Skip to content

Percorso didattico Alpe Neel: Progetto pilota di valorizzazione multifunzionale di un alpeggio in Valle Seriana

L’Alpe Neel

Localizzazione

L'alpe che localmente viene chiamata anche “Nevel”, ma che ha come vero nome “Nèel” (come confermato dal catasto Lombardo-Veneto, depositato presso l'archivio di Stato di Bergamo), è situata in Val Canale in Comune d'Ardesio, a monte del rifugio del CAI di Bergamo Alpe Corte Bassa, più precisamente nella Val Rossa, lungo il corso del torrente Acqualina.

Storia dell'alpeggio “pilota” della Provincia di Bergamo

L'Alpe Neel è l'unico alpeggio di proprietà della Provincia di Bergamo, che l'ha acquistato nel 1964 dal Comune di Ardesio, con l'obiettivo iniziale di trasformarla da indirizzo pascolivo a quello boschivo, visto il cattivo stato della cotica erbosa e del bosco in continuo avanzamento.
L'obiettivo non è stato mai raggiunto e per alcuni decenni, fino alla fine degli anni ottanta è stata caricata tradizionalmente da un alpeggiatore di Ardesio.
Solo alla fine degli anni Ottanta, dopo un operazione di analisi conoscitiva degli alpeggi del territorio bergamasco, l'Amministrazione Provinciale decise di avviare il piano di ristrutturazione dell'alpe, su proposta del dott. Marco Marangoni.

Il 17 aprile del 1991 la Giunta provinciale con l'atto n. 674 deliberò il progetto di sistemazione dell'alpe, affidandolo all'arch. Enrico Bonandrini di Clusone, oggi responsabile dell'ufficio tecnico del Comune di Ardesio.
Nel 1992 la Comunità Montana Alta Valle Seriana stanziò i fondi per il rifacimento di parte della strada silvo-pastorale che sale dal paese di Val Canale (39 milioni di lire).

Solo l'11 maggio 1994 con l'atto n. 576 la Giunta provinciale approvò lo stanziamento di 300 milioni di lire per la riqualificazione dell'alpeggio, dopo che furono respinte tutte le domande di finanziamento agli enti competenti regionali, nazionali e comunitari.

Tutti i lavori di restaurazione furono affidati alle squadre di operatori forestali della Comunità Montana locale, che li gestisce in economia diretta, aggirando così i problemi legati alle gare d'appalto.

La gestione dell'alpe, con buon senso, è stata riaffidata al già caricatore Pietro Zucchelli, con il vincolo di condurre secondo le indicazioni dei tecnici dell'Assessorato Provinciale all'Agricoltura, sia per gli aspetti zootecnici, che per quelli agronomici. La convenzione quinquennale è stata rinnovata sia nel 1998, che nel 2003.

Gli interventi di carattere zootecnico sono finalizzati a una razionalizzazione della tecnica casearia, per migliorare le produzioni di latte e puntare alla caseificazione di qualità. Gli interventi agronomici, invece, hanno l'obiettivo di valorizzare l'essenze foraggiere pregiate, ostacolando l'espansione naturale dei cespugli e della flora erbacea ammoniacale (es. il genere Rumex, “Romice”).

Lo scopo di tutti i progetti approvati è quello di creare un modello di gestione “eco-sostenibile” che valorizzi gli alpeggi alpini e prealpini; un modello da esportare in altre zone dove i pascoli sono soggetti a degrado ed ad un abbandono progressivo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Percorso didattico Alpe Neel: Progetto pilota di valorizzazione multifunzionale di un alpeggio in Valle Seriana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Cabini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Valorizzazione e tutela del territorio e dell'ambiente montano
  Relatore: MICHELE CORTI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
recupero
prodotti tipici
territorio
alpi
montagna
cai
alpeggi
multifunzionale
valle seriana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi