Skip to content

Il mondo LGBT nel panorama della serialità televisiva americana

Il "postgay" e la naturalizzazione dell’omosessualità in Looking

Con solo 18 episodi distribuiti in due stagioni, Looking si colloca tra le serie tv americane da prendere in considerazione quando si parla di omosessualità. Trasmessa tra il 2014 e il 2015 sulla rete americana HBO, lo show è stato ideato e diretto da Michael Lannan e Andrew Haigh. La serie è stata ispirata in parte ad alcuni episodi di vita gay di Lannan, basandosi soprattutto su Lorimer, un cortometraggio diretto e scritto dallo stesso Lannan nel 2011. “Abbiamo messo sullo schermo ciò che volevamo vedere, ciò che pensavamo fosse mancato e ciò che credevamo fosse giusto”, afferma Andrew Haigh in un’intervista. Infatti, Looking offre una serie di esperienze non filtrate di tre amici (Patrick, Agustín e Dom) che vivono, e amano, nella San Francisco di oggi. Legati da una forte amicizia, ognuno dei tre protagonisti si trova in punti differenti della vita:

° Patrick, interpretato dall’attore Jonathan Groff, è un progettista di videogiochi di 29 anni, pronto a entrare a far parte del mondo degli appuntamenti al buio dopo la fine della sua relazione con l’ultimo compagno. È il classico ragazzo della porta accanto con i piedi per terra e nel corso delle due stagioni andrà alla ricerca dell’amore, con la perenne paura di avere l’HIV;

° Agustín, interpretato da Frankie Alvarez, aspira a diventare un artista. Con lo spirito libero, all’età di 31 anni è alla ricerca di una direzione professionale e personale, concedendosi saltuariamente ai piaceri della droga e del sesso, a tal punto da mettere in discussione il concetto di monogamia;

° Dom, con i suoi 39 anni, è il membro più grande del gruppo. Cameriere di lunga data, Murray Bartlett, alias Dom, è ansioso di entrare nella successiva fase della vita: gestire un proprio ristorante. Nel frattempo affronta la sua media età con sogni romantici e professionali non ancora realizzati.

Le storie del trio si attorcigliano in una continua ricerca della felicità. Proprio il titolo dello show, Looking, sta a indicare questa tendenza dei personaggi a ricercare qualcosa: questo qualcosa è l’anima gemella per Patrick, l’ispirazione artistica per Augustín e il successo nel mondo della ristorazione per Dom. A porre l’accento su questo aspetto è anche la ripetizione della parola “looking” nel titolo di ogni episodio. Dopo il buon successo della prima stagione, HBO decide di cancellare lo show a causa dei bassi ascolti della seconda, promettendo ai fan di terminare la storia con uno speciale, un film dalla durata di due ore che sarà trasmesso nel 2016.

Looking è ambientata a San Francisco, in un luogo in cui storicamente dominano la ricerca della ricchezza e dell’autorealizzazione. Ma molto importante è la progressiva, inaspettata, apertura culturale della Bay Area, il quartiere che fa da sfondo alle vicende dei tre ragazzi. “Looking s’incrocia con l’utopia, in una San Francisco dove i gay non sono più qualcosa di strano, dove le questioni di genere inibiscono e ostacolano i personaggi della serie.” Perciò lo show costituisce qualcosa di rivoluzionario in quanto l’omosessualità dei personaggi non è mai nascosta e non rappresenta un elemento di cui vergognarsi, affiancandosi a una nuova vena che attraversa l’intera serie: quella dei sentimenti. Looking gioca la sua carta vincente cercando di mettere in scena ciò che il pubblico non ha colto con il passare degli anni e con la visione dei precedenti prodotti televisivi riguardanti il mondo LGBT, facendo così capire che le emozioni e i sentimenti della vita sono gli stessi, indipendentemente dall’orientamento sessuale di chi li prova. Proprio per questo motivo, in Looking manca quasi del tutto la dolorosa questione del coming out, della dichiarazione (e accettazione) dell’essere gay prima di tutto a sé stessi, poi alla famiglia e al mondo intero.

Con Looking questa tappa della vita omosessuale viene a mancare e si va oltre, cercando di capire come si vive la vita pur essendo gay. Ad affrontare, nel corso delle due stagioni, la questione dell’accettazione da parte della famiglia è Patrick: la madre compare saltuariamente nel corso della storia e ogni volta agli occhi del telespettatore traspare la frustrazione di Patrick di non essere stato accettato dalla persona più importante della sua vita. Confrontando le tematiche di Looking con quelle di Queer as Folk, le due serie tv potrebbero sembrare contraddittorie ma in realtà rappresentano soltanto le due facce di una stessa medaglia: la prima con il vivere l’omosessualità come un qualcosa di ordinario, la seconda con l’aspetto dell’eccesso, della provocazione e del ribadire con forza la propria identità.

D’altronde, seppur inseriti nel panorama della lotta LGBT, i due show si collocano in due periodi storici differenti: Queer as Folk è mandato in onda negli anni in cui ci fu la prima legalizzazione dei matrimoni tra le persone dello stesso sesso in USA, mentre con Looking ci troviamo in anni in cui l’omosessualità ha subìto oramai un processo di accettazione generale, con l’approvazione dei matrimoni omosessuali e l’accusa dell’omofobia. Un tema che manca all’interno di Looking (al contrario di Queer as Folk) è proprio la stereotipizzazione dei personaggi, collegandosi in questo modo con il concetto di “postgay”. Come spiega il sociologo francese Frédéric Martel, con “postgay” si suggerisce “il superamento dell’identità gay, dopo la liberazione e il matrimonio per tutti. Un’identità non definita unicamente dalle preferenze sessuali. È anche l’idea di un nuovo modello di socialità per i gay, che si concretizza nella pratica nei quartieri in cui vivono, caratterizzati dalla mancanza di categorizzazioni in base all’orientamento sessuale.”

Gli autori hanno così “normalizzato”, “naturalizzato” l’omosessualità, commercializzando quanto più possibile l’universo omosessuale. Tutta questa sorta di neutralità ha però dei pro e dei contro tanto che in Looking manca proprio l’impegno di un discorso sui diritti e sulle questioni più in voga nel mondo LGBT come l’omofobia, la violenza, l’AIDS. I motivi di questa scelta tematica possono essere in realtà due: descrivere in maniera quanto più “normale” possibile l’omosessualità avviando però una sorta di processo di omologazione tale da renderla simile all’eterosessualità oppure per mostrare la vita dei tre ragazzi che si distanziano dal solito stereotipo gay lottatore per i diritti.

Mancante all’interno dello show è una figura transgender, rinunciando a toccare a pieno la tematica LGBT; ma anche questa decisione potrebbe essere una scelta strategica degli autori dal momento che Looking si pone in un periodo mediano dell’accettazione LGBT, un periodo in cui sono stati fatti molti passi avanti, ma in cui c’è ancora molto da fare. Molti critici hanno parlato di una “serie noiosa” a causa della narrazione e dei personaggi particolarmente piatti, senza spessore: per alcuni è una questione di gusto, per altri invece la scelta di espandere la narrazione nel “postgay” ha gravato sull’esito positivo del prodotto. Molti esponenti della comunità omosessuale hanno affermato di non essersi sentiti rappresentati dai tre protagonisti della serie, forse a causa della troppa normalizzazione dell’omosessualità o forse per la mancata trattazione dei più importanti temi che riguardano in modo diretto la comunità LGBT.

Andrew Sullivan afferma: “i personaggi [di Looking] non sono menestrelli; e non sono eunuchi. Sono per la prima volta riconoscibili come esseri umani ai quali accade di essere gay. [...] La vita gay nel 2014 è...bene, è finalmente solo vita. Ho amato lo show. È la prima non-imbarazzante, rappresentazione di mercato di massa della vita gay in America da quando i movimenti per i diritti civili sono nati.” Nonostante la decisione di HBO di cancellare lo show dopo il finale della seconda stagione, Looking rimane una delle più rivoluzionarie descrizioni di vita omosessuale mai viste in televisione, e questo perché rende tutto totalmente ordinario.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il mondo LGBT nel panorama della serialità televisiva americana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Ciullo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Luca Bandirali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

america
gay
lesbica
serie tv
lgbt
looking
the l word
queer as folk
transparent
richard dyer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi