Skip to content

Autismo e sessualità: l'importanza dell'educazione sessuale

L’importanza dell'educazione sessuale per le persone con disturbi dello spettro autistico

Come hanno dimostrato le ricerche, l'alta frequenza di comportamenti sessuali tra questa popolazione porta alla giusta e ovvia conclusione che questi individui hanno bisogno di un'adeguata educazione sessuale, forse anche in maniera maggiore rispetto agli individui normotipici.
Gli operatori sanitari e il personale, così come i genitori, dovrebbero essere preparati ad agevolare e consentire alle persone con autismo di poter esprimere adeguatamente e al meglio la loro tensione sessuale.

La necessità di un'educazione sessuale viene indicata spesso dagli educatori, ma raramente in ambito educativo si giunge a programmare un insegnamento esplicitamente riferito alla sessualità (Veglia, 2014). L’intervento psicoeducativo in questo ambito non è in effetti semplice o intuitivo, ma è possibile, e dovrebbe essere determinato da linee guida che ne stabiliscano la politica.

Nel momento in cui il comportamento è ormai presente, generalmente si cerca di farne diminuire la frequenza intervenendo sul comportamento stesso o anche farmacologicamente (Carretto, 2008). Tuttavia, i comportamenti con un contenuto sessuale sono generalmente piacevoli in sé, non dipendono da un rinforzamento esterno alla persona e sono quindi scarsamente sensibili alla modificazione di contingenze esterne. Una difficoltà in questo genere di trattamento è, quindi, il fatto che se la terapia farmacologica può agire sulla componente compulsiva di alcuni comportamenti, non ne reindirizza, però, l’espressione.

Un comportamento che suscita una reazione emotivamente carica è probabile che venga mantenuto proprio per questa conseguenza interessante.
L’intervento non dovrebbe centrarsi sulla rimozione di comportamenti inadeguati, quanto sulla creazione o l’incremento di comportamenti appropriati che siano sostitutivi o alternativi a quelli problematici, ma che permettano all'individuo di sfogare la sua tensione sessuale.

È importante, prima di considerare il comportamento inopportuno della persona come un comportamento problematico riguardante la sessualità, verificare che non ci siano disturbi o interessi a livello sensoriale. Ad esempio, un bambino che si spoglia in pubblico potrebbe farlo perché non tollera di portare le scarpe o il contatto con particolari indumenti e potrebbe, quindi, essere aiutato a indossare solo indumenti di materiale che tollera; in alcuni casi, se si comprendono le difficoltà del bambino, lo si può aiutare andandogli incontro e fornendo delle regole precise.

È sempre necessario comprendere la componente relazionale e di comunicazione di un comportamento problematico e la componente individuale così come, allo stesso tempo, è necessario non svalutare le regole sociali pur comprendendo le ragioni della persona.
È importante ricordare che "investire fin da bambini nell’insegnamento dell’autonomia personale è il miglior modo per prevenire problemi legati alla sessualità" (p. 260, Vivanti, 2000 citato in Carretto, 2008).

La necessità di programmi specializzati di educazione sessuale per le persone con disturbi dello spettro autistico non può essere ignorata, non solo per questioni emotive e moralistiche, ma anche perché avrebbe una funzione fondamentale nel benessere psicologico e nella promozione di una vita sana e salutare (Caterino, Sullivan, 2008).

Il contenuto specifico dovrebbe essere personalizzato in base alle esigenze dei singoli e delle loro famiglie. Le modalità educative dovrebbero essere adeguate alle capacità di comprensione di ogni singolo individuo.
Il problema principale è che l'argomento della sessualità, e in particolare il "doverla insegnare" pone delle questioni prima di tutto etiche. Il primo problema riguarda il modo in cui è possibile accordare la legittimità (che non dovrebbe essere mai messa in dubbio) della sessualità con la necessità di indirizzarne l’espressione in modalità socialmente accettabili. Un secondo problema riguarda il come insegnare e quali persone devono insegnare comportamenti sessuali appropriati, non potendo, per definizione, rivolgersi alle modalità di insegnamento tipicamente adottate in contesti di tipo “scolastico”.

Tuttavia, alcuni punti comuni e indispensabili per ogni tipo di programma che dovrebbero essere sempre presi in considerazione sono (Carretto, 2008):
- prevenire qualunque tipo di comportamento problematico, con uno specifico intervento educativo che aiuti prima possibile il bambino con autismo a sviluppare competenze sociali e comunicative;
- considerare gli aspetti percettivi e cognitivi coinvolti nelle preferenze o nei fastidi della persona con autismo e il coinvolgimento emotivo delle persone implicate nell’insegnamento;
- concentrarsi sulla possibilità che la persona con autismo identifichi tempi, luoghi, persone in cui una attività con una componente sessuale può essere effettuata, e tempi, luoghi e persone in cui tale attività non può essere effettuata (Peeters, 1998 citato in Carretto, 2008);
- condivisione, tra professionisti e familiari, delle scelte relative all’insegnamento dei comportamenti sessuali corretti (degli obiettivi, delle strategie, dell’identificazione delle persone.

Le decisioni sull’insegnamento di corretti comportamenti sessuali, prima di essere meramente tecniche devono essere sempre etiche. Le scelte non partecipate possono provocare sensi di colpa, diffidenze e attacchi reciproci fra familiari ed operatori, e avere conseguenze spiacevoli per la persona con autismo. L'onestà e la fiducia tra genitori ed operatori a condividere le problematiche connesse alla sessualità nelle persone con autismo dovrebbero essere sempre il punto principale da cui partire.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Autismo e sessualità: l'importanza dell'educazione sessuale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Germinale
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Mirella Zanobini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi