Skip to content

Il suicidio nel minore: evoluzione del rapporto con la morte e psicopatologia della condizione umana

Erotizzazione della morte e suicidio minorile

Come si è visto nel capitolo precedente, paura e desiderio di morte non sono necessariamente due entità che si contrappongono, ma si possono scoprire collegate profondamente proprio alle radici del disagio esistenziale.
Quando l'acquisizione della cognizione di morte e delle sue implicazioni angosciose non viaggia in parallelo con lo sviluppo di un adeguato assetto neurologico, psicologico e sociale che possa permettere di sostenere la condizione umana, l'erotizzazione della morte (e in casi estremi anche il suicidio) possono rivelarsi l'unico sistema utile ad esorcizzare la paura.
Anche il desiderio della morte può quindi essere considerato, in casi estremi, come l'ultimo rifugio possibile della paura della morte stessa. Erotizzazione, desiderio, ideazione suicidaria e passaggio all'atto possono quindi essere interpretati in questa chiave di lettura come tentativi di trasformare la paura dell'oscura incontrollabilità della propria sorte, nel desiderio di avere potere sul proprio destino, sondandolo.
Il tentativo di superare l'angoscia di morte esorcizzandola trova fitte radici antropologiche.
Il pericolo di vita è una realtà con la quale l'uomo ha sempre dovuto rapportarsi, non soltanto sfuggendovi, ma anche, alle volte, sfidandolo. Una delle funzioni dei riti di iniziazione, si può individuare proprio nel rinvigorimento psicologico dell'individuo, che, avendo affrontato e familiarizzato con la morte, si sente più forte. Il cambiamento dello stato sociale trova radice proprio nel superamento delle paure: la prova (che comporta pericolo di vita) ne è la dimostrazione.
Questo vale sia per i riti più antichi, sia per quelli più moderni. I riti iniziatici antichi tuttavia erano gestiti e regolamentati dalla cultura, cioè dal mondo degli adulti, quelli moderni invece si trovano spesso totalmente nelle mani dei bambini, che vi partecipano in segreto, da soli o in gruppo.
La cultura moderna ha abbandonato i riti di iniziazione violenta che mettevano il soggetto in un reale pericolo; inoltre, come già osservato, oggi si tende a rifiutare l'idea di un rapporto diretto con la morte e si può descrivere invece la comune volontà di nascondere il più possibile la sua realtà ai bambini.
In questo contesto il bambino può avviare da solo la ricerca di una strada per sconfiggere la paura, in molti casi senza nessuna conseguenza; in altri invece l'erotizzazione può concretizzarsi in un gioco con la morte estremamente pericoloso, che può condurre a incidenti difficilmente distinguibili dal suicidio.
I giochi asfittici sono un chiaro e purtroppo diffusissimo esempio di queste situazioni.
Quando il bambino inizia a comprendere il significato biologico della vita e delle funzioni fisiologiche che la sostengono, può mostrare timore e interesse per il monitoraggio delle stesse. Sia la paura della morte che l'erotizzazione si possono concentrare quindi, come avviene tipicamente nei disturbi ipocondriaci, nei confronti delle funzioni vitali, come la respirazione o il battito cardiaco.
Al contrario di quanto si possa credere, moltissimi sono i bambini che giocano a trattenere il respiro: quando prendono coscienza del sottile confine che separa la vita dalla morte, il desiderio di esplorare questo territorio emerge quasi costitutivamente, il bambino può tipicamente cimentarsi in prove di apnea (è sufficiente la presenza di una vasca da bagno).
Fino a quando si tratta di esperimenti di questo genere il rischio per il bambino è sostanzialmente nullo, ma nei casi in cui per ottenere uno stato di ipossia vengono utilizzati strumenti per l'auto-strozzamento o la complicità di un compagno strangolatore, il pericolo di morte e di lesioni asfittiche permanenti è consistente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il suicidio nel minore: evoluzione del rapporto con la morte e psicopatologia della condizione umana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonino Maugeri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e chirurgia
  Relatore: Giuseppe Armocida
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paura della morte
bambini morte
rapporto con la morte
rapporto bambino con la condizione umana
paura morte suicidio
evoluzione rapporto con la morte bambino
suicidio bambino
suicidio nel minore
choking game
paura e desiderio di morte bambino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi