicata all'ospitalità e al ristoro dei pellegrini, ora è interamente dedicata a questo scopo, disponendo di diciannove posti letto, cucina, wi-fi, lavanderia, bagni e posto per le biciclette, muli e cavalli. La Casa del Pellegrino è aperta tutto l'anno ed è sostenuta interamente dalle offerte lasciate dai pellegrini e dal lavoro volontario degli ospitali. In questo ambiente si riscontra la relazione umana che i pellegrini ricercano con chi li ospita e con gli altri viandanti. I pranzi ad esempio vengono preparati mettendo in comune sia gli alimenti che le capacità di ogni pellegrino, creando un momento di convivialità e condivisione. La Casa, che rappresenta il primo esempio di accoglienza gratuita e volontaria in Italia, sulla base del sistema ormai consolidato sul Cammino di Santiago e reso possibile dalla partecipazione di esperti camminatori e appassionati di pellegrinaggio, ha ospitato finora circa cinquecento pellegrini all'anno.

Numerosi sono i corsi per diventare ospitalieri volontari, durante i quali viene formato il personale, indicando alcuni consigli pratici per la gestione efficiente dell'ospitale e per saper soddisfare i bisogni dei pellegrini. Un Ospitale aperto, per esempio, deve essere segnalato almeno tre Ospitali prima e durante il cammino con l'indicazione dei mesi di apertura e la distanza chilometrica, i segnali devono essere continuamente monitorati dai volontari in modo tale da essere sicuri che siano visibili, integri etc. All'esterno dell'Ospitale deve esserci un faro in modo tale che sia individuabile anche di notte e deve essere presente una fontana con l'abbeveratoio a disposizione dei cittadini e dei pellegrini anche di passaggio.

È difficile individuare in Italia una rete di “accoglienza povera”, cioè di strutture e locali di enti pubblici, privati o religiosi adibiti all'ospitalità dei pellegrini, in quanto non esistono censimenti, inoltre gli ostelli per pellegrini non rispondono a specifiche normative regionali, e per tale motivo non è di fatto possibile individuare caratteristiche comuni a tutte le strutture.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Via Francigena tra le Province di Pisa e Lucca. Valorizzazione per il turismo religioso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Peraboni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Lorenzo Bagnoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giubileo
pellegrinaggio
toscana
turismo religioso
via francigena
movimento lento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi