Skip to content

Lupi Homines, Evoluzione della figura del lupo mannaro dall'antichità ad oggi

Mal di luna tra storie e psicosi

Nella tradizione popolare italiana la licantropia è una patologia, un male involontario che induce chi ne è soggetto a trasformarsi in lupo durante le notti di luna piena.
Vi è un documento, scritto da Giorgio Finamore Tradizioni popolari abruzzesi in Archivio per lo studio delle tradizioni popolari, che sintetizza le credenze abruzzesi sul lupo mannaro; uno dei modi per diventare lupo mannaro (o strega se si tratta di femmine) è di nascere la notte di Natale, in quanto è un affronto alla divinità. Il bambino, però, può scampare alla condanna se il padre, per tre notti di Natale di seguito, marchia con una croce attraverso la punta di un ferro rovente il piede del bambino. Se non facesse a questo modo il bambino, una volta raggiunti i vent'anni avrebbe accusato il male e sarebbe stato condannato a trasformarsi.
L'unico modo per liberare il malato è che qualcuno lo ferisca durante una crisi e lo faccia sanguinare. Non è semplice, però, perché una volta trasformato il lupo mannaro è feroce e ha una forza sovrumana.
Il malato, comunque, sa quando avrà un attacco e può avvisare i propri cari per tenerli al sicuro e allontanarsi. Un posto al riparo dal lupo mannaro sono i tetti, o comunque dei piani sopraelevati rispetto al malato; questi, infatti, non può volgere lo sguardo in alto e non può salire le scale.
La narrazione di episodi di licantropia oscillano tra il fiabesco, che reca la solita formula del c'era una volta e l'esperienza vissuta, riportata da Argondizza nel suo Driadi, lupi minarii, streghe e fate dove l'autore si fa raccontare da un vecchio calabrese un episodio:

"… vi rimasero a guardare il frumento Ferdinando ed un altro contadino, suo compagno di lavoro. A mezzanotte Ferdinando a voce bassa ed in tono misterioso disse al compagno: «Caro amico, noi nasciamo tutti sotto l'influsso della propria stella, spesso buono e spesso anche cattivo! Ebbene! Il mio funesto destino mi porta a mutarmi in lupo-minario, e già si appressa l'ora della mia trasformazione! Tu non avere paura; Sali su questa bica e statti al salvo; non discendere da essa se non quando io, tornato in forma umana, t'inviterò a scendere». Così parlò Ferdinando, ed il compagno, pallido in volto, si arrampicò alla bica, di cui in pochi secondi raggiunse la punta estrema, d'onde guardava senza pericolo e con grande curiosità i movimenti di Ferdinando, il quale versò dall'orciuolo dell'acqua nella polvere, vi si rotolò tre volte e, nel sorgere da terra era già lupo. Levò la feroce testa cogli occhi iniettati di sangue, spalancò le terribili fauci e diede replicati e spaventevoli urli, che fecero fare a pelle d'oca ed agghiacciare il sangue al povero compagno, che tremava a verga! (…) dopo qualche ora ritorna sull'aja un lupo solo con una mezza pecora in bocca, che depone sulla paglia, volge attorno gli occhi feroci, ed assicuratosi di non essere visto da altri, che dal compagno sulla bica, torna a rotolarsi altre tre volte nella povere bagnata e riprende le forme umane. È Ferdinando in carne ed ossa, che dice al compagno: «Scendi pure, tutto è finito»"

Nel libro Rivista delle tradizioni popolari Italiane Raccuglia descrive il lupo mannaro siciliano, affetto dal mal di luna.
Chi viene concepito durante il novilunio o chi dorme all'aria aperta sotto la luna piena è destinato a diventare un lupo mannaro.
La crisi gli si presenta ad ogni luna piena ed egli si trasforma in una bestia feroce, pronta a sbranare chiunque gli si pari innanzi, nemico o amico. Non miete, però, alcuna vittima, poiché il previo avviso alla famiglia e le urla che emette, durante il suo cammino, avvisano le altre persone, che si barricano in casa. Secondo la tradizione di Francoforte quando un marito, un figlio o un padre lupo mannaro bussa due volte alla porta, alla terza si può aprire perché è tornato alla forma umana. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lupi Homines, Evoluzione della figura del lupo mannaro dall'antichità ad oggi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Ceraolo
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2014-15
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Arti Visive
  Corso: Grafica
  Relatore: Tiziana Valzelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi