Skip to content

Similitudini e metafore in alcuni mensili di viaggio e culturali italiani e francesi

Personificazioni (catacrèsi)

“La signora in nero” (didascalia, pag. 43), Stoccolma è la città natale di molti giallisti. La stessa città viene personificata in una signora analogicamente vestita di nero. La ragione della presenza dell’analogia ‘cromatica’ è da cercarsi in una facile implicatura culturale:
1) il nero è il colore del dolore e del lutto, generalmente usato dalle signore di una certa età per indicare la vedovanza.
2) Inoltre, per estensione, è il colore che rappresenta nei romanzi gialli la morte violenta dei personaggi.
3) La personificazione di Stoccolma inoltre, cotestualmente si connette alla forte concentrazione di giallisti, (la definizione ‘giallista’ indica lo scrittore di un determinato genere in cui all’interno della trama c’è sempre un personaggio ucciso o scomparso ed attraverso i dati contenuti nella trama, uniti alle implicature di un lettore attento, si dovrebbe arrivare a trovare il colpevole).

Il motivo per cui questi testi si definiscono ‘gialli’ sta semplicemente nella scelta cromatica delle copertine dei romanzi ‘gialli’ della Mondadori, appunto gialle. Tuttavia prima di scegliere il giallo, la stessa casa editrice usava il nero (si veda spiegazione punto 1 e 2) derivato dalla definizione data in Francia allo stesso genere letterario, cioè ‘noir’.

“Il cielo si colora di rosso-arancio e si specchia nella neve […]” (pag. 68) Il cielo personificato usa la neve come specchio. L’azione dello specchiarsi indica evidentemente la presenza di elementi normalmente connessi ad esseri viventi: qui invece il sintagma verbale usato è relativo ad un’entità inanimata come il cielo.

“[…] ognuno dei suoi 491 km, testimonia di un territorio sfregiato da abusivismi [...].[…] dopo una serie di curve arriviamo alla periferia di Reggio: attorno a noi agrumeti soffocati dal cemento.” (pag. 106) Nella prima ellissi ogni chilometro si personifica e dimostra uno scarso rispetto ambientale da parte dei politici. Nella seconda ellissi è presente una personificazione derivante dal sintagma aggettivale “sfregiato”, primariamente attribuibile al viso umano.
Nella terza ellissi il sintagma aggettivale deverbale “soffocati” attribuisce per implicatura ad entità inanimate, cioè gli agrumeti, la possibilità di fare un’azione vitale umana: respirare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Similitudini e metafore in alcuni mensili di viaggio e culturali italiani e francesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Nieddu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e culture straniere moderne L/11
  Relatore: Luigi Matt
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura e lingue straniere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi