Skip to content

Sviluppo e Differenziamento della Piastra Sottocorticale

Patologie della piastra sottocorticale umana

Negli esperimenti visti finora, sono stati selezionati due organismi modello e gli sono state indotte delle disfunzioni nelle cellule neuronali che costituiscono la piastra sottocorticale (SPN) (Volpe, 1996). In questo modo è stato possibile dimostrare che la attività anormale delle SPN provoca specifiche alterazioni nello sviluppo del sistema nervoso centrale (SNC) ed impedisce la trasmissione del segnale verso i tessuti nervosi che costituiscono la neocorteccia (Volpe, 1996).

Le alterazioni delle SPN che sono state indotte nel topo e nel gatto simulano le disfunzioni a cui è soggetto l'uomo, vale a dire: i) la inattivazione delle funzioni prenatali, ii) la inattivazione delle funzioni postnatali (Volpe, 1996). In molti dei casi studiati, i feti che vanno incontro all'aborto spontaneo presentano una malformazione dei tessuti nervosi che costituiscono il SNC, perchè le SPN non hanno attuato le funzioni prenatali (Volpe, 1996).

Da questi studi è emerso che determinate mutazioni genetiche compromettono il differenziamento cellulare delle SPN e provocano le stesse anomalie che sono state osservate nel primo esperimento sul topo (Volpe, 1996). Questo tipo di mutazione genetica non viene ascritta come patologia, ma è ritenuta la principale causa delle interruzioni spontanee nella gravidanza dell'essere umano (Volpe, 1996). Invece, la inattivazione delle funzioni postnatali che sono attuate dalle SPN è associata ad una specifica patologia neonatale, che si verifica nei casi di parto prematuro e che è acritta come leucomalacia periventricolare (PVL) (Vasung et al., 2010).

La PVL consiste in una lesione dei tessuti nervosi che costituiscono la materia bianca cerebrale (CWM) e provoca la necrosi di queste regioni del proencefalo (Vasung et al., 2010). Questa patologia è tuttora oggetto di numerose ricerche e corrisponde alla disfunzione delle SPN che è stata riprodotta sia nel secondo esperimento sul topo sia nella sperimentazione sul gatto (Vasung et al., 2010). Le dinamiche che causano la comparsa della PVL nel neonato prematuro sono ascrivibili in tre fasi: i) fase di ipossia-ischemia, ii) fase di necrosi, iii) fase di cicatrizzazione (McQuillen et al., 2003).

La prima fase, ossia di ipossia-ischemia, corrisponde ad una riduzione della quantità di ossigeno che raggiunge i tessuti cellulari del feto (McQuillen et al., 2003). Questa carenza dell'ossigeno disponibile (ipossia) può essere provocata da numerose cause diverse, ad esempio: i) il distacco della placenta, ii) un aumento del liquido amniotico (polidramnios), iii) una alimentazione errata della madre, iv) alcune malattie infettive, v) lo stress, vi) alcune malformazioni uterine, vii) un trauma di tipo meccanico, viii) alcune reazioni del sistema immunitario (McQuillen et al., 2003).

Ciascuna di queste cause pone il feto in una condizione critica e può provocare due esiti diversi: i) Se la concentrazione di ossigeno permette al feto di sopravvivere, allora si verifica una riduzione nella durata della gestazione ed il parto avviene prima della quarantesima settimana, ii) se la concentrazione di ossigeno non permette al feto di sopravvivere, allora la gravidanza si interrompe e si verifica un aborto spontaneo (McQuillen et al., 2003). Nel primo esito, in cui il feto sopravvive, la ipossia provoca la morte dei tessuti cellulari più attivi, perchè richiedono un maggiore apporto di ossigeno rispetto alle cellule adiacenti (McQuillen et al., 2003). Numerose ricerche su questa prima fase della PVL hanno dimostrato che le cellule più vulnerabili ad una carenza di ossigeno sono le SPN, perchè sono costrette a cessare ogni attività biologica che permette la loro sopravvivenza (McQuillen et al., 2003).

La seconda fase della PVL, ossia di necrosi, corrisponde alla morte dei tessuti nervosi che costituiscono la piastra sottocorticale (SP) (McQuillen et al., 2003). A causa di questa degradazione, le SPN interrompono le loro funzioni e provocano una alterazione patologica dei tessuti nervosi che costituiscono la neocorteccia (Kinney et al., 2012). In questa situazione, infatti, la neocorteccia non completa la organizzazione funzionale delle colonne corticali (CC) (Kinney et al., 2012). Successivamente, la necrosi delle SPN provoca delle anomalie anche in altri tessuti cellulari del SNC, vale a dire: i) nel talamo provoca la degenerazione degli assoni che sono stati inviati alla neocorteccia, ii) nella zona ventricolare (VZ) provoca la apoptosi di una porzione delle cellule che la costituiscono (Kinney et al., 2012). Tutte queste anomalie stimolano la proliferazione di alcune cellule che sono distribuite nei tessuti nervosi e che sono ascritte come neuroglia (Kinney et al., 2012).

Durante la terza fase, ossia di cicatrizzazione, la necrosi delle SPN induce alcune cellule della neuroglia ad attivare degli specifici processi cellulari, che sono deputati alla rigenerazione dei tessuti nervosi (Kinney et al., 2012). Attraverso questi processi viene formato un tessuto cicatriziale che sostituisce i tessuti nervosi deteriorati e che arresta l'avanzamento della necrosi nelle cellule prossime alla lesione (Kinney et al., 2012). Le dinamiche della PVL che sono state viste finora provocano delle alterazioni nello sviluppo fetale, che riducono la durata della gestazione ed anticipano il momento del parto (Kinney et al., 2012). Infatti, numerose analisi statistiche hanno dimostrato che i feti soggetti a questa patologia nascono prima della quarantesima settimana di gestazione e sono ascritti nella categoria dei neonati pretermine (Kinney et al., 2012).

A tuttoggi sono state scoperte numerose patologie che inducono la nascita di un neonato pretermine, ma recenti ricerche hanno dimostrato che la PVL è responsabile del trentasei percento dei casi osservati finora (Vasung et al., 2010). I neonati prematuri che sono affetti dalla PVL esprimono una forte disabilità neurologica, vale a dire una serie di incapacitazioni del SNC come ad esempio: i) la perdita della regolazione volontaria nelle attività motorie, ii) la perdita della capacità sensoriale visiva, iii) la perdita della capacità sensoriale uditiva, iv) la riduzione delle facoltà cognitive (Vasung et al., 2010). In molti casi, inoltre, questa patologia aumenta la probabilità di sviluppare ulteriori malattie neurologiche, come ad esempio la epilessia farmacoresistente e la paralisi cerebrale (Vasung et al., 2010).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sviluppo e Differenziamento della Piastra Sottocorticale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Sberna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Nicla Romano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

piastra sottocorticale
neocorteccia
colonne corticali
leucomalacia periventricolare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi