Skip to content

Corporate Social Responsibility e performance economico-finanziaria: una causalità inversa?

L’etica e l’economia: un rapporto davvero possibile o solo utopia?

Il significato originale della parola etica è ‘filosofia pratica’, da qui la possibilità di poterla estendere anche all’ambito economico. In tal caso essa infatti non consiste nell’adesione e nell’accettazione di principi astratti, ma piuttosto nella valutazione dei comportamenti umani attraverso la ricerca di criteri ispirati alla responsabilità e alla morale. In tutto ciò trova giustificazione la nascita dell’etica d’impresa, che affonda le proprie origini negli anni ’70 del secolo scorso, allorquando cresce l’interesse da parte dell’economia per le tematiche di responsabilità sociale nonché per la redazione di un codice etico, stimolato soprattutto dalle preoccupazioni per l’ambiente e per la futura sopravvivenza delle stesse imprese in un contesto in continua evoluzione.
Il rapporto fra l’etica e l’economia ha da sempre suscitato l’attenzione di molti studiosi, sia filosofi che economisti, dando vita a posizioni diverse e talvolta contrastanti tra loro. Già il filosofo Aristotele ha fornito il suo pensiero circa il rapporto contenzioso tra l’etica e l’economia nella sua opera intitolata ‘Politica’, nella quale esprime una critica molto sentita nei confronti dell’uomo che fa della ricerca della ricchezza materiale lo scopo assoluto della sua vita. L’economia in questo caso coincide proprio con la ricerca delle ricchezze e svolge un ruolo fondamentale nella vita dell’uomo, in quanto prendendo il sopravvento sopra ogni cosa fa si che egli si convinca che tutti gli sforzi della sua vita debbano essere ricondotti all’accumulo di beni materiali.
Gli orientamenti di pensiero che si sono delineati nel corso del tempo sono essenzialmente due: da un lato vi sono coloro che sostengono una totale separazione tra etica ed economia, affermando che si tratta di due mondi completamente inconciliabili, se non addirittura in contrasto tra loro, che il fine dell’economia è l’accrescimento delle ricchezze e i benefici per l’individuo e la collettività vengono calcolati sempre in termini di profitto o comunque di accumulo di beni materiali; dall’altro lato vi sono studiosi che ritengono possibile l’integrazione delle norme etiche con il mondo dell’economia. Da qui in poi numerosi studiosi, filosofi ed economisti si sono succeduti nel corso della storia prendendo le posizioni più disparate, come Adam Smith, il quale sostiene che è vero che il comportamento dei singoli individui è guidato dall’egoismo e dal soddisfacimento degli interessi personali, tuttavia le azioni che pongono in essere generano benefici per l’intera collettività. Smith parla della cosiddetta ‘mano invisibile’ che coordina tutti gli interessi dei singoli portando al raggiungimento dell’equilibrio senza che sia necessario l’intervento dello Stato. Altri come Kenneth Blanchard e Norman Vincent hanno scritto che ‘dirigere solo in termini di profitto è come giocare a tennis guardando il tabellone e non la palla’.
Un altro importante contributo proviene da Kant, la teoria kantiana è una teoria assoluta che si fonda su norme di carattere generale e universale. Secondo Kant infatti esistono degli ‘imperativi categorici’ a cui l’uomo morale non può sottrarsi, si tratta di principi validi in ogni tempo, quali ‘non rubare’, ‘non mentire’, ecc. Tuttavia le teorie kantiane e utilitaristiche non costituiscono gli unici precetti utilizzati per tentare una congiunzione tra etica e affari. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Corporate Social Responsibility e performance economico-finanziaria: una causalità inversa?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Sabatino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Maria Teresa Cuomo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi