Skip to content

Legge elettorale: analisi dell'Italicum e prospettive di comparazione con altri stati occidentali

Italicum: la nuova legge elettorale può far entrare il Paese in un'era di governabilità?

La risposta a questa domanda non può che essere preceduta da una premessa fondamentale, di cui abbiamo già parlato: i sistemi elettorali non possono e non riescono da soli ad indirizzare in un senso o in un altro la politica di un Paese, non esiste sistema elettorale in grado ontologicamente di assicurare la stabilità dell'esecutivo e la governabilità, perché questi sono obiettivi che non dipendono solamente da una mera formula proporzionale, maggioritaria o mista, ma da tanti fattori storico-politici e socio-economici, non da ultima, per quel che riguarda gli ultimi anni, la presenza di una forte crisi economica che premia i partiti più antisistema prima ai margini, in tutta Europa.

Detta questa importante premessa, va ricordato come l'Italicum abbia il fine, nell’idea dei suoi redattori ed in primis dell'attuale Presidente del Consiglio, che ha voluto questa legge con tutte le sue forze, di dare ai governi maggioranze stabili e non più composte da forze diversissime su cui contare, così da poter procedere in modo spedito in ogni sua intenzione ed avere un importante forza decisionale.

D'altronde è da molti anni che il refrain sul decisionismo è nel dibattito politico: già a partire dagli anni '80, con l'ascesa al potere di Bettino Craxi ed i grandi cambiamenti avvenuti nel mondo, si cominciò ad avvertire anche nella società civile l'inadeguatezza della democrazia parlamentare ideata nel dopoguerra al fine di evitare involuzioni antidemocratiche, senza testa, con un Governo con pochissimi poteri autonomi rispetto al Parlamento, molto debole e limitato da un assemblea parlamentare altamente rappresentativa e vasta, ma anche altamente paralizzante l'esecutivo; nel corso degli anni successivi, poi, questo obiettivo è stato portato avanti in particolare da Berlusconi, che ha sempre presentato sé stesso e vinto le elezioni tre volte curando un'immagine di sé da presentare al Paese come “uomo del fare”, come imprenditore decisionista in contrapposizione ai “politici del dire”.

Il Governo Renzi ha posto da subito il problema, cercando, accanto alla riforma della legge elettorale, di arrivare al superamento del bicameralismo paritario.
Ma quello che in realtà va detto è che non è poi così vero che i governi degli ultimi anni siano stati privi di capacità decisionale o non abbiano deciso nulla: fermo restando i lunghi tempi per arrivare alla fine degli iter legislativi, dal momento in cui è subentrata la Seconda Repubblica al contrario si sono succedute moltissime riforme sui temi più disparati (Costituzione, sanità, lavoro etc), il cui limite semmai è stata la qualità, non essendo adatte al contesto italiano; e spesso questa carenza qualitativa non è affatto venuta da un eccesso di rispetto di formalità burocratiche o di discussione parlamentare, perché possiamo pensare alle varie riforme del Governo Monti, in primis quella pensionistica, che è stata approvata in tempo molto breve ma ha portato risultati disastrosi sotto molti punti di vista.

Evidentemente dunque decisionismo non significa capacità di decidere bene; se l'Italicum riuscirà a conferire un potere decisionale più veloce al Governo solo il tempo potrà dirlo, ma, in primis, quello che deve giungere è un diverso comportamento della politica, che, nel riformare un paese fortemente bisognoso di riforme in tantissimi suoi aspetti, più che avere bisogno di maggiori possibilità e poteri, ha bisogno di un atteggiamento che guardi più al futuro che alle elezioni ed all'eventuale possibile perdita o conquista di voti.

Per quel che riguarda, invece, l'obiettivo di creare con l'Italicum maggioranze maggiormente stabili e coese, abbiamo già detto, in sede di analisi dei vari aspetti della legge 52/2015, che questo teoricamente è possibile; tuttavia, di nuovo, non va dimenticato che si tratta di un valore che dipende da molteplici fattori e che non si può pensare di poter raggiungere senza alcun dubbio solo sulla base di un premio di maggioranza di lista invece che di coalizione.

Se, infatti, consideriamo i governi della Seconda Repubblica, possiamo in effetti notare che i problemi maggiori, in particolare negli anni più risalenti, sono venuti dai partiti di coalizione più piccoli, ma, a partire specie dal 2009-2010, le maggioranze hanno cominciato a perdere pezzi e forza per via delle crisi interne dei partiti più forti: è accaduto così all'ultimo Governo Berlusconi, che, da poter contare su una maggioranza bulgara, è finito per cadere a causa della rottura proprio del Pdl per la fuoriuscita del suo cofondatore Fini e sta accadendo così allo stesso Governo Renzi, a causa dei malumori e finanche scissioni di parte del Partito Democratico.

Sono molti i singoli deputati che, nell'ultimo periodo, sembrano aver dimenticato la disciplina di partito e tendono ad allontanarsi dalla maggioranza, ragion per cui, affinché l'Italicum possa garantire questo obiettivo di coesione, sono necessarie alcune azioni preliminari.

In primis, in sede di composizione delle liste, i candidati dovrebbero venire dallo stesso partito, e non essere espressione di un listone di partiti politici diversi: abbiamo infatti già detto che questa legge elettorale non elimina questa possibilità, ma anzi, ovviamente, sotto un certo punto di vista la incoraggia per poter fare si di cercare di arrivare al ballottaggio e non essere un mero spettatore altrui (è il caso ad esempio dell'attuale centrodestra, che, composto da partiti che singolarmente non valgono più del 12-16%, senza la presentazione di un listone sarebbe condannato all'irrilevanza politica), per cui starà alla politica evitare di riproporre vecchie edizioni di “tutti dentro” per accaparrare più voti possibili e non essere poi, in caso di vittoria, in grado di governare. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Legge elettorale: analisi dell'Italicum e prospettive di comparazione con altri stati occidentali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianmarco Agostini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gino Scaccia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto costituzionale
sistema elettorale
legge elettorale
riforma costituzione
sistema maggioritario
sistema proporzionale
diritto pubblico comparato
italicum

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi