Skip to content

La riabilitazione psichiatrica: nuovo concetto di recovery

Servizi orientati alla recovery

Nonostante il processo della recovery sia portato avanti dalle persone è necessario che i servizi psichiatrici, CSM, Centro Diurno, Comunità terapeutiche siano attivamente presenti. Il primo contatto con queste strutture rappresenta per le persone con un disagio mentale uno dei momenti più delicati dell'intero intervento. Esse infatti vi si recano, spesso, nelle fasi più critiche della loro vita e portano con sé: sentimenti di disperazione, paura di venire giudicati ed etichettati, molti dubbi e pregiudizi ma anche un desiderio di cambiamento e rivincita personale.

Per tutti questi motivi l'accesso deve essere gestito con particolare attenzione è importante che gli utenti si percepiscano come un interlocutore paritario all'interno della relazione e, con il passare del tempo e con lo sviluppo di reali possibilità d'aiuto condivise, il timore iniziale si attenuerà. Di recente si è posto il problema di come far in modo che il paradigma della recovery possa essere realmente tradotto nelle pratiche dei servizi.

A livello teorico è possibile trovare diversi documenti: primo fra tutti il report del presidente della New Freedom Commission on Mental Health, che sottolinea come, con un sostegno adeguato sia possibile un reale miglioramento. Importanti sono anche le pubblicazioni dell'American Psychiatric Association, o il Royal College of Psychiatrists in Gran Bretagna. Se però da un lato questo dimostra un grande interesse sul tema, e una condivisione dei principi, l'effettiva traduzione di essi in pratiche viene rimandata ai servizi. Esistono quattro linee guida che possono indirizzare l'operato dei vari operatori e servizi.

Primo fra tutti essi devono garantire il diritto alla piena cittadinanza, cercando di favorire la dimensione sociale e relazionale degli utenti, sostenendoli nella ricerca di un attività lavorativa e facendosi portavoce dei loro diritti. E' necessario che i servizi si caratterizzino per un impegno organizzativo, che dovrebbe rispecchiare i bisogni delle persone e solo in un secondo momento quelli dell'istituzione, nei limiti del possibile.

Questo introduce il terzo indirizzo che viene ipotizzato per i servizi, ovvero il fatto di avere il focus sugli utenti, sui suoi limiti (innegabili di fronte a malattie complesse come la schizofrenia) ma anche sulle potenzialità e aspettative. Infine è opportuno che i vari servizi psichiatrici, CSM Centro Diurno ecc creino un'alleanza e una relazione con gli utenti e i familiari fiall'autorealizzazione, allo sviluppo dell'autodeterminazione e dell'empowerment.
Sin dall'inizio il tema della recovery è stato trattato in ottica processuale proprio perchè non ha un inizio e soprattutto non ha una fine ben precisa: è un percorso continuo che permette alle persone di fare propria la loro sofferenza senza negarla.

Questa necessità di valorizzare e incentivare la possibilità di recupero (recovery) è stata inclusa all'interno delle finalità previste dal “Piano d'azione globale per la salute mentale 2013/2020” del maggio 2012 approvato la 15esima Assemblea Mondiale della Sanità, che ha poi invitato tutti gli stati membri ad elaborare e rafforzare le politiche e le strategie per la promozione e prevenzione del disagio mentale.

Concludendo i servizi e le strutture psichiatriche devono permettere alle persone di sperimentare un nuovo modello di vita, alternativo a quello liberista che caratterizza la società odierna che giudica il valore di un uomo in base al suo peso nel mercato e nell'economia, che gli permetta di vivere e accettare le proprie fragilità dovuta, non solo alla malattia ma alla sua natura umana.

Le persone quindi possono intraprendere il loro percorso di ripresa solo nel momento in cui sono in grado di donare un senso e uno scopo alla propria esperienza. Un aspetto che rende complesso l'operato dei servizi riguarda la non consapevolezza della malattia, (soprattutto nei disturbi schizofrenici), che quindi coincide con una minore aderenza al trattamento, in particolare quello farmacologico.

Per finire: questo cambio di prospettiva generato dalla recovery implica un ridimensionamento del potere dell'operatore, che potrebbe sentirsi “minacciato” per la necessità di riconoscere il diritto di farsi avanti dell'utente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La riabilitazione psichiatrica: nuovo concetto di recovery

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Denise Cian
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze del servizio sociale
  Relatore: Daniela Gregori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

malattia mentale
psichiatria
assistente sociale
recovery
centro di salute mentale
riabilitazione
schizofrenia
manicomi
legge basaglia 180/78
rems

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi