Skip to content

Riabilitazione e Neuroni Specchio: applicazione nel recupero funzionale dei deficit motori e cognitivi

Interfaccia neurale della Mirror Therapy in pazienti con ictus cronico: uno studio di imaging

Il recupero funzionale di pazienti che hanno subito un ictus viene mediato dalla plasticità neurale: le terapie neuro-riparatorie, infatti, sono volte a migliorare i risultati del paziente attraverso la promozione del recupero e del ripristino della funzione in fase sub-acuta o cronica, come ad esempio la terapia cellulare e genica, le tecniche di fisioterapia, la stimolazione elettromagnetica. Gli studi longitudinali suggeriscono che circa il 50% dei pazienti con una significativa paresi del braccio riescono a recuperarne la funzione entro i primi 3 anni dall’ictus (Michielsen M., Selles R., van der Geest J., et al. 2011).

La Mirror Therapy è stata utilizzata da Ramachandran e collaboratori (Ramachandran V., Altschuler E., 2009) per alleviare il dolore dell’arto fantasma in soggetti amputati (Cacchio A., De Blasis E., Necozione S., di Orio F., Santilli V., 2009) in uno studio volto a valutare l’efficacia di questa terapia su 20 pazienti, monitorando il grado di attivazione corticale. Il trattamento, che ha utilizzato i principi della realtà virtuale (VR) e dell’immaginazione motoria (Sawner K, Lavigne J., 1992), (Naghdi S., Ansari N., Mansouri K., Hasson S., 2010), consisteva nella visione di alcuni movimenti bilaterali della mano proiettati su un computer in modo tale che il paziente immaginasse che ad eseguire il movimento fosse la mano paralizzata, cercando poi di imitare il movimento nell’ambiente reale. Il movimento della mano non paralizzata veniva catturato utilizzando una telecamera e l’immagine speculare dello stesso movimento veniva proiettata sullo schermo portatile al soggetto (Moseley G., Gallace A., Spence C., 2008).

Le strategie richieste erano due: (a) produrre una rappresentazione visiva del movimento dell’arto durante l'osservazione di un movimento (immagine visiva, [VI]); (b) simulare mentalmente il movimento associato ad una sensazione cinestetica, durante l'esecuzione del movimento (immagini cinetica). I risultati hanno evidenziato che un regime di esercizio strutturato comporta un notevole miglioramento del recupero clinico e funzionale, attribuito a processi di riorganizzazione cerebrale, possibile solo quando il danno al sistema è parziale. Tuttavia, quando un sistema funzionale è completamente danneggiato, il recupero è ottenuto principalmente mediante un processo di sostituzione, cioè, altre aree cerebrali sono reclutate per assumere le funzioni delle zone danneggiate (Yun G., Chun M., Park J., Kim B., 2011; Thieme H., Mehrholz J., Pohl M., Behrens J., Dohle C., 2012).

Le osservazioni di questo studio suggeriscono un aumento di attivazione dell’area motoria primaria dopo la terapia, che spiegano il principio di "restituzione" di plasticità neurale. È stato inoltre suggerito che questa terapia sia in grado di promuovere un’attivazione mirata del cervello danneggiato, aumentandone il recupero funzionale. Tutti i pazienti in questo studio hanno mostrato un aumento di attivazione cerebellare (ipsilaterale o controlaterale al movimento della mano paralizzata) e ciò è coerente con l’ipotesi per cui il flusso sanguigno e la rete cortico-cerebellare facilitino l’inizio del movimento o l’esecuzione di una nuova attività in soggetti malati (Jacobs B., Boden-Albala B., Lin I, Sacco R., 2002; Ganguli M., Ratcliff G., Chandra V., et al. 1995).

La plasticità anatomica della corteccia cerebrale suggerisce che le connessioni neuronali corticali possono essere rimodellate dall’esperienza, dall’apprendimento e da input sensoriali (Hashimoto K., Higuchi K., Nakayama Y., Abo M., 2007). Durante l’osservazione di un movimento, le aree della corteccia pre-motoria si attivano quando viene eseguito lo stesso movimento. Durante i movimenti bilaterali della mano, quando il paziente doveva osservare l’immagine speculare della mano non paralizzata sullo schermo del computer, pensando che fosse la mano plegica, viene rinforzato per spostare la mano colpita nel mondo reale. Questo tipo di cognizione e di attività mentale stimola i processi motori e mostra un miglioramento clinico e funzionale nella mano colpita (Gygax M., Schneider P., Newman C., 2011; Rothgangel A., Braun S., Beurskens A., Seitz R., Wade D., 2011).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Riabilitazione e Neuroni Specchio: applicazione nel recupero funzionale dei deficit motori e cognitivi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Tuscano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze della Mente
  Relatore: Marina Zettin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi