Skip to content

Guido Bigarelli da Como. Intarsiatore e scultore in Toscana (doc. 1239 - 1257)

Tecniche e strumenti dei “Guidi”

Dall’estrazione alla messa in opera finale, la pietra attraversa almeno tre fasi, ognuna delle quali affrontata con tecniche specifiche da cavatori, scalpellini e scultori. Poiché dai documenti sappiamo che, nel Duecento, i lombardi in Toscana richiedevano l’invio dalle cave dei marmi (talvolta anche dei legnami necessari al montaggio dei cantieri), è ben probabile che essi fossero per lo più scalpellini e scultori. La loro tradizionale abilità a lavorare la pietra e la grande varietà litologica toscana (spesso vengono utilizzati materiali coltivati in cave locali) hanno portato alla differenziazione delle strumentazioni utilizzate dalla taglia.
Inoltre, all’impoverimento tecnologico dell’alto medioevo, nei secoli XII e XIII fa seguito il perfezionamento delle tecniche di produzione degli attrezzi, la cui maggior durezza consente un lavoro di intaglio più preciso e raffinato e, conseguentemente, una più accurata definizione stilistica ed espressiva da parte degli artisti.
Utilissimi per una panoramica sulle strumentazioni dei “Guidi”, sono due documenti lucchesi, conservati nel protocollo notarile di Ser Ciabatto e relativi a Maestro Lombardo: lo scultore, compagno e collega di Guido nel San Martino a Lucca, sottoscrive nel 1244 e nel 1251 due contratti, nei quali si impegna a prendere in apprendistato due giovani. In cambio di una corresponsione in denaro, e fissate le condizioni, Lombardo nel primo atto “promise che gli (il giovane Iacopo di Rolenzo di Lunata, quondam Bonfilioli) darà vitto e abiti convenienti e gli insegnerà la sua arte senza frode e gli darà, passato il termine (degli otto anni di apprendistato), o poco prima, i ferri del mestiere, come il massapicchium segulatum, il picchiarellum, un pichium grossum, una sciagam, un massuolum de ferro, tre scarpella, due scarpella cum puntis e una cassuolam”; e nel secondo “terminato il periodo di apprendistato (quattro anni, in questo caso), dovrà dargli (a Valente di Giunta da Pescia, quondam Bartholomei) un massapichium, due pichios, una sciagam, un segulare, un matholum ferri, quattro scarpellos e due subbios”.
Non è menzionato il trapano (e si intende il trapano a violino), che ebbe però largo uso all’interno della taglia: possibile che l’acquisto fosse lasciato al singolo individuo (e non inteso come patrimonio di bottega) per l’elevato costo dell’attrezzo.
Il “mazzapicchio” è il cosiddetto malepeggio (o polka, in francese): ovvero uno strumento provvisto di due trancianti piani, uno perpendicolare al manico e uno parallelo; lascia tracce non profonde, lunghe sette o otto centimetri, parallele tra loro. Ne esiste anche la versione dentata (il “mazzapicchio segolato”).
Variante del mazzapicchio, non documentata presso la taglia dei Guidi ma presumibilmente utilizzata negli edifici lucchesi e pisani, la martellina a punte dentate (potrebbe essere la bocciarda): rifiniva la superficie della pietra lasciando tracce parallele più profonde di quelle del mazzapicchio. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Guido Bigarelli da Como. Intarsiatore e scultore in Toscana (doc. 1239 - 1257)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enrichetta Berlati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Silvia Tosatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guido bigarelli da como
taglia dei guidi
san martino a lucca
san bartolomeo in pantano a pistoia
fonte battesimale del battistero di pisa
maestri comacini
intarsio
scultura toscana del xiii secolo
nicola pisano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi