Skip to content

Destination Wedding in Toscana: quando il matrimonio diventa destinazione

Il fenomeno destination wedding in Italia: Analisi del contesto italiano

La ricchezza culturale del nostro Paese è stata negli ultimi decenni il motore per lo sviluppo di nuove forme di turismo, da quello sportivo a quello enogastronomico, diventate volano del territorio italiano. Tra queste nuove forme di turismo assume interesse anche il wedding tourism, ovvero il turismo matrimoniale. La crisi economica in corso ha segnato periodi difficili per il turismo italiano (cali consistenti sia di presenze che di fatturato), ma non ha influenzato negativamente il wedding tourism, in continua crescita.

Perché il nostro Paese è una delle wedding destination più ambite? Merito è dell’immagine dell’Italia nel mondo. Questo è un fattore di straordinario impulso per il wedding tourism. Lo straniero in Italia si sente come un bambino, circondato da talmente tante meraviglie che ovunque i suoi occhi si posino trova di che stupirsi.

Infatti il primo motivo che porta gli stranieri a sposarsi in Italia sono “la storia e le bellezze culturali” (16,3%), seguito poi dal “fascino italiano” che rende il matrimonio in Italia un sogno condiviso nell’immaginario comune (12,9%). Seguono poi motivazioni legate al fattore “romanticismo” (12%), all’”aspetto culinario” del Belpaese (11%) e ai suoi “paesaggi” (10%). I dati sopra riportati sono ripresi dalla ricerca “Wedding tourism l’Italia è per sempre” a cura di JFC Consulenza Turistica e Territoriale (2012).

Per testimoniare il valore economico che questo fenomeno ha assunto nella realtà italiana, basta pensare che nel 2012, il Belpaese ha visto la celebrazione di ben 6.180 matrimoni di stranieri che hanno generato ben 1.221.168 presenze ed un fatturato complessivo per il segmento di 315 milioni di euro. Il costo medio sostenuto dagli stranieri per sposarsi in Italia è di 51mila euro e la media del numero di ospiti si aggira intorno a 36. Questi si fermano in media 5,2 giorni in Italia: si noti che più il Paese di provenienza è lontano più gli ospiti prolungano la loro permanenza. Il fenomeno è in grado di generare presenze da oltre 25 Paesi del mondo. In particolare, ecco le percentuali di presenze per ogni paese di provenienza.

Sul podio vediamo quindi Inghilterra (10.5%) seguita da Stati Uniti (9.4%) e Olanda (5.8%). Tra le nazioni elencate nel grafico sopra, è da precisare che Russia, Cina, Giappone, Brasile, Australia e Arabia Saudita vengono segnalate con indici di crescita. Ciò è diretta conseguenza dell’aumento del turismo in uscita dall’Asia e dal Pacifico, che nel decennio 2000-2010 ha visto un tasso di crescita pari al 6.3% con significative previsioni di aumento fino al 2020. Il boom è stato determinato anche dai turisti provenienti dai paesi BRIC.

Come è stato introdotto nel paragrafo 1.2 dal titolo” Il Wedding Planner”, avvalersi di un wedding planner nell’organizzazione di un matrimonio “fuori porta” è molto frequente. In particolare in Italia il numero di wedding planner attivi nel 2012 si aggiravano intorno a 1.092. La loro promozione avviene in prevalenza grazie alla rete (40.2%), sia attraverso il sito web che grazie ai social network, i quali se sapientemente utilizzati possono portare un netto miglioramento alla visibilità del wedding planner.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Destination Wedding in Toscana: quando il matrimonio diventa destinazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Chelini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze del Turismo
  Relatore: Daniele D'Amato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing territoriale
matrimonio
toscana
organizzazione eventi
social media
seo
wedding planner
destination wedding
wedding tuscany
organizzazione matrimoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi