Skip to content

Il movimento agroecologico “Campesino a Campesino" a Cuba - Un processo sociale per la sovranità alimentare e la sostenibilità

L’agricoltura cubana e la sua trasformazione

Per comprendere meglio come il Movimento agroecologico Campesino a Campesino abbia trasformato l’agricoltura cubana è necessario ripercorrere brevemente le principali fasi della storia del settore agricolo a partire dalla Riforma Agraria del 1959 fino alla fine degli anni Novanta.

Fin dal periodo di dominazione spagnola dell’isola, l’agricoltura cubana si era basata su grandi proprietà terriere destinate all’allevamento di bestiame e alla coltura di piantagioni di canna da zucchero, tabacco e caffè. Questo modello agricolo, basato sulla monocoltura, era posto sotto il controllo delle oligarchie nazionali e del capitale straniero, che si assicuravano ingenti guadagni tramite l’esportazione dei prodotti delle piantagioni. I piccoli agricoltori, invece, lavoravano quasi sempre in condizioni di sfruttamento e, non godendo del diritto di proprietà sulla terra lavorata, subivano violente occupazioni delle terre da parte dei latifondisti e delle compagnie statunitensi.

La situazione critica vissuta dai contadini cubani e la volontà di migliorare le loro condizioni di vita assicurarono l’appoggio contadino ai rivoluzionari, che nei primi giorni del gennaio del 1959 trionfarono a L’Avana. Quattro mesi dopo, venne emanata la Legge di Riforma Agraria, che liquidò il latifondo e concesse la proprietà della terra a più di 100 mila contadini. Questa riforma segnò un punto di rottura col passato, concedendo per la prima volta il diritto di proprietà ai piccoli agricoltori. Nel 1963 venne firmata la seconda Legge di Riforma Agraria, che eliminò definitivamente il latifondismo e lo sfruttamento straniero delle terre, nazionalizzò 1.2 milioni di ettari, rafforzò il settore agro-zootecnico statale e definì come pilastri dello sviluppo agricolo nazionale il settore statale e quello contadino (Machín Sosa et al., 2010).

Nel periodo che va dal 1959 al 1965, si ebbero i primi risultati positivi. Il 40% delle terre nazionalizzate vennero lavorate da circa 400 mila agricoltori, che beneficiarono di un lavoro permanente e remunerato in modo appropriato. Inoltre, il governo investì più di 286 milioni di pesos nel settore agricolo, incentivò diversi programmi di sviluppo, promosse sistemi produttivi diversificati e il risultato fu un significativo aumento della produzione agricola e un maggiore coinvolgimento dei contadini (Machín Sosa et al., 2010).

Questo periodo segnò la rottura con il modello coloniale capitalista e pose le basi per la trasformazione dell’agricoltura cubana. Da una parte, negli antichi latifondi, nacquero grandi imprese statali, con un alto livello di specializzazione e diverso grado di estensione, a seconda dell’attività e della zona geografica. Altresì, come risultato della Riforma Agraria, i piccoli produttori ottennero la proprietà sulla terra e la possibilità di creare cooperative, che esistono tutt’oggi, come nuova forma di organizzazione produttiva.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il movimento agroecologico “Campesino a Campesino" a Cuba - Un processo sociale per la sovranità alimentare e la sostenibilità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Bruzzese
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Filippo Barbera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cuba
agricoltura sostenibile
agroecologia
movimento
sostenibilità
crisi alimentare
sovranità alimentare
agroecologico
campesino
approccio partecipativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi