Skip to content

L'aggregazione di impresa a sostegno dell'internazionalizzazione delle PMI agro-alimentari

Knowledge management all’interno dell’organizzazione

La vastità e la complessità del tema rende la gestione della conoscenza all’interno dell’organizzazione un’attività non semplice ed allo stesso tempo imprescindibile dalla creazione di processi disegnati ad hoc che tengano in considerazione le caratteristiche uniche di ciascuna impresa nonché delle persone che in essa lavorano.

Il processo di creazione e diffusione della conoscenza aziendale inizia, come visto precedentemente, dalla conoscenza posseduta dal singolo individuo e dalla sua abilità di assorbire e sviluppare nuove competenze, per poi riflettersi sulle diverse aree organizzative.
Questo processo, caratterizzante il ciclo di vita della conoscenza, è rappresentabile mediante il modello di creazione e condivisione della conoscenza elaborato da Nonaka (1994). Il modello evidenzia quali processi consentono alla conoscenza tacita di divenire esplicita e di rigenerarsi continuamente. Esso si basa sulle due dimensioni legate alla creazione della conoscenza in azienda:

1. EPISTEMOLOGICA: evidenzia la distinzione tra conoscenza tacita e quella esplicita ovvero la differenza tra la dimensione strettamente personale, difficile da formalizzare e comunicare e quella esplicita, codificata e facile da trasmettere anche informalmente.
Questa distinzione risulta fondamentale all’interno del processo di “knowledge creating” in quanto è proprio la dimensione tacita la vera fonte di innovazione e quindi quella a maggior valore per l’impresa.

2. ONTOLOGICA: sottolinea lo stato dinamico della conoscenza, che partendo dall’individuo, si sposta verso il team, l’organizzazione fino al livello inter-organizzativo. Tale sviluppo attraversa quattro stadi, ricondotti nell’ordine a: internalizzazione, combinazione, socializzazione ed esternalizzazione.

Come si evince dall’immagine, si tratta di un processo ciclico all’interno del quale la conoscenza si amplia fondendosi con la base conoscitiva iniziale e si sviluppa nuovamente integrandosi con la nuova conoscenza prodotta.
In questo senso risulta evidente come il ruolo dell’IT all’interno dell’intero processo di creazione di nuova conoscenza possa essere estremamente rilevante, abilitando e facilitando la collaborazione, il coordinamento e l’interazione tra gli individui.
Alavi e Leidner (2001) partendo da questi studi, hanno in seguito implementato un nuovo framework per agevolare l’interpretazione del potenziale ruolo dell’information technology all’interno dei processi di knowledge management aziendale.
Proprio in questo contesto si inseriscono i KMS (Knowledge Management System): “a class of information systems applied to managing organizational knowledge” (Alavi e Leidner, 2001).

Sebbene una buona parte di operazioni di knowledge management possano essere condotte utilizzando strumenti tradizionali, senza necessariamente trovare particolari giovamenti dall’utilizzo dell’IT, vi sono alcune applicazioni per le quali l’utilizzo dell’informatica ê diventata una prassi comune e rilevante per il raggiungimento degli obiettivi preposti in modo più efficiente. Alcune di queste riguardano la codifica e la condivisione di best practice, e la creazione di reti di conoscenza interne all’azienda o interaziendali. Una delle applicazioni più comuni dell’IT nei processi di KM ê proprio quella a sostegno del benchmarking interno con l’obiettivo di trasferire e diffondere le best practice e conoscenze tra gli individui di una stessa organizzazione (KPMG 1998a).

Una chiaro esempio di questo concetto è proposto all’interno dell’elaborato di Alavi e Leidner (2001): all’interno del caso di studio viene spiegato come all’interno di una compagnia di assicurazioni alle prese con un consistente calo di profitti, l’introduzione di un KMS finalizzato al confronto e alla diffusione delle migliori pratiche di “decision making”, abbia permesso alla compagnia di muoversi con rapidità verso mercati di nicchia più redditizi.

Questi strumenti informatici possono quindi, secondo i due ricercatori, stimolare la creazione di comunità interne che alimentano e sviluppano quei macro processi alla base del KM all’interno di un’organizzazione che diventa essa stessa un “knowledge system”. Il framework di riferimento vede la scomposizione dei processi di knowledge in: creazione, conservazione, trasferimento ed applicazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'aggregazione di impresa a sostegno dell'internazionalizzazione delle PMI agro-alimentari

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: William Vecchiato
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Luca Cremona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

reti di imprese
collaborative network
aggregazione d'imprese
internazionalizzazione agroalimentare
pmi agroalimentari
internazionalizzazione pmi
reti di pmi
export agroalimentare italiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi