Skip to content

I diritti di proprietà intellettuale nella politica globale: Potenzialità e limiti dei brevetti per invenzione

Alcune considerazioni sull’accordo TRIPS

Se durante la negoziazione dell'Accordo TRIPS il livello di attenzione pubblica era minimo, tutto cambia nel momento in cui il trattato viene adottato, in quanto aumenta il dibattito pubblico sul ruolo che i diritti di proprietà intellettuale svolgono nella società e nello specifico il dibattito si concentra sul ruolo dei brevetti farmaceutici. Molto spesso, infatti, le multinazionali farmaceutiche pongono sotto giudizio i Paesi meno sviluppati, come quelli africani, accusati di violare parti dell'Accordo relative ai brevetti, ma, sempre più frequentemente, esse sono costrette a ritirare le loro rivendicazioni a causa di un'intensa pressione da parte dell'opinione pubblica che, schierandosi con i Paesi africani, si mostra sensibile alla gravità delle malattie pandemiche di quell'area come l'AIDS. Le discussioni vertono ripetutamente sulla questione “dell'importazione parallela' disciplinata dall'articolo 31 (f) del TRIPS secondo cui “qualora la legislazione di un Membro consenta altri usi dell'oggetto di un brevetto senza il consenso del titolare, l'uso in questione è autorizzato prevalentemente per l'approvvigionamento del mercato interno del Membro che lo autorizza.” Il problema, che si pone dunque alla base delle controversie, si riscontra quando il Paese meno sviluppato abusa di questa concessione per esportare ad esempio brevetti farmaceutici in altri Stati che non dispongono delle strutture adatte per produrli o che non sono soggette effettivamente a gravi crisi sanitarie.
Sotto il profilo del commercio internazionale l'importazione parallela si lega al tema “dell'esaurimento” dei diritti di proprietà intellettuale la cui formulazione della disciplina viene lasciata ad ogni Stato Membro, anche se, per quanto riguarda i brevetti, l'articolo 33 del TRIPS prevede una durata di protezione di un periodo di 20 anni computati dalla data di deposito. Nel momento in cui i diritti di proprietà intellettuale si esauriscono, il detentore dei diritti cessa di controllare il movimento dei beni o servizi in commercio. Esistono diversi tipi di approccio alla cessazione dei diritti che i Paesi possono adottare sulla base del livello nazionale, regionale e internazionale. Quando uno Stato adotta una norma di esaurimento internazionale, i diritti di proprietà intellettuale (del detentore) cessano di esistere quando un bene è per prima venduto o immesso nel mercato ovunque nel mondo. Supponiamo che il Sudafrica adotti una norma di questo tipo sui diritti di brevetto; se la prima vendita del prodotto avviene in India dove c'è un brevetto locale, esso può essere importato in Sudafrica dove il titolare del brevetto controlla anche un brevetto parallelo. Il detentore del brevetto per il Sudafrica non può bloccare l'importazione perché i suoi diritti si sono esauriti quando il prodotto è stato immesso sul mercato in India. Nell'approccio regionale i diritti del detentore si esauriscono quando il bene è piazzato sul mercato all'interno della regione; nel caso dell'Unione europea, ad esempio, un prodotto protetto dai diritti di proprietà intellettuale piazzato sul mercato in Francia può essere parallelamente importato in Germania, ma un prodotto protetto dai diritti di proprietà intellettuale piazzato in India non può essere importato parallelamente in Germania o in qualsiasi altro Stato dell'Unione europea. La stessa logica vale per l'approccio nazionale dove la cessazione dei diritti di proprietà intellettuale ha luogo quando i beni vengono immessi sul mercato all'interno del territorio nazionale, ma, i titolari dei diritti possono bloccare l'importazione di prodotti di prima immissione sul mercato al di fuori del paese. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

I diritti di proprietà intellettuale nella politica globale: Potenzialità e limiti dei brevetti per invenzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Schiuma
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Federico  Casolari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

wto
brevetto
ong
wipo
proprietà itellettuale
brevetto per invenzione
multinazionale farmaceutica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi