Skip to content

Nazionalismo e minoranze etniche: la Repubblica di Macedonia tra questione greca e multietnicità

Grecia e Macedonia: nazionalismi a confronto

Dopo la caduta della Federazione Jugoslava il nazionalismo greco non avrebbe accettato l'esistenza di uno stato indipendente macedone sul suo confine, l'esistenza di una distinta identità nazionale macedone, dato che questa identità esiste già sul proprio territorio. Ritenendo che il nome Macedonia faccia parte del loro patrimonio storico e culturale e che esso non possa essere utilizzato per l'identificazione di un'altra nazione, "la nuova identità macedone è vista come una minaccia alla grecità". In seguito alla dichiarazione d'indipendenza della Macedonia la Grecia ha quindi intrapreso una vera e propria battaglia diplomatica che dura ancora oggi dopo 22 anni.

Esclusa la parte più radicale tra i nazionalisti greci, la quale sostiene che tutta la regione fino a nord di Skopje sia greca, la parte più moderata sostiene che l'attuale confine nord dello stato greco coincida con il confine nord dell'Antica Macedonia e che quindi la regione slava del Vardar non possiede alcun diritto di definirsi Macedonia e di definire macedone il suo popolo, appropriandosi così di discendenze, miti e simboli che non le appartengono, essendo gli slavi arrivati in quelle zone tra il VI e il VII secolo dopo Cristo.

Alessandro Magno è cosa ellenica e il popolo greco mal accetta la Repubblica di Macedonia autodefinisca se stessa e il suo popolo suoi diretti discendenti. La Macedonia è greca, i macedoni sono greci e quello che attualmente si definisce come Macedonia altro non è che uno stato creato dal nulla per mano di Tito per l'equilibrio della RSFJ: questo è il pensiero del nazionalismo greco e questo flusso nazionalistico ha attraversato l'intera penisola ellenica in seguito alla secessione dell'ex RS di Macedonia. Oltre che per motivazioni strettamente simboliche e di discendenza la Grecia vedeva nel nuovo stato appena creatosi un pericolo per la propria integrità territoriale.

Il VMRODPMNE infatti, primo partito salito al governo, attraverso una forte propaganda spingeva per una riunificazione con la Macedonia Egea e quella del Pirin, affinchè il popolo macedone potesse stabilirsi all'interno di un unico confine. Modificati dal governo di Skopje, sotto espressa richiesta greca, gli articoli 3 e della Costituzione macedone, gli unici che potevano implicare in qualche modo una qualche posizione irredentista, ai quali furono aggiunti emendamenti affinchè la Grecia fosse rassicurata sul fatto che la Macedonia non avesse alcun progetto irredentista, il simbolo più conteso nell'attuale guerra culturale tra Macedonia e Grecia rimane senza dubbio il nome dello stato e i simboli nazionali presi in "prestito" dalla storia ellenica, partendo dal presupposto che "Alessandro Magno e gli antichi macedoni erano greci, e la antica e la moderna Grecia sono legate da una linea di continuità razziale e culturale, solo i greci hanno il diritto di identificarsi come macedoni".

La controparte macedone controbatte sostenendo che "un macedone è definito come una persona la quale parla, per via ereditaria, una lingua slava proveniente da quella regione, conosciuta come Macedonia".

L'incapacità di greci e macedoni di accordarsi sul nome dello stato e del popolo che lo costituisce sembra essere il prodotto dell'utilizzo di criteri totalmente differenti nel definire termini di base: per i greci la parola Macedonia e ogni sua accezione va a rappresentare antichi simboli e miti e il suo utilizzo da parte del governo di Skopje è come se li defraudasse di tali simboli, che insieme al nome entrerebbero di prepotenza nella sfera d'esistenza del nuovo stato, che da parte sua non disdegna di autoidentificarsi come diretto discendente di Alessandro Magno escludendone la Grecia; per i macedoni, d'altra parte, lo scopo principale è quello del riconoscimento della loro specifità etnica ed essendo conosciuti da oltre quarant'anni come macedoni abitanti la RS di Macedonia, dover modificare il nome sarebbe come cadere di nuovo in quel limbo in cui l'identità macedone ha vissuto per diversi secoli, e avendola trovata da pochi decenni, il governo di Skopje non può e non vuole accettarlo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Nazionalismo e minoranze etniche: la Repubblica di Macedonia tra questione greca e multietnicità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Marino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Dario Padovan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

jugoslavia
nazionalismo
grecia
albania
multietnicità
minoranze etniche
macedonia
repubblica di macedonia
fyrom
etnonazionalismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi