Skip to content

Il Turismo e la Sharing Economy. Il caso Airbnb

Caratteristiche della Sharing Economy

La Sharing Economy è un sistema economico emergente a cui manca ad oggi «una definizione univoca e condivisa e il dibattito, su quali servizi comprenda e quale sia il suo reale significato in termini di implicazioni e impatti, è acceso», come fa emergere Monica Bernardi in "Un'introduzione alla Sharing Economy": «Termini come economia della condivisione, consumo collaborativo, peer to peer si fondono nel concetto di Sharing Economy, nel quale confluiscono prassi e pratiche anche molto diverse e distanti le une dalle altre, dall'open source alle Social Street, passando per quelli che sono ormai oggi dei colossi come Airbnb e Uber.».

Sharing Economy è diventato un vero e proprio "termine–ombrello" come evidenzia la giornalista Gea Scancarello in "Mi fido di te", sotto il quale «sono nate iniziative molto diverse tra loro, sia per vocazione sia per risultati. In linea di massima, si tratta di progetti che vogliono scardinare i tradizionali modelli di consumo, e spesso anche di produzione, puntando sui rapporti diretti tra persone (peer-to-peer) grazie all'utilizzo della tecnologia».

Iniziative che Marta Mainieri definisce come servizi collaborativi digitali che «prediligono l'accesso al bene invece della proprietà, il servizio invece del prodotto, lo scambio invece dell'acquisto, la fiducia verso sconosciuti invece della diffidenza, la collaborazione al posto della competitività» e lo fanno eliminando l'intermediazione istituzionale, commerciale e finanziaria mettendo direttamente in contatto persone con persone, attraverso le piattaforme digitali.

Nel 2010 Rachel Botsman e Roo Rogers con "What's mine is yours" inquadrarono per primi l'avvento di questo nuovo sistema economico parlando di Consumo Collaborativo e dei sistemi in cui è organizzato:

• Product Service Systems: sistemi che permettono di accedere a prodotti di proprietà di altri. Tale sistema permette al proprietario di massimizzare l'utilità del bene, allungandone il suo ciclo di vita e riducendone l'impatto ambientale, mentre l'utente che beneficia del servizio risparmia sui costi di acquisto e mantenimento del bene.

• Redistribution Markets: mercati di redistribuzione di beni, non utilizzati o sottoutilizzati, da dove non sono necessari a luoghi o persone dove lo sono. Lo scambio può essere gratuito o meno, o può essere un vero e proprio baratto; molto spesso interessa persone totalmente sconosciute. Questo mercato permette il riuso e la rivendita di oggetti che altrimenti getteremo via, riducendo spreco e consumo e allo stesso tempo permette di interagire e socializzare con altre persone.

• Collaborative Lifestyles: scambio di risorse intangibili come spazio, capacità, tempo. Lo scambio avviene prevalentemente a livello locale, ma Internet ne sta permettendo una diffusione su scala globale, richiedendo un sempre più un alto livello di fiducia. Il focus di tale sistema non è più tanto lo scambio ma l'interazione con l'altro.

Alla base di tutti e tre vi sono quattro principi che hanno tutti la stessa importanza:

• Massa critica (critical mass): la presenza sia di un buon numero di utenti sia di prodotti e/o servizi da scambiare che permettano all'utente di percepire di avere una vasta scelta.

• Pieno utilizzo delle risorse, ridistribuendole dove sono necessarie (Idling capacity)

• Credere nella comunità (Belief in the Commons): dare valore alla comunità perché più persone partecipano, più il sistema funziona; ogni
singola persona che partecipa, inconsciamente, crea valore per un altro individuo

• Fiducia tra sconosciuti: i vari servizi richiedono di doversi fidare di persone del tutto sconosciute, questo rappresenta anche uno dei principali ostacoli alla pratica della Sharing Economy. I vari servizi collaborativi hanno inserito nelle loro piattaforme dei meccanismi che permettono di accrescere la fiducia, come il sistema del feedback, con cui si chiede di lasciare un commento sul comportamento dell'altro. Si forma, così, una vera e propria reputazione on-line, che è «un sostituto della carta d'identità». Ma si tratta anche di una vera e propria moneta, come l'hanno definita Botsman e Rogers perchè più commenti e feedback positivi si ricevono, maggiori saranno le possibilità di poter continuare a partecipare ai vari servizi e allo stesso tempo più si utilizzano tali servizi e più facile sarà parteciparvi, perché la reputazione cresce e quindi anche la fiducia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Turismo e la Sharing Economy. Il caso Airbnb

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Matteoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Barbara Antonioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

hotel
turismo
regolamentazione
impatti
piattaforme
sharing economy
airbnb
sharing economy tourism

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi