Skip to content

Proposta di traduzione e di analisi del testo del testo Whole: vegetale e integrale. Il nuovo modo di ripensare la scienza

La traduzione inglese-italiano

Esistono delle difficoltà che si è soliti riscontrare spesso nella traduzione dall’inglese all’italiano e che possono causare problemi di interferenza linguistica a diversi livelli, portando alla creazione di frasi agrammaticali piuttosto anomale nel testo tradotto.

Per quanto riguarda l’italiano si ricorda uno studio di Tomasi e Pavesi (2001) su un corpus di testi scientifici per uso didattico che rileva fenomeni piuttosto ricorrenti di esplicitazioni a tutti i livelli (lessicale, sintattico, testuale, informativo) e ipotizza che il grado ed il tipo di esplicitazione possa in realtà variare in base allo scopo del testo tradotto.

Vengono riscontrati, però, anche fenomeni di semplificazione sintattica, risultando il testo italiano meno complesso, in questo modo, rispetto ad altri testi in italiano comparabili e non a un testo originale inglese. Fondamentalmente due aspetti rilevanti ai fini dell’organizzazione sintattica del testo sono: la semplificazione sintattica e l’esplicitazione. A livello pragmatico, invece, vi è un vasto uso di locuzioni, l’uso della referenza nominale e del mondo congiuntivo.

Per quanto riguarda la semplificazione sintattica, nel caso della traduzione dall’inglese in italiano, è alquanto prevedibile che i testi tradotti presentino nella struttura del periodo un grado di complessità sintattica mediamente più basso rispetto ai testi in lingua originale, proprio perché l’inglese moderno dimostra una certa preferenza per la paratassi e per la strutturazione del testo in periodi brevi poiché, ricalcato dalla nostra lingua, crea un periodare più fruibile e frazionato.

Del resto, secondo Toury, tale prassi riguarda il fatto che traducendo dall’inglese, non si spezzano i periodi o se lo si ritiene necessario, si interviene solo laddove nel testo originale la frase era già suddivisa in due parti autonome e coordinate da un segno di interpunzione “forte”, come un punto o una virgola o due punti.

Per determinare i periodi nominali all’interno della frase, come avevano già operato Tomasi e Pavesi, Berruto e Bescotti (1995) suggeriscono di prendere in considerazione la lunghezza dei periodi e delle proposizioni calcolata in numero medio di parole; questo procedimento potrebbe dare indirettamente un indicatore della complessità della frase intera. Tuttavia, quando si usa di un criterio che dà risultati indiretti, la validità di questi ultimi risulta discutibile in quanto è possibile che la lunghezza di una proposizione sia dovuta a lunghi elenchi o a ricchezza di aggettivi, piuttosto che alla forte incidenza delle nominalizzazioni.

Non si può parlare di semplificazione nel passaggio da una lingua ad un'altra, ma piuttosto di un fenomeno di interferenza che conferisce all’italiano tradotto dall’inglese maggiore semplicità sintattica rispetto ai testi originali. Per fare un esempio, basti esaminare l’esplicitazione del soggetto che altro non è che un fenomeno dovuto alla differenza tipologica tra l’italiano e l’inglese e che si ritiene derivi da fenomeni di interferenza. Secondo la struttura sintattica inglese, infatti, si è soliti tradurre ciò che l’inglese esprime esplicitamente ma che in italiano si potrebbe omettere.

Un esempio in questo senso è l’uso dei pronomi personali con funzione di soggetto: l’inglese, disponendo di una gran quantità verbali, sopperisce a tale carenza con l’obbligo di esprimere il soggetto e con la rigidità nell’ordine delle parole di modo che l’uso del pronome diventa obbligatorio. L’italiano, invece, prevede un uso meno sistematico: difatti viene considerata come (NSL) Lingua a Soggetto Nullo dal momento che il pronome soggetto può non essere citato grazie alla flessione verbale che mette a disposizione la persona e il numero e facilitando, in tal modo, l’individuazione del soggetto della proposizione (il pronome, in tal modo, presenterebbe un’informazione grammaticale ridondante).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Proposta di traduzione e di analisi del testo del testo Whole: vegetale e integrale. Il nuovo modo di ripensare la scienza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alice Baldetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Nuova Scuola Europea per traduttori e interpreti
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Traduzione e interpretariato
  Relatore: Agatino Vecchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi