Skip to content

Patologie mentali e Grande Guerra: le origini della psichiatria e della psicologia di guerra in Italia

Disertori e simulatori

Gemelli (1917) parla della battaglia in modo puntuale e descrive i vari momenti dell'assalto e di come i soldati vivevano la tensione prima e dopo. Subito prima di arrivare allo scontro diretto, in prima linea, i soldati marciavano per ore, senza sapere dove stavano andando, seguivano il compagno di fronte, non si preoccupavano dove si trovavano.

In un articolo sulla Rivista di Psicologia Bianchi approfondisce dicendo che in genere i soldati erano allegri, cantavano, quando era loro permesso, la canzone della terra natìa o motteggiavano tutti insieme. Se un soldato si preoccupava era solo di non rimanere indietro. Durante queste marce dovevano abituarsi ai rumori forti delle armi, delle macchine da guerra, alla vista della morte.

Dopo qualche giorno sulla linea del fronte il soldato si assuefaceva, accoglieva lo scoppio con minor paura, non temeva più il ripetersi degli scoppi di granata. Il sentimento che prevaleva di più era quello del dovere cosciente e di rassegnazione. La speranza di uscirne salvi non moriva mai nonostante la visione continua dei compagni caduti (Bianchi, 1916).

Molti soldati combattevano valorosamente; nei momenti di riposo invece ridevano e scherzavano tra loro ricordando la battaglia appena trascorsa, molti di loro ricevettero medaglie al valore che spesso erano dedicate agli amici e ai compagni appena persi.

Ma non era sempre così semplice e non tutti i soldati erano forti, preparati e coraggiosi. Una delle reazioni di difesa estreme della guerra infatti fu la diserzione. Nel 1917 tale fenomeno assunse proporzioni incontrollabili.
Furono moltissimi gli episodi di soldati che lasciavano per due o tre giorni le loro postazioni, all'improvviso, senza comunicare il loro allontanamento, e spesso facevano ritorno di loro spontanea volontà, pur sapendo che andavano incontro a gravi punizioni, pene da scontare o nei casi estremi alla fucilazione.

I disertori che venivano beccati lontano dal campo di battaglia e che venivano riportati al loro posto, spesso erano in stato di confusione, molti non sapevano rispondere al perché erano fuggiti. Sembrava quasi che fossero spinti da una volontà superiore ad una fuga senza meta e senza senso. Per questi motivi i disertori venivano trasferiti negli ospedali da campo per un periodo di osservazione e spesso venivano giudicati inidonei al ritorno in battaglia.

Questo è un aspetto fondamentale per comprendere il sottilissimo confine tra fuga come malattia e malattia come fuga. Infatti tanti medici hanno notato che nel momento in cui i soldati confusi, alienati, muti, tornavano alla loro lucidità e stavano per riprendersi, facevano di tutto per resistere alla guarigione e prolungare la malattia e di conseguenza anche la licenza, proprio per paura di dover ritornare al fronte. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Patologie mentali e Grande Guerra: le origini della psichiatria e della psicologia di guerra in Italia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Denaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Patrizia Guarnieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 31

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prima guerra mondiale
malattie mentali
disturbo post traumatico da stress
psicologia di guerra
storia della psicologia di guerra
disertori di guerra
simulatori di malattia mentale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi