Skip to content

L'uso di sostanze psicoattive. Fragilità, libero arbitrio, resilienza

Il libero arbitrio

Lo stupefacente sviluppo delle neuroscienze nel corso degli ultimi 20 anni ha apportato – come già detto nella introduzione – una mole incredibile di conoscenze sul funzionamento del cervello e dei processi cognitivi in termini biologici e fisiopatologici.

Questo sapere ha però inaspettatamente riaperto la discussione sul tema del libero arbitrio e sul determinismo delle nostre azioni. Perché se ci accostiamo al problema delle dipendenze da una prospettiva squisitamente medica inevitabilmente trovano di nuovo spazio molti dubbi non solo in tema di diagnosi e cura ma anche riguardo i risvolti comportamentali, relazionali e comunicativi pertinenti la sfera etica, che tenterò di esaminare qui di seguito.

Sigmund Freud fu il primo ad occuparsi di inconscio come motore dell'agire umano. Qualche decennio dopo l'inconscio – che il padre della psicanalisi leggeva come un qualcosa di dinamico, animato dalle pulsioni e dalle passioni – divenne un costrutto scientifico più stringente, di tipo strettamente cognitivo. Ma in questo passaggio, che 'fisicizza' l'inconscio, si intuisce già un rischio (o, se si vuole, una deriva scientifica) di tipo riduzionistico, che riporta il processo decisionale ad una sequenza di scelte determinate secondo una modalità causa-effetto che esula dalla nostra volontà.

E' giusto ritenere che il nostro comportamento sia riconducibile a una causa pre-derminata – quindi 'meccanicamente' indotto e non più frutto di una libera scelta – di cui il protagonista non è consapevole (l'inconscio), ma che può essere conosciuta da un osservatore esterno? Ed ancora, le sostanze psicoattive possono annullare o indebolire il libero arbitrio agendo su specifiche aree cerebrali coinvolte nei processi di decision making e problem solving?
Si tratta di un dubbio fondato, che preclude la possibilità di un libero arbitrio: un dubbio ulteriormente rafforzato dalle scoperte concernenti la distinzione anatomica tra le aree cerebrali deputate al controllo, rispettivamente, delle funzioni del volere e del piacere, suggerita dagli studi di James Olds negli anni '50 e confermata in tempi più recenti proprio dalle neuroscienze.

Più specificamente, le sostanze d'abuso, interferendo in primis con il sistema dopaminergico, danneggerebbero selettivamente il tessuto cerebrale inducendo lesioni strutturali o malfunzionamenti che renderebbero il consumatore incapace di operare una scelta volontaria tra il drogarsi o meno. Il venir meno del controllo da parte della corteccia che regola il volere rendendo l'individuo succube della spinta pulsionale, controllata dall'area del piacere, rimasta indenne o addirittura potenziata.
In altre parole, tutto si tradurrebbe in una perdita della capacità decisionale – ovvero del libero arbitrio – e quindi in un riduzionismo fisico poggiante su un meccanismo puramente fisiologico. Tutto ciò potrebbe giustificare il ritorno al paternalismo medico e alle cure forzate: sei malato, e quindi 'devi' e 'devo' curarti.
Ma questo cozza con il principio bioetico dell'autonomia della persona: possiamo veramente permetterci di trattare un tossicodipendente contro la sua volontà, assumendo che la sua capacità decisionale sia abbrutita? Come va improntata la relazione medico-paziente e come ci si deve porre nei confronti della legge e delle varie campagne nazionali su droga, alcool, fumo?

Il risvolto bioetico connesso al cambiamento suggerito dal nuovo paradigma scientifico – l'esistenza di un substrato anatomico e/o biochimico e/o funzionale che retrocede il momento della scelta ad un puro meccanismo deterministico – è in definitiva il rovesciamento dello stereotipo del tossicodipendente che, da figura dedita al vizio e pienamente consapevole delle proprie scelte, diventa esclusivamente un paziente, incapace di scegliere razionalmente e bisognoso di cure per recuperare la propria autonomia: quasi un oggetto passivo, perché privato di tutto ciò che esorbita dalla sfera biologica. Alienato da tutto quello che conferisce dignità alla persona, appiattito sulla dimensione fisica, esautorato da ogni prospettiva spirituale e relazionale. Ma questo implica la rinuncia alla visione olistica che anima le posizioni bioetiche più convincenti, come quella, ad esempio, del personalismo ontologicamente fondato.

Ed ancora, si ricade qui nella questione – assai dibattuta – della medicalizzazione della società moderna: perché la negazione del libero arbitrio e della capacità di scelta del singolo, svuotando il concetto di vizio, trasforma la tossicodipendenza in semplice malattia, 'fortunatamente' superabile con il solo trattamento medico (farmacologico o psicologico), che toglie dalla vista un carattere fondamentale dell'esistenza umana, la dimensione relazionale, a cui si riallacciano i temi dell'ascolto e dell'accoglienza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'uso di sostanze psicoattive. Fragilità, libero arbitrio, resilienza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Olivetto
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master Universitario in Bioetica
Anno: 2015
Docente/Relatore: Augusto Consoli
Istituito da: Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi