Skip to content

Costa Concordia: il linguaggio di un naufragio

Il marchio dell’infamia sull’Italia

Le responsabilità di Schettino vanno oltre la semplice cronaca giudiziaria e diventano oggetto di opinioni e commenti che, partendo dal comportamento tenuto dal comandante, arrivano a una conclusione: tutti gli italiani sono codardi.

Una generalizzazione che tocca il suo apice il 23 gennaio 2012, quando il settimanale tedesco Der Spiegel pubblica un editoriale intitolato: Italienische Fahrerflucht (Omissione di soccorso all'italiana). I toni xenofobi scatenano una pesante reazione da parte dei media italiani, di cui vale la pena ricordare quella de Il Giornale, che il giorno dopo risponde con un headline a caratteri cubitali in prima pagina: A noi Schettino, a voi Auschwitz. ‘Like shooting a rabbit with a tank’, commenterà il 31 gennaio The Independent sottolineando quanto si sia perso il senso della misura. Il settimanale tedesco, però, ha almeno l'onestà intellettuale di informare esplicitamente nel sommario che il ragionamento è basato su stereotipi: “Già a scuola impariamo che il carattere nazionale è un’invenzione del passato e che gli stereotipi sulle nazioni sono un’idea antiquata. Ma è davvero così?”. I preconcetti diventano un mezzo per veicolare dei pregiudizi ideologici che si ritrovano anche nei giornali britannici: il comandante diventa l'esempio della codardia italiana e il naufragio della Concordia è la metafora di un Paese che va a fondo, moralmente ed economicamente.
Lo stereotipo rappresenta una classificazione mentale costruita socialmente, con cui gli eventi e gli individui vengono catalogati in schemi. Per Fowler (ibidem, 43), "a schema is a chunk of unconscious knowledge, shared within a group of people and drawn upon in the process of making sense of the world".

Uno dei primi a mettere sotto accusa gli italiani è il columnist inglese Toby Young, che il 17 gennaio 2012, nell'edizione on line del Telegraph, pubblica una opinion. Contrariamente ad un articolo di cronaca, basato sulle notizie, le opinioni e gli editoriali sono processi argomentativi in cui l’autore espone un suo punto di vista cercando di dimostrarne la validità attraverso dei ragionamenti che possono essere basati sui fatti (factual beliefs) o valutativi (evaluative beliefs). L'headline dell’articolo è una domanda: If the captain of the Costa Concordia had been British, would he have abandoned ship? Il tempo è quello del Past Unreal Conditional utilizzato per proporre ai lettori uno scenario immaginario in un evento passato. L’intento dell’autore è quello di convincere il suo target audience britannico che un loro connazionale non si sarebbe mai comportato come Schettino attraverso un solo esempio: quello del capitano del Titanic, Edward John Smith affondato insieme alla sua nave.
Il comportamento di Smith, diversamente da quello di Schettino, rappresenta una generalizzazione positiva: lui si è dimostrato coraggioso, quindi tutti i britannici sono coraggiosi. Un assioma che potrebbe essere facilmente ribaltato, ad esempio mettendo in evidenza la figura del capitano italiano dell'Andrea Doria Pietro Calamai, costretto a lasciare la nave dai suoi ufficiali, e quella del già citato Bruce Ismay, l’inglese alla guida della White Star Line che sul Titanic saltò su una scialuppa scavalcando donne e bambini. Questo per dire che in una opinion, così come in un editoriale, la scelta dei fatti per convincere il lettore ad appoggiare un determinato punto di vista è già di per sé ideologica. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Costa Concordia: il linguaggio di un naufragio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Franzini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Gillian Mansfield
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguistica
lingue straniere
inglese
language
anglosassone
naufragio
costa concordia
shipwreck
quality paper
popular paper

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi