Skip to content

Aurel Milloss - La sublimazione della danza ad arte totale

Il rinnovamento della danza in Italia

Come mai Milloss approdò in Italia? C’era, all’epoca, un culto dell’Italia che era un aspetto dell’esotismo fin-de-siècle diffuso in Ungheria e in altri Stati, ma che lì, più che altrove, alimentava anche l’idea di un paese dove l’arte in generale fosse capace di elevare il pittoresco e il fenomenico a valori umani universali. E poi l’Italia rappresentava per un danzatore la patria di Angiolini e Blasis, di Viganò e Cecchetti. C’è però da sottolineare che il nostro paese, per chi allora lo guardasse dall’esterno, non presentava più una cultura ballettistica ben impostata, una tradizione solida e vitale, ma aveva bisogno di essere risvegliata alle sue antiche glorie coreografiche.

Milloss non era un italiano, certo, era un ungherese, ma era innamorato dell’Italia di cui aveva bisogno per trovarvi danzatori formati accademicamente, al fine di realizzare la sua poetica carica di musicalità e di espressività, in cui voleva far trasparire la classicità anche quando le sue figurazioni tradivano (con distorsioni, angolazioni, disarmonie) le regole accademiche. Milloss, che aveva già esordito come coreografo in Germania e subito dopo anche in Ungheria, arrivò nel nostro Paese senza essere particolarmente conosciuto, ma in breve tempo il suo modo di lavorare, il suo professionismo, il suo europeismo culturale parlarono da soli. Cominciò da zero e l’Italia divenne in un certo qual modo la sua fortuna. Non senza perplessità fu però la decisione di venire in Italia. Infatti, mentre era a Parigi ricevette una lettera dal Teatro San Carlo di Napoli dove gli si offriva di mettere in scena Aeneas.

Milloss ne fu assai tentato, ma esitava ad accettare, perché temeva che la grande tradizione ballettistica italiana fosse ancora molto forte e radicata nei teatri e nelle predilezioni del pubblico, e che quindi sarebbe stato assai arduo far accettare la sua visione multiforme della danza. Cosi, avendo saputo che il grande regista italiano Guido Salvini era a Parigi, fece in modo di essergli presentato e gli esternò i suoi dubbi chiedendogli un consiglio. Salvini fece cadere tutte le sue perplessità, spiegandogli che ormai si poteva parlare a stento di tradizione ballettistica italiana. Perfino le numerose tournées dei Ballets Russes, che tanto entusiasmo avevano suscitato in tutto il mondo, in Italia avevano provocato solo una breve ventata di interesse, che non era bastata ad arginare il generale processo di decadenza della cultura accademica italiana. Dal suo arrivo, Milloss decise di condurre nel nostro paese una battaglia infervorata in teatro, nei salotti, sui giornali, nei cenacoli dove gli artisti allora si incontravano, per la dignità della danza come arte autonoma dalla musica, e per la figura del coreografo, da considerarsi finalmente quindi il creatore del balletto. Con le sue argomentazioni seppe conquistare coloro che contavano.
[…]
Non a caso risposero al richiamo della sua personalità uomini come Cesare Brandi, Giovanni Carandente, un pittore intellettuale come Scialoja, musicologi come Rognoni, Mila, e soprattutto Fedele d’Amico. Milloss promosse la coscienza della dignità della danza come arte nobile, creò un pubblico che prima di lui non c’era per la danza, convinse i giovani, gli intellettuali, i melomani che il balletto è un’arte, e un’arte della modernità. Milloss, in quegli anni fu molto apprezzato, non solo come coreografo, ma anche come ballerino, nonostante quella scarsa formazione che aveva avuto. Infatti due anni di classi con Nicola Guerra, esperienze varie con maestri di diversa impronta didattica, poche settimane con Cecchetti, da cui si recò a vent’anni, un anno o forse più di frequentazioni della scuola berlinese di Gsovskij, pure in età matura, non possono creare certo un ballerino completo dal punto di vista accademico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aurel Milloss - La sublimazione della danza ad arte totale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ines Curzio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Eugenia Casini Ropa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi