Skip to content

Presenze e immagini dell'Islam nella Commedia di Dante

Il Profeta per l'Occidente cristiano

Le glosse sul Maometto della Commedia non chiariscono quali furono le conoscenze di Dante sull'Islam, ma al tempo stesso definiscono le prospettive e i preconcetti che il lettore trecentesco e quattrocentesco poteva avere nei riguardi della figura del Profeta. La visione sull'Islam non subisce particolari variazioni tra il XIV e il XV secolo, tuttavia è riscontrabile una spinta storiografica verso fonti ritenute più affidabili. Manca però quasi del tutto una forma di conoscenza diretta: il Medioevo Cristiano soddisfa i propri interessi verso il mondo musulmano rifacendosi agli antichi pamphlet anti-islamici che dall'Oriente cristiano si diffusero in Occidente attraverso la Spagna. Erano questi dei libelli dove il dato storico veniva falsato ad arte col fine di negare ogni pretesa di verità in quella religione così pericolosamente in espansione.

Da un verso la condotta di Maometto doveva essere presentata come violenta e corrotta, una biografia non adattabile alla santa vita di un profeta; dall'altro andava inficiata ogni originalità della dottrina musulmana, Maometto, oltre a negare la Trinità e l'Incarnazione, altri non era che un misero strumento governato da un monaco cristiano antagonista o eretico.

Eppure, paradossalmente, all'origine di questo errore storico contribuì anche la letteratura agiografica islamica, anch'essa molto incline ad elementi mitizzanti. Stando alla tradizione musulmana, il Profeta sarebbe stato indottrinato da due eremiti arabi avversi al politeismo ed esperti lettori delle Sacre Scritture, i cosiddetti hanìf. Il primo fu Bahira (poi verrà nominato Nistur o Sergios), che in Siria ravvisò nel Maometto fanciullo il carisma, i segni della “profezia” e per questo lo educò all'incontaminata religione abramitica, stornandolo dall'idolatria pre-islamica. Il secondo educatore fu il monaco Waraqua ibn Nawfal, congiunto di Kadigia, prima moglie del Profeta. Ecco allora due personaggi positivi, determinanti per l'Islam, che la polemica cristiana deformò in un solo sacerdote nestoriano, a volte giacobita o ariano, che una volta giunto a la Mecca plagiò Maometto.

Per quanto sia caotico, in questo ciclo di racconti giunti in Occidente è possibile isolare tre filoni dominanti. Nel primo il monaco e Maometto raggirano Kadigia, facendole credere che gli attacchi epilettici del marito siano provocati dalle apparizioni di Gabriele, inducendola a diffondere per prima la novità dell'Islam. L'inganno del Profeta era il centro della versione “bizantina” tradotta nel IX secolo in latino dal bibliotecario Anastasio e riscontrabile negli annali dei benedettini Sigiberto di Gembloux e Hugo de Fleury (XI-XII sec.). Un secolo dopo Jacopo da Varazze si affiderà a queste fonti per la sua Legenda aurea (XIII sec.).

Il secondo ramo di leggende ci tramanda invece un Maometto capo di una banda di ladroni omicidi e seguace del monaco nestoriano Sergio. L'alleanza tra loro mira a convertire le genti arabe, puntando solo ad accrescere le ricchezze di entrambi. La sorgente di questa narrazione fu uno scritto polemico, cristiano, redatto in arabo nel IX secolo e latinizzato da Pietro da Toledo nel XII secolo, testo noto come Apologia di al-Kindi, parte integrante della Collectio Toledana. In quegli anni la cristianità orientale subiva numerose conversioni all'Islam e la funzione del libello in questione era proprio quella di limitarle. L'Apologia trovò quindi la sua fortuna in Occidente.

Nel terzo sviluppo Maometto è un alto prelato della Chiesa romana, un certo Nicolò (poi Nicolao o Nicola), che vuole rifarsi sulla Curia per una mancata nomina. Tale “fabula” è compiutamente esposta nella testimonianza più antica pubblicata dal D'Ancona, il Liber Nicholay, che secondo D'Alverny risalirebbe al XIII secolo. In esso Maometto, ovvero Niccolò, uno dei sette diaconi cardinali della Chiesa di Roma, viene scelto per predicare la Buona Novella in Spagna e Barberia grazie ai propri meriti eruditi. Il papa in punto di morte lo elegge successore di sé, ma Niccolò è lontano e pertanto i cardinali nominano un papa vicario dalla salute cagionevole. Maometto-Niccolò torna a Roma, ma trovando il pontefice ancora vivo non gli riconosce alcun potere, lascia la città adirato e per rappresaglia diffonde un culto eretico nelle zone da lui stesso precedentemente convertite al Cristianesimo, niente di più falso.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Presenze e immagini dell'Islam nella Commedia di Dante

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Totaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Giuseppe Ledda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

islam
dante alighieri
divina commedia
maometto
saladino
avicenna
averroè
miguel asin palacios
enrico cerulli
libro della scala di maometto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi