Skip to content

Questione di genere: lavoro, maternità e politiche di conciliazione

Svezia: verso la parità

I paesi nordici sono in assoluto quelli dove le politiche sociali e familiari mirano più apertamente alla parità tra i sessi e all’equadistribuzione del lavoro familiare, tanto che il ruolo del padre come caregiver è ormai socialmente accettato e le donne partecipano in modo molto più attivo al lavoro retribuito.

In Svezia, ad esempio, si parte dal presupposto che il lavoro femminile vada difeso non solo per tutelare i diritti delle donne, ma anche per consentire lo sviluppo economico. Se da noi prevaleva fino a qualche anno fa l'idea della famiglia monoreddito, qui quella della famiglia con due percettori di reddito è comune da molto tempo. Un paese dalla tarda industrializzazione e dalla povertà diffusa, che ha scelto di investire sul collettivismo e che, nel lungo periodo, è diventato il paese con il tasso di occupazione femminile più alto in Europa e, insieme, ha raggiunto la media dei due figli per donna.

Dopo un periodo di crisi economica e la vittoria dei conservatori, a cui fece seguito l'aumento della flessibilità e tagli alla previdenza sociale, il numero dei figli è calato all'1,5. Per recuperare terreno, si è deciso di ripartire dalla loro concezione paritaria tra uomo e donne e, addirittura, si è introdotto il mese di congedo obbligatorio per i papà. Un mese che, se non utilizzato, la coppia perdeva. Dopodiché si è passati a due mesi. La natalità è aumentata e anche l'occupazione femminile. Le svedesi, come oggi le italiane, per fare figli volevano un lavoro sicuro e ben pagato e volevano condividere la cura con il padre.

Gli strumenti sono combinati e prevedono:

* alta spesa pubblica nelle politiche per la famiglia: la Svezia investe il 3,3% del PIL (è uno dei tre paesi europei, con Francia e Danimarca, a spendere di più);

* congedo di maternità di due mesi obbligatori, congedo di paternità di dieci giorni, pagati all’80%;

* congedi parentali lunghi con quote, come già visto, riservate ai padri: 16 mesi nei primi otto anni più due per il padre non trasferibili alla madre, di cui i primi 13 pagati all’80%. Le aziende piccole e medie non ne sono molto contente, quelle grandi si stanno abituando. Alla Ericsson nel 2010 il 28% delle dipendenti e il 24% dei dipendenti ha utilizzato i congedi;

* possibilità di frazionare i congedi anche in ore, a differenza di quanto avviene in Italia;

* permessi per malattie: 190 giorni fino al dodicesimo anno d’età con un massimo di 120 giorni l’anno, tutti pagati all’80%;

* flessibilità di lavoro (le ore si possono recuperare con l’home working) per andare a prendere i figli a scuola;

* scuole e asili curatissimi con alti investimenti pubblici, orari che coprono l’intero arco della giornata e pedagogia di genere introdotta fin dal 2004.

Il sistema tende a spingere al massimo sulla condivisione e a coprire il primo anno di vita del bambino con la cura familiare, per poi fare ampio sostegno al mercato e ai generosi servizi pubblici.

Per la Badinter il mondo svedese non sarebbe perfetto: le donne sarebbero pagate il 20% in meno degli uomini e per lo più occupate nei settori pubblici, a causa dell’onerosità per le aziende dei lunghi periodi di congedo. Molto probabilmente, la Badinter si riferisce al gender pay gap che in effetti riporta valori molto più elevati per la Svezia che non per l’Italia (addirittura la differenza italiana sarebbe solo del 4,9%), ma la spiegazione sta nella più alta occupazione femminile: mano a mano che cresce l’occupazione femminile, aumentano i differenziali retributivi.

In Italia, il tasso di occupazione femminile è molto basso, per cui il mercato semplicemente seleziona le lavoratrici e scarta quelle meno qualificate. La differenze retributive vanno calcolate settore per settore (cfr. 3.3.4 nota 41), l’aumento dell’occupazione permette di includere nel mercato anche lavoratrici meno qualificate o occupate a tempo parziale. In sostanza, i valori del gender pay gap vengono ridimensionati non appena li si compari con il tasso di occupazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Questione di genere: lavoro, maternità e politiche di conciliazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Audino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Comunicazione Interculturale
  Corso: Sociologia
  Relatore: Antonella Meo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi