Skip to content

Aspetti inconsapevoli della risposta ai volti infantili

Regolazione del comportamento genitoriale

Diversi studi sulle interazioni precoci tra adulto e bambino mostrano che la predisposizione infantile per le competenze comunicative avrebbe una controparte nella predisposizione parentale al fornire un adeguato supporto (Bjorklund, Yunger e Pelligrini, 2010). Come riportano Papousek e Papousek (2010), a differenza del “cervello rettiliano” (corrispondente, grosso modo, al corpo striato e alle strutture più ancestrali del cervello umano), il sistema limbico è apparso solo nel “cervello mammifero”, abilitando un più efficace controllo delle emozioni, assieme a nuove forme del prendersi cura della progenie, come cercare e ritrovare il piccolo, trasportarlo ed emettere vocalizzi per mantenere il contatto con il figlio (MacLean, 1973, 1990; Rosenblatt, 2010). Una evoluzione parallela c’è stata anche per quanto riguarda il comportamento infantile umano, comprendente il riflesso del succhiare, il legarsi affettivamente agli altri, il periodo iniziale di dipendenza dai genitori, il richiamo in caso di distacco, ecc. (Papousek e Papousek, 2010).
La teoria della “preparazione” di Seligman (Seligman, 1971) sostiene, da un punto di vista evolutivo, che gli stimoli che sono critici per la sopravvivenza, come ad esempio le minacce, elicitano delle risposte automatiche biologicamente predisposte (Ohman e Mineka, 2001; Seligman, 1971). Un’estensione di questa teoria prevede che il cervello umano mostrerebbe predisposizioni innate a reagire non solo a stimoli minacciosi, ma a tutti gli stimoli biologicamente salienti, indipendentemente dalla loro valenza (Scherer, 2001). Da questo punto di vista, i bambini rappresenterebbero degli stimoli rilevanti che catturerebbero l'attenzione degli adulti e attiverebbero i loro circuiti cerebrali deputati alla ricompensa (Glocker, Langleben, Ruparel, Loughead, Valdeza, Griffin, Sachser, Gur, 2009; Kringelbach, Lehtonen, Squire, Harvey, Craske, Holliday, Green, Aziz, Hansen, Cornelissen, Stein, 2008); per questo motivo, gli esseri umani sarebbero biologicamente preparati a rispondere ad essi (Carìa et al. 2012).
Studi effettuati con risonanza magnetica funzionale (fMRI) hanno rilevato delle attivazioni in aree specifiche del cervello delle madri durante la presentazione di stimoli infantili, sia di tipo visivo (immagini di volti di bambini), sia uditivo (pianto). Molte ricerche hanno evidenziato che, nelle donne, specifiche aree del cervello mostrano cambiamenti correlati con alcuni aspetti psicologici (che includono l’attenzione, la motivazione, l’empatia, il prendere decisioni, ecc.) implicati nella risposta ai bisogni del bambino (Bartels e Zeki, 2000, 2004; Leibenluft, Gobbini, Harrison, e Haxby, 2004; Lorberbaum, Newman, Horwitz, Dubno, Lydiard, Hammer, Bohning, e George, 2002; Nitschke, Nelson, Rusch, Fox, Oakes e Davidson, 2004; Ranote, Elliott, Abel Mtchell, Deakin e Appleby, 2004; Seifritz, Esposito, Neuhoff, Lüthi, Mustovic, Dammann, Von Bardeleben, Radue, Cirillo, Tedeschi e Di Salle, 2003). In particolare, è stato osservato che la corteccia orbitofrontale destra interviene attivamente nella comunicazione non verbale (intesa come comunicazione non mediata dalla parola ma, ad esempio, dai contatti visivi, dalla modulazione del tono della voce, dalla modalità di contenimento fisico, dal contatto fisico della madre e del piccolo); nella decodifica degli stimoli emozionali; nell’abilità materna a interpretare gli stimoli emozionali provenienti dal proprio bambino, rispondendo in modo sensibile e tempestivo; nella regolazione affettiva e nelle relazioni di attaccamento (Nitschke, Nelson, Rusch, Fox, Oakes e Davidson, 2004).
Swain, Lorberbaum, Kose e Strathearn (2007) hanno tentato di spiegare il legame genitore-bambino dal punto di vista della fisiologia cerebrale del genitore (sia uomo che donna). Sono stati presentati ai genitori, mentre essi effettuavano una fMRI, quattro immagini di visi infantili. Ne è emerso che gli stimoli infantili attivano delle regioni basali nella parte anteriore del cervello, le quali regolano circuiti cerebrali responsabili di specifiche risposte in merito all'allevamento e al caregiving; esse attivano, inoltre, il più generale circuito neurale per il controllo delle emozioni, della motivazione, dell'attenzione e dell'empatia, che sono tutte attività cruciali per le mansioni connesse al parenting. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aspetti inconsapevoli della risposta ai volti infantili

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marianna Serrao
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Vincenzo Paolo  Senese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sperimentale
volto
empatia
infantile
parenting
stili genitoriali
mentalizzazione genitoriale
aspetti inconsapevoli
kinderschema

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi