Skip to content

La nascita del regime parlamentare in Francia

Gli Stati Generali

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare sulla scorta di quanto accaduto durante la Rivoluzione, gli Stati Generali non hanno rappresentato un forte freno al potere del monarca. In realtà, gli Stati Generali pur non avendo avuto un’influenza propriamente politica, hanno indirettamente contribuito a limitare il potere del re, il quale nella gestione del potere non poteva esimersi dal tenere conto dell’esistenza di queste antiche assemblee rappresentative.
Fin dagli inizi del XIII secolo i sovrani francesi convocavano delle riunioni a cui partecipavano solo nobili e prelati. Tali assemblee erano più che altro di parata, infatti la loro funzione era semplicemente quella di acclamare le decisioni già prese dal re e di far conoscere ai sudditi le decisioni del sovrano.
Effettivamente i motivi per cui esse venivano convocate erano per questioni di natura dinastica, per richieste di finanziamento straordinarie e per approfondire problematiche di politica estera, come ad esempio intraprendere un conflitto o concludere una pace.
Nel secolo successivo abbiamo però un’evoluzione di tali assemblee: Filippo IV, sconfitto dal Papa, si trovava in una condizione di debolezza e aveva bisogno di un ampio consenso sulle scelte di carattere sia politico che finanziario e quindi invitò al consesso anche i rappresentati degli abitanti delle città e dei borghi. Si assiste quindi al passaggio dalla funzione di parata a quella consultiva, allo scopo di ottenere il maggior sostegno possibile dai rappresentanti presso gli Stati Generali alle decisioni del re. L’assemblea del 1302 è da molti ritenuta, per tale motivo, la prima convocazione degli Stati Generali veri e propri, anche se in realtà anche queste assemblee ebbero un carattere esclusivamente ricettivo delle decisioni del sovrano.
Nel corso della guerra dei Cento Anni, il re Giovanni II fu costretto a riunire nuovamente gli Stati Generali per ottenere i fondi necessari alla conduzione del conflitto e per la prima volta l’assemblea avanzò delle pretese. La richiesta della diretta partecipazione al governo del sovrano, nonché la periodica convocazione degli Stati Generali fu respinta da Giovanni, il quale però accettava di riconoscere la facoltà di controllare in parte le imposte.
La convocazione del consesso doveva quindi essere sottratta all’arbitrarietà del re, dimostrando la maggiore consapevolezza politica da parte dei rappresentati.
Questa prima rivendicazione non fu mai accolta dai sovrani, infatti la convocazione degli Stati Generali fu sempre un fatto raro e poco frequente, basti pensare che nei suoi quattrocentottantasette anni di storia furono convocati complessivamente solo ventuno volte e perlopiù nei periodi di crisi e debolezza della monarchia. Ad esempio gli Stati Generali sedettero quasi permanentemente per tre anni, dal 1355 al 1358, a causa della prigionia di Giovanni II in Inghilterra, al fine di poter prendere decisioni particolarmente importanti per il Paese, sopperendo quindi all’assenza del re. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La nascita del regime parlamentare in Francia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Anselmi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Mario Ciampi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regime parlamentare in francia
nascita del regime parlamentare
nascita del regime parlamentare in francia
il parlamentarismo
napoleone e il parlamentarismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi