Skip to content

La mediazione nel processo penale minorile

La mediazione nel rito davanti al giudice di pace

Nonostante la mancanza di una specifica legge che disciplini la mediazione penale,nel nostro ordinamento essa è prevista oltre che nel Dpr 448/88 nel processo penale minorile,anche nel rito davanti al giudice di pace,seppure in una veste limitata rispetto all’idea di mediazione che emerge dagli atti internazionali.

Sebbene nel Dlg n. 274/00 regolante la competenza del giudice di pace non si parli letteralmente di mediazione,tale funzione emerge dal quarto comma dell’art 29 in cui si individua il giudice come soggetto promotore della conciliazione tra le parti,nei reati perseguibili a querela; in questa attività di stimolo e ricerca della soluzione compositiva degli opposti interessi, il giudice può servirsi di centri e strutture pubbliche o private presenti sul territorio. Ma su tale attività mediativa del giudice di pace vi sono alcuni dubbi fondati su due nodi principali: in primo luogo sulla mera eventualità del ricorso alle strutture di mediazione,e in secondo luogo sull’identità della figura del mediatore con quella del giudice che sta trattando la causa.

Si ritiene che dinanzi al giudice di pace la conciliazione non possa considerarsi autentica,cioè di effettiva pacificazione tra le parti,proprio a causa della identità del giudice col mediatore,nonostante la previsione di inutilizzabilità delle dichiarazioni rese in udienza nel prosieguo del processo,in caso di esito negativo della mediazione. Questa sovrapposizione delle figure altera la genuinità dell’attività mediativa,sarebbe stato più opportuno almeno prevedere un sistema di incompatibilità tra il giudice-persona fisica che ha proceduto col tentativo di conciliazione e quello investito della prosecuzione del giudizio.

Nonostante lo sforzo legislativo ed interpretativo non si può paragonare la mediazione operata dal giudice di pace con quella del processo penale minorile. Sicuramente è possibile scorgere un fil rouge che unisce i due riti,ovvero la centralità della relazione tra offensore e offeso, con la differenza che nel rito minorile è affidata ad agenzie terze,mentre nel rito di pace allo stesso giudice,che solo qualora lo ritenga opportuno può valersi di apposite strutture, quindi in comune vi è anche la relazione tra contesto processuale e circuiti extragiudiziari.

Ma se si volesse realizzare nel rito di pace quella stessa mediazione del rito minorile sarebbe indispensabile spendere delle energie in termini di tempo e costi per la formazione del personale,nonché per la realizzazione di centri idonei,e tutto ciò sarebbe però in contrasto con la stessa ratio del giudizio davanti al giudice di pace,consistente nel sottrarre una grossa fetta di contenzioso alla giurisdizione ordinaria senza aggiungere costi al sistema processuale. La maggiore critica che viene mossa è quella della inaccettabile riduzione della mediazione a mero momento di ripensamento delle parti,sarebbe stato più opportuno prevedere dei contesti definiti dell’azione mediativa, e dei criteri oggettivi alla base dell’attività conciliativa del giudice,che è invece eccessivamente rimessa all’iniziativa dei singoli giudici in un’ottica di generale laisser faire.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La mediazione nel processo penale minorile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Grassi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Polo jonico Taranto
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Nicola Triggiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi