Skip to content

Ceci n'est pas Place Branding

Dal Marketing al Societing

Assistiamo oggi alla crisi d’interi Paesi, d’intere Regioni, e li guardiamo cadere, convinti che non sia nostro compito occuparcene, convinti che ci sarà qualcuno, qualche addetto ai lavori, che proporrà una strategia, che penserà ad un piano di ricrescita. Siamo convinti di non avere le competenze per agire, dal nostro canto, a favore del nostro Paese, della nostra Regione, della nostra città. Magari perché non possediamo delle competenze economiche, magari perché non abbiamo mai letto un manuale di marketing, magari perché siamo pigri, e il mondo, nella sua complessità, ci spaventa e ci fa credere di non poter dare una mano, di non poter contribuire, di non poter competere. Quello che si è cercato, negli anni, di far comprendere, è che prima di essere individui, siamo esseri sociali, nati dalla società, e nella società inseriti. Non siamo soli nell’agire, ma siamo un costrutto d’identità che convivono e reciprocamente s’influenzano. Le immagini, le esperienze, le percezioni, la reputazione, sono tutti sostantivi che rimandano ad una dimensione sociale e societaria dell’essere. Paesi, Regioni, città, individui, sono tutti costrutti sociali, essi risentono e sono influenzati da ogni elemento che contiene l’umana natura e da tutte le pratiche artificiali che modificano questa natura.
Per questo motivo chi si occupa della gestione dei territori, oggi, deve ripensare la disciplina del marketing in un’ottica multidimensionale, che abbracci i già tanto citati argomenti d’immagine e di reputazione, così come si teorizzava negli anni ’70, ma con uno sguardo rinnovato, adatto ad affrontare la società postmoderna.

Esistono oggi delle nuove responsabilità sociali, alla luce di una globalizzazione delle pratiche, nei confronti delle quali nessuno si può astenere. Scegliere di rinunciare a contribuire allo sviluppo del proprio territorio vuol dire togliere a quel territorio e a se stessi un’opportunità, di crescita e di sviluppo, che oggi nessuno può permettersi. La scienza del marketing territoriale, ormai da anni, ha abbracciato l’idea di doversi confrontare continuamente con le altre discipline. Le imprese, e con imprese non intendiamo solo quelle banalmente conosciute come aziende, non sono più riconosciuti come unici attori che agiscono sul mercato. Tutti, da sempre, hanno agito e influenzato la società, anche senza contribuire attivamente, provocando delle ricadute sul mercato. Tutti siamo attori sociali, e la scienza territoriale è una derivata di questo costrutto sociale. Parleremo, usando i termini di Kotler, di marketing 3.0, o di quello che Bernard Cova ha ribattezzato Societing, stimolando l’interesse di teorici come Fabris, Arvidsson e Giordano. Agire imprenditorialmente, inseguendo il falso mito del profitto, così come la disciplina tradizionale del marketing prevedeva, non è più pensabile, ma questo si è capito. Perché allora nulla sta cambiando, almeno in apparenza, almeno nelle pratiche? Perché i Paesi sono depressi e schiacciati l’uno sull’altro? è parere di chi scrive che non siano le idee a mancare, e neanche le persone disposte ad impegnarsi per questo cambiamento; non mancano neanche le tecnologie, i benefici della banda larga e dell’avvento dei social network sono noti ed è inutile approfondirli in questa sede; ma allora, cosa manca? Manca l’organizzazione, manca un piano di comunicazione efficace con la comunità, una strategia unitaria, coesa e condivisa da tutti i partecipanti; è necessario che i manager oggi capitalizzino, diano valore, a queste risorse (le idee e le persone) e diano loro una direzione. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ceci n'est pas Place Branding

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marianna Malacaria
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Comunicazione d'impresa, i media e le organizzazioni complesse
  Relatore: Mariagrazia Fanchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi