Skip to content

Pedagogia dell'infanzia: Italia e Finlandia, due realtà a confronto

Dati dell'esperienza diretta: l'osservazione presso due asili nido a Helsinki

Per ottenere un migliore senso della realtà quotidiana del nido finlandese, e poi confrontarlo con le esperienze italiane che ho avuto, ho visitato due diversi nidi comunali in lingua finlandese a Helsinki nel marzo 2015. In questo paragrafo mi limiterò a descrivere questi due nidi e le loro strutture e le sfide particolari che affrontano, e il contesto in cui operano mentre nel paragrafo successivo affronterò la descrizione delle routine dei due asili presi in esame. Helsinki è divisa in 13 zone per l'educazione della prima infanzia. Ogni zona è composta da un massimo di tre nidi, più gli “esikoulu” (una sorta di attività per preparare i bambini in età prescolare), i doposcuola, e in più i centri gioco per bambini che stanno ancora a casa, così come gli asili in famiglia (perhepäivahoito) in quella zona (il sito web della città di Helsinki).

I due nidi che ho visitato rappresentano due zone diverse, il che aiuta a evidenziare alcune delle differenze che sorgono a causa di diverse problematiche a secondo della zona di cui ci si sta occupando. Entrambi i nidi si trovano nella parte nord-est della città. Il primo nido che ho visitato è stato Päivakoti Himmeli nell'area Jakomäki-Puistola-Suutarila, e il secondo Päivakoti Ylä-Malmi nella zona Malmi-Pukinmäki.

Si tratta approssimativamente di strutture con le stesse dimensioni, Himmeli ha cinque sezioni, e Ylä-Malmi sei.
Entrambi i nidi aprono alle 6.15 del mattino ma mentre Himmeli chiude all’orario standard delle 17.30, Ylä-Malmi fa orario continuato di apertura per i bambini i cui genitori lavorano con turni serali, chiudendo più tardi alle ore 22.00. Entrambi i nidi sottolineano l'importanza della natura nella loro pedagogia, inoltre Ylä-Malmi concentra le proprie attività sul tema del riciclaggio e della conservazione, mentre Himmeli sottolinea l'importanza di imparare attraverso il gioco e l'esplorazione (Päivakoti Himmeli sito web, Päivakoti Ylä-Malmi sito web). Tutte e due le strutture hanno bambini da 1-6 anni, quindi compresi anche i bambini in età prescolare, così come i club di attività per i bambini che sono ancora a tempo pieno accuditi a casa.
Come nella maggior parte dei nidi in Finlandia al momento, le sezioni non sono organizzate per gruppi di età, ma piuttosto in gruppi di età miste così per riprodurre una composizione più naturale "stile di famiglia".

Sebbene entrambi i nidi si trovino nella parte nord-est della città, i contesti socioeconomici variano un po'. Himmeli si trova nella periferia di Töyrynummi. Si tratta di un tranquillo sobborgo in un’area verde, strutturato principalmente con abitazioni indipendenti e villette a schiera, abitato da famiglie della classe media con un reddito medio di 30.075 €/anno rispetto alla media di 24.038 €/anno di Ylä-Malmi («Infograafikko Joel Kanerva» 2013).

Inoltre, molti dei genitori attuali del nido Himmeli sono loro stessi cresciuti in quella stessa area, che è relativamente raro in Helsinki, dove la gente è abituata a muoversi e trasferirsi in maniera regolare. Abitanti di seconda generazione nella periferia di Helsinki sono un fenomeno nuovo, siccome la maggior parte di queste zone sono state costruite negli anni '70 e '80 per ospitare le masse in movimento verso la capitale.

Sebbene non ci sia una difformità di reddito rilevante tra le famiglie che risiedono nelle due zone prese in esame, tuttavia, la grande differenza tra i contesti socio-economici di questi due nidi si può trovare analizzando le statistiche in materia di immigrazione e di disoccupazione.

La zona di Töyrynummi ha un totale del 7% di tasso di immigrazione, con famiglie in cui nessuna delle tre lingue ufficiali, finlandese, svedese, né sami, è parlata come prima lingua. Di questo 7%, il gruppo più numeroso (1%), è di lingua russa. In Ylä-Malmi le statistiche cambiano drasticamente. Tasso di immigrazione qui è del 18%, di cui il gruppo più grande (3%) sono di lingua estone (Hänninen 2014). Anche le statistiche sull'occupazione sono diverse. Mentre il tasso di disoccupazione a Helsinki in generale alla fine del 2013 è stato del 10,1%,5 Töyrynummi (frazione dell'area leggermente più grande Suutarila) era al 8,3%, il numero più basso nella parte nord-est della città, e nettamente inferiore alla media della città intera, suggerendo una maggiore stabilità economica in questa zona, mentre Ylä-Malmi (frazione della leggermente più grande area di Malmi) invece ha un tasso di disoccupazione del 10,7%, nettamente superiore rispetto al resto del paese e leggermente sopra la media di Helsinki nel suo complesso (Tilastoja 2014:21).

Queste statistiche evidenziano il contesto in cui i nidi si inseriscono, e che i bambini e le loro famiglie riflettono. È utile partire da questa analisi per capire bene la platea con cui le insegnanti e i loro metodi pedagogici devono confortarsi ogni giorno, modellando la loro offerta formativa anche in base al contesto socio-economico che si trovano ad affrontare.
Nel paragrafo successivo discuterò le routine quotidiane che per la gran parte sono le stesse in entrambi i luoghi, sottolineando, dove necessario, eventuali differenze che potrebbero avere.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Pedagogia dell'infanzia: Italia e Finlandia, due realtà a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sirja Johanna Moilanen
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'infanzia
  Relatore: Emiliano Macinai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

finlandia
bilinguismo
pedagogia dell'infanzia
sensibilità a genere
formazione dell'infanzia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi